Gela, stop alla costruzione del parco eolico Tar: sì a sospensiva. Comitati: «Una vittoria»

«Se i lavori fossero partiti ripristinare lo stato dei luoghi sarebbe stato impossibile». È la considerazione a caldo dell’avvocato Giovanni Puntarello, il giorno dopo il pronunciamento del Tar del Lazio. Il litorale compreso tra Gela, Butera e Licata è, almeno per il momento, risparmiato dall’installazione di 38 pale eoliche. In seguito all’intervento ad adiuvandum dell’associazione Italia nostra (ugualmente rappresentata e difesa da Puntarello e dalla collega Donà Dalle Rosee) gli avvocati hanno evidenziato come, sulla questione, la Commissione Europea abbia rivolto alle autorità italiane una richiesta di Eu Pilot (procedura che precede quella di infrazione), in relazione al mancato rispetto della direttiva Habitat. Per questo motivo la società ligure Mediterranean Wind Offshore ha preferito rinviare l’inizio dei lavori fino alla conclusione dell’udienza e al verdetto di merito del Tar. «Il presidente ha lasciato intendere che verosimilmente ciò potrebbe accadere a febbraio – chiarisce Puntarello. A fronte dell’impegno della società a non eseguire le prime installazioni noi abbiamo accettato il rinvio. È una vittoria e come tale va celebrata».

Un iter travagliato in ogni caso quello del parco eolico offshore a ridosso della costa meridionale siciliana. La richiesta presentata dalla Mediterranean Wind, un investimento di 150 milioni di euro per 38 aerogeneratori dall’altezza massima di 35 metri a circa quattro chilometri dalla costa, ottiene nel 2009 l’approvazione della Via (valutazione di impatto ambientale). Poi si susseguono i pareri negativi da parte della Regione Siciliana, dei Comuni interessati (Gela, Butera e Licata) e del Ministero dei Beni Culturali. Malgrado la riduzione del numero della macchine (da 113 a 38), la distanza dalle aree Sic (siti di interessi comunitari) e Zps (zone di protezione speciale) e le modifiche e prescrizioni imposte dal Ministero dell’Ambiente, l’opposizione al progetto permane.

E anzi si fa più forte dopo il 12 febbraio 2014, quando i neonati comitati locali No Peos promettono battaglia di fronte la concessione rilasciata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Dapprima con una serie di incontri culminati con la manifestazione a Gela del 12 aprile, con la partecipazione di migliaia di persone (addirittura un concorso, con tanto di premio, per il cartellone più bello). E poi attraverso un ricorso al Tar di Palermo. A maggio però la saga si arricchisce di un’altra puntata. I giudici siciliani si dichiarano non competenti in materia in quanto le risorse costiere e marittime appartengono di competenza ai ministeri. Ieri dunque la sospensione dei colleghi laziali. I motivi di opposizione al parco eolico li spiega l’artista gelese Giovanni Iudice, uno dei più attivi all’interno del comitato No Peos. Con la premessa che nessuno è contrario in sé all’eolico ma è la scelta del luogo a rendere questo progetto non apprezzabile. Il mare che va da Gela a Licata vanta infatti fondali ricchi di ricchi reperti archeologici, nonché l’ultimo castello che esiste sulle coste della Sicilia meridionale. Inoltre è un corridoio di migrazione importante per gli uccelli. Oltre l’impatto ambientale si teme che le enormi pale eoliche possano far desistere i turisti.

Chi si oppone agli oppositori sostiene a sua volta che sono ben altri i motivi di minaccia per il territorio, dalla Raffineria al Muos. E in ogni caso confermano gli appetiti voraci che minacciano l’isola. Nonché l’inerzia delle istituzioni. «Abbiamo fatto quello che avrebbe dovuto fare il nostro Ministro che non ha fatto – ha spiegato Iudice esternando il suo pensiero con una nota su facebook. Abbiamo fatto quello che avrebbe dovuto fare il Presidente della Regione, che non ha fatto. Abbiamo fatto quello che avrebbero dovuto fare i Sindaci […] non difendendoci da queste aggressioni e invece si scoprono inquietanti complicità».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Ieri la II sezione del Tar del Lazio ha deliberato la sospensione dell’avvio del progetto che riguarda il tratto di costa compreso tra Gela, Butera e Licata e che prevede l’installazione di 38 pale eoliche. La società aggiudicatrice dell’appalto, la ligure Wind Mediterranean Offshore, ha rinviato i lavori fino al verdetto definitivo del Tar. Esultano gli avvocati e gli attivisti del comitato No Peos. «Abbiamo fatto quel che avrebbero dovuto fare le istituzioni» commenta l’artista Giovanni Iudice

Ieri la II sezione del Tar del Lazio ha deliberato la sospensione dell’avvio del progetto che riguarda il tratto di costa compreso tra Gela, Butera e Licata e che prevede l’installazione di 38 pale eoliche. La società aggiudicatrice dell’appalto, la ligure Wind Mediterranean Offshore, ha rinviato i lavori fino al verdetto definitivo del Tar. Esultano gli avvocati e gli attivisti del comitato No Peos. «Abbiamo fatto quel che avrebbero dovuto fare le istituzioni» commenta l’artista Giovanni Iudice

Ieri la II sezione del Tar del Lazio ha deliberato la sospensione dell’avvio del progetto che riguarda il tratto di costa compreso tra Gela, Butera e Licata e che prevede l’installazione di 38 pale eoliche. La società aggiudicatrice dell’appalto, la ligure Wind Mediterranean Offshore, ha rinviato i lavori fino al verdetto definitivo del Tar. Esultano gli avvocati e gli attivisti del comitato No Peos. «Abbiamo fatto quel che avrebbero dovuto fare le istituzioni» commenta l’artista Giovanni Iudice

Ieri la II sezione del Tar del Lazio ha deliberato la sospensione dell’avvio del progetto che riguarda il tratto di costa compreso tra Gela, Butera e Licata e che prevede l’installazione di 38 pale eoliche. La società aggiudicatrice dell’appalto, la ligure Wind Mediterranean Offshore, ha rinviato i lavori fino al verdetto definitivo del Tar. Esultano gli avvocati e gli attivisti del comitato No Peos. «Abbiamo fatto quel che avrebbero dovuto fare le istituzioni» commenta l’artista Giovanni Iudice

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]