Gela, Matteo Renzi in visita per il caso Eni Il premier, contestato, esce dal retro

Al termine della conferenza stampa del premier Matteo Renzi sulla questione della raffineria, momento principale di una visita lampo a Gela organizzata per discutere delle vertenza sulla raffineria dopo il verbale d’intesa del 30 luglio scorso, dall’aula consiliare di escono fuori alla spicciolata tutti coloro che hanno partecipato all’incontro. C’erano: 6 preti – tra cui don Luigi Petralia, ex confessore di Crocetta -, la procuratrice della Repubblica Lucia Lotti, il prefetto di Caltanissetta Carmine Valente, il presidente dell’associazione antiracket di Gela Renzo Caponnetti, consiglieri comunali in ordine sparso — alcuni impegnati a scattare selfie con il premier -, sindaci del comprensorio, segretari locali dei sindacati confederali e non, esponenti di associazioni di volontariato. Presenti inoltre il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta – accolto da timidi applausi e contestato all’uscita -, il sindaco di Gela Angelo Fasulo, l’uomo di fiducia di Renzi in Sicilia ovvero Davide Faraone, il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, il sottosegretario Graziano Delrio.

C’erano tutti, insomma. Mancava solo l’Eni. Ne ha fatto le veci il presidente del Consiglio. Renzi al momento si è limitato a confermare la linea del colosso a sei zampe, ovvero le due scarne paginette del protocollo d’intesa in cui l’Eni si impegnava a valorizzare gli impianti gelesi e a ridiscutere di tempi e modalità a settembre. «La priorità di questa terra – ha dichiarato il segretario del Pd – è di difendere l’investimento puntando sulle energie verdi. Credo sia il core business di Eni in questo territorio».
Forse subodorando promesse del genere, un gruppetto di lavoratori ha atteso il premier sotto un sole cocente. Lo striscione recitava: prima delle riforme occorre il lavoro. «Siamo qui per far capire a Renzi che ha il fiato sul collo – ha dichiarato Nicola Di Caro, delegato Cgil. Noi difendiamo l’accordo dell’anno scorso, che ha un orizzonte temporale lungo e valenza industriale». Anche se i famosi 700 milioni di euro di investimento promessi da più di un anno e difesi a spada tratta da sindacati e istituzioni riguardano solamente 770 lavoratori del diretto. Nessuna menzione per gli oltre 1000 lavoratori dell’indotto.
Un altro lavoratore osserva che «non ci sono alternative alla fabbrica perché le alternative le ha bruciate tutte la raffineria».

Quando giunge il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta, i lavoratori lo osservano. Ma Crocetta non si cura di loro e sale immediatamente in aula consiliare. Gli operai non la prendono bene. «E’ come se un dottore arrivasse in ospedale – commenta uno di essi – e non salutasse i pazienti». Giungono anche pochi No Muos, che solidarizzano con alcuni espropriati pronti a contestare Crocetta e Renzi. Non hanno neanche il tempo di esprimere il proprio dissenso perché il premier, arrivato con oltre un’ora di ritardo e atteso nel tardo pomeriggio a Termini Imerese, si fionda anche lui all’interno del Municipio senza neanche voltarsi indietro. «Come al solito sono più loro che noi», commenta amaramente l’attivista Fabio D’Alessandro riferendosi al grande numero di forze dell’ordine presenti. O forse ai fortunati che hanno potuto assistere all’incontro. Mentre le poche decine di persone che volevano vedere Matteo Renzi rimangono a bocca asciutta. Il premier infatti, dopo neanche un’ora di conferenza stampa, esce dal retro per evitare qualsivoglia contestazione. Gli applausi allora sono tutti per i contestatori.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Un visita lampo per discutere della vertenza sulla raffineria di Gela, dopo il verbale d’intesa del 30 luglio. Il presidente del Consiglio conferma la linea dell’Eni. «Si punti su forme alternative di energia – ha detto – non si può pensare che a salvarci venga il governo centrale». Fuori dall’aula consiliare un gruppetto di operai, neanche tanto agguerriti, lo aspetta per sancire il diritto al lavoro. E basta la contestazione di una decina di No Muos per far optare il premier per l’uscita secondaria. Guarda il video

Un visita lampo per discutere della vertenza sulla raffineria di Gela, dopo il verbale d’intesa del 30 luglio. Il presidente del Consiglio conferma la linea dell’Eni. «Si punti su forme alternative di energia – ha detto – non si può pensare che a salvarci venga il governo centrale». Fuori dall’aula consiliare un gruppetto di operai, neanche tanto agguerriti, lo aspetta per sancire il diritto al lavoro. E basta la contestazione di una decina di No Muos per far optare il premier per l’uscita secondaria. Guarda il video

Un visita lampo per discutere della vertenza sulla raffineria di Gela, dopo il verbale d’intesa del 30 luglio. Il presidente del Consiglio conferma la linea dell’Eni. «Si punti su forme alternative di energia – ha detto – non si può pensare che a salvarci venga il governo centrale». Fuori dall’aula consiliare un gruppetto di operai, neanche tanto agguerriti, lo aspetta per sancire il diritto al lavoro. E basta la contestazione di una decina di No Muos per far optare il premier per l’uscita secondaria. Guarda il video

Un visita lampo per discutere della vertenza sulla raffineria di Gela, dopo il verbale d’intesa del 30 luglio. Il presidente del Consiglio conferma la linea dell’Eni. «Si punti su forme alternative di energia – ha detto – non si può pensare che a salvarci venga il governo centrale». Fuori dall’aula consiliare un gruppetto di operai, neanche tanto agguerriti, lo aspetta per sancire il diritto al lavoro. E basta la contestazione di una decina di No Muos per far optare il premier per l’uscita secondaria. Guarda il video

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]