Gela, la mappatura dell’amianto resta un fantasma Tra mancanza di fondi e rimpalli di responsabilità

L’obiettivo era ambizioso: far diventare Gela la prima città siciliana ad avviare una mappatura dei Mcm, i manufatti contenenti amianto. Considerato il fatto che la Sicilia ha da tempo sul tema un colpevole vuoto legislativo. Su iniziativa del Movimento 5 stelle s’era creata una sinergia tra enti e associazioni: l’osservatorio nazionale amianto, il reparto di oncologia dell’ospedale Vittorio Emanuele di Gela, Legambiente, la Regione siciliana e i dirigenti locali. Ma le buone intenzioni, al momento, sono rimaste tali. In uno scaricabarile di responsabilità.

Da aprile 2014, il progetto del tavolo tecnico fantasma – così si firma – s’è arenato negli uffici del Comune di Gela. Nelle otto pagine della relazione – più i corposi allegati – sulla mappatura e nei numerosi allegati sono indicate cifre (40mila euro), tempi di realizzazione (tre mesi), soggetti incaricati (università di Chieti), tecniche (utilizzo di immagini multispettrali), possibilità di reperimento dei fondi (soprattutto dal fotovoltaico). Il coordinatore dello studio, Daniele Esposito Paternò, è arrabbiato e lancia accuse precise. «Come al solito ci sono le belle parole ma non i fatti – dice -. È mancata e continua a mancare la volontà del sindaco Angelo Fasulo e della dirigente del settore Istruzione e ambiente Patrizia Zanone». 

Entrambi però negano. «Ci sono i controlli medici in corso – specifica il primo cittadino –. La cosa importante è la sinergia con l’Asp e posso assicurare che le visite vanno avanti. Non è vero che non abbiamo fatto niente, le scuole ad esempio le abbiamo bonificate, mentre altri Comuni non l’hanno fatto». Zanone invece se la prende con la Regione siciliana. «Non abbiamo più notizie dall’ufficio aree a rischio – è il suo commento -. Aspettiamo novità nel 2015, intanto stiamo ricevendo un sacco di segnalazioni dai privati». 

Ma i documenti elaborati dagli aderenti al tavolo – mai formalmente riconosciuto attraverso ad esempio una delibera di giunta – parlano chiaro. Insistono sull’importanza della prevenzione primaria, ovvero «l’attuazione di strategie e azioni che vanno a smantellare a monte la causa di un problema sanitario». Spiegano che «avere una mappatura pronta o comunque con un percorso definito comporta per la città di Gela la possibilità di essere in prima fila per l’assegnazione dei tributi dedicati sia alla mappatura e sia successivamente alla bonifica, al trasporto, allo stoccaggio e allo smaltimento». 

E, ancora, tirano in ballo l’Eni, o meglio l’utilizzo dei fondi che ogni anno il colosso energetico destina alla città. «Tale cifra è facilmente individuabile nelle royalties che il Comune di Gela percepisce annualmente dal polo industriale di proprietà dell’ente nazionale idrocarburi – si legge ancora nella relazione del tavolo tecnico -. A fronte dei quasi nove milioni di euro percepiti, destinare la cifra di circa 40mila euro per coprire i costi della mappatura per i Mca più che una spesa (irrisoria) viene ritenuto un investimento». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]