Gela, dal governo nazionale 20 milioni per le bonifiche Soldi risalenti al 1995, finora spesi solo cinque milioni

Tempo di bilanci, a Gela, dopo la conferenza dei servizi che ieri che si è tenuta a Roma e che riguardava le bonifiche. Il risanamento ambientale del territorio passa da due tipi di interventi: quelli pubblici, soprattutto quelle ricadenti nel Sito d’Interesse Nazionale, e quelli privati all’interno del perimetro industriale. 

Per le bonifiche in aree pubbliche il governo nazionale ha confermato 20 milioni di euro di trasferimenti alla Regione Siciliana. Non si tratta di nuovi stanziamenti, ma di quelli risalenti al Piano di Risanamento Ambientale datato 1995. Vent’anni si parlava ancora in lire, e per Gela l’allora ministro dei Lavori Pubblici e dell’Ambiente Paolo Baratta aveva decretato 40 miliardi per un totale di 47 interventi, di cui 14 a carico delle aziende e 33 a carico dello Stato. Di quei soldi, al tavolo romano di ieri, si è appurato che finora la Regione siciliana ne ha spesi per progetti di bonifica appena 5 milioni.

«I quasi 15 milioni utilizzabili – ha spiegato il vicesindaco Simone Siciliano – saranno impiegati, ad esempio, per le discariche Cipolla e Marabusca. Da parte sua l’amministrazione comunale emetterà a giorni un’ordinanza di interdizione totale dell’area che verrà delimitata con strutture amovibili, impiegando risorse regionali». Cipolla e Marabusca sono discariche di idrocarburi a cielo aperto che si trovano una in piena zona agricola della piana di Gela e l’altra nella zona periferica nord dell’area industriale, con vista sulle ciminiere. Su questi siti, dove capita di vedere persino pascolare le pecore, negli anni si sono sommate le denunce delle associazioni ambientaliste. Tra i più attivi c’è sicuramente Emilio Giudice, responsabile locale della Lipu. «La recinzione non impedirà certo all’inquinamento di continuare a diffondersi – dice -. Ci vuole un progetto di messa in sicurezza: isolare l’area in primis, poi monitorare la falda acquifera e in seguito ripristinare l’area, ad esempio insediando alberi e boschi». 

Giudice però, presente alla Conferenza dei servizi in qualità di direttore della riserva naturale del Biviere, si mostra scettico anche sulla possibilità che i fondi vengano effettivamente sbloccati. «Bisogna verificare se quei soldi a cui si fa riferimento e che sono di tanti anni fa, ci sono ancora. E poi bisogna vedere se questa sarà la volta buona che verranno dati». Il vertice fiume, durato sette ore con un lungo elenco di punti all’ordine del giorno, si è concentrato anche sulla rimozione del relitto della motonave New Rose. L’imbarcazione è incagliata dal 1991, a seguito di un violento nubifragio, sul molo di ponente del porto rifugio di Gela, il cosiddetto pontile dell’Eni. L’occasione sarà propizia per sottoporre il porto rifugio a interventi di dragaggio, di rinforzo e di ripristino funzionale. Finora invece lo scalo malconcio ha impedito ad Eni di trasportare nel proprio perimetro le due camere coke che sono parcheggiate da tre anni nel porto della città. 

Per quel che riguarda invece le aree che non ricadono nel Sito di Interesse Nazionale, la Regione ha annunciato a giorni la conclusione di alcuni dei procedimenti autorizzativi. Altrimenti le suddette aree potrebbero rientrare nella nuova riperimetrazione del Sin, dunque diventare di competenza ministeriale e non più regionale. «Ma chi propone la ripetrimetrazione del Sin è la Regione, come ha chiarito all’incontro il ministero – ricorda Giudice -. Serve una delibera di giunta». L’ultima annotazione vale per le bonifiche relative ai siti di Versalis, la società che si occupa di chimica e che Eni vuole dismettere. Per tutti gli altri procedimenti in itinere, che riguardano progetti di caratterizzazioni e di bonifiche relative a suoli e falde, questi dovranno essere chiusi in 60 giorni. 

Il ministero dell’ambiente ha poi promesso procedure d’urgenza che impongono tempi estremamente contenuti. Anche qui però Giudice rimane caustico. «Una tempistica in queste conferenze viene sempre data – conclude Giudice -, ma i tempi certi si sono ottenuti solo sulle aree industriali private, poi bisogna vedere se Eni rispetta le scadenze».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]