Gasdotto Gela-Malta, il nodo dell’impatto ambientale «Per il via libera serve risanare pure danni pregressi»

«Finché il progetto non sarà reso noto sarà impossibile stabilire se quest’opera avrà i requisiti per essere realizzata». All’indomani del nuovo incontro tra la Regione e gli emissari del governo maltese guidato da Joseph Muscat, per parlare della realizzazione del gasdotto che dovrebbe collegare Gela alla città di Delimara, tra i corridoi dell’assessorato al Territorio c’è chi si lascia scappare un commento su quello che, al momento, resterebbe un insieme di intenti ancora lontano dall’essere vagliato alla luce delle stringenti norme europee. Anche perché in ballo ci sono oltre trecento milioni, larga parte dei quali legata ai fondi comunitari.

«La volontà politica è chiara da ambedue le parti, però per fare un’opera del genere serve altro, specialmente perché l’area individuata ha criticità che richiedono attenzioni particolari», prosegue il funzionario. Il riferimento va al fatto che, stando a quanto reso noto dall’Agenzia per l’acqua e l’energia maltese, che risponde al ministero guidato da Joe Mizzi, la rotta individuata per il gasdotto attraverserebbe vaste porzioni ricadenti all’interno del sito di Rete Natura 2000 Torre Manfria, Biviere, Piana di Gela, oltre che le aree del sito di interesse nazionale (Sin) di Gela. Questi aspetti dovranno essere considerati in maniera seria nella redazione del progetto – il cui iter nei mesi scorsi ha già registrato l’aggiudicazione di tre gare d’appalto da parte del governo de La Valletta – soprattutto in vista della valutazione di impatto ambientale, da cui dipende il futuro dell’opera. «In quell’area dal 2016 vige un piano di gestione che contiene precise indicazioni per quanto riguarda le misure compensative in chiave ambientale – prosegue la fonte interna agli uffici palermitani -. Si parla non solo di includere provvedimenti che risanino l’impatto causato dalla nuova opera, ma anche di contribuire al risanamento delle criticità già presenti. Se non si fa questo è difficile che il progetto ottenga le autorizzazioni».

Stando a quanto risulta a MeridioNews, nei giorni scorsi i referenti del governo maltese si sarebbero recati anche a Gela, nelle aree della riserva, per conoscere i luoghi. Nel corso della visita sarebbe stato fatto presente che gli interventi di compensazione dovranno essere inclusi all’interno del progetto e fare riferimento al piano di gestione. La questione degli impatti ambientali era stata richiamata a maggio dell’anno scorso dal ministero dell’Ambiente italiano, con una nota partita dalla direzione generale per la protezione della natura e del mare e diretta al governo maltese. In estate poi il governo maltese aveva chiuso una delle gare per affidare gli studi necessari a presentare la richiesta per la valutazione di impatto ambientale. Ad aggiudicarsi l’appalto – come risulta dal sito del ministero maltese – è stata una joint venture formata dalla maltese Ais Environment Ltd e dalle italiane Cesi e Vdp. Mentre la società Lighthouse spa ha avuto assegnato il compito di fare uno studio sui fondali marini. Chi si occuperà della progettazione ingegneristica per le rotte off-shore e on-shore saranno invece le imprese italiane Techfem spa e Systems Project Services srl, alle quali, una volta avuti i necessari permessi, andrà anche la costruzione e il collaudo. 

La questione ambientale, tuttavia, al momento non trova spazio nelle dichiarazioni ufficiali del governo Musumeci. L’assessore all’Ambiente, Toto Cordaro, ieri ha parlato a margine dell’incontro con i rappresentanti del governo maltese Henri De Battista, Manuele Sapiano e Alexandra Meli, giunti in Sicilia per parlare del progetto denominato Melita TransGas Pipeline e che ha l’unico obiettivo di favorire il rifornimento energetico della piccola isola nel Mediterraneo e i cui lavori dovrebbero partire nel 2021. «In tema ambientale si fa sempre più stretta la collaborazione tra la Sicilia e il governo de La Valletta. Il confronto di oggi (ieri, ndr) è servito a ragionare su obiettivi comuni in vista di un traguardo condiviso: mettere le nostre comunità al passo con l’Europa. In quest’ottica – ha detto Cordaro – si inserisce la realizzazione del gasdotto che andrà da Gela a Delimara ma anche lo studio di nuovi progetti che ci consentano di intercettare risorse comunitarie, creando sviluppo e occupazione».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]