Gaetano Scotto, il re cauto dell’Arenella Riverito dalla gente e rispettato dai boss

«Un mafioso, anche se in carcere o fisicamente lontano, non si sconnette mai dal proprio territorio e mantiene una coltre di sudditi che lo acclamano». Utilizza queste parole il capo centro della Dia di Palermo Antonio Amoroso per descrivere il rapporto viscerale che lega Gaetano Scottoarrestato stamattina insieme ad altre sette persone, con il rione dell’Arenella. Un luogo evocativo per gli investigatori, che dà il nome a una delle famiglie mafiose più importanti del temuto mandamento di Resuttana. Famiglia che negli ultimi anni avrebbe avuto a capo proprio lo stesso Scotto, che si sarebbe riappropriato di una leadership forse mai perduta subito dopo la scarcerazione, nel gennaio del 2016

Un capo itinerante, così è definito Scotto tra le carte delle indagini, uno che non si ferma mai. Incontra tutti, parla con tutti, dispensa consigli, impartisce ordini, ma fa tutto all’aperto, per le strade del quartiere. È prudente, molto, sa che dal suo ritorno in Sicilia, dopo i quattro anni passati nel carcere di Rebibbia, ha tutti gli occhi su di sé. Solo dopo qualche tempo sceglierà alcuni luoghi ritenuti sicuri per gli incontri: il bar di fiducia, la pescheria, la torrefazione, il centro scommesse. Sempre coperto dalla coltre di estrema riverenza di molti abitanti dell’Arenella. Non fa mai il nome della persona con cui sta parlando, non usa mai perdersi in chiacchiere o dilungarsi su un argomento, non si fa attrarre dai ruoli di comando all’interno del mandamento o nella nuova Cosa nostra, che nel frattempo viene colpita sul nascere

È rispettato, Scotto, tanto che poco dopo la sua scarcerazione viene invitato a essere protagonista della processione in mare in onore di Sant’Antonio Abate, molto sentita nel rione. È il 5 agosto del 2016 quando Gaetano Scotto e la sua compagna del tempo vengono invitati a prendere parte alla funzione religiosa nientemeno che sulla barca che ospita la statua del santo, dove i passeggeri non sono abitualmente nemmeno ammessi. Un gesto di particolare importanza simbolica, come rimarcano gli investigatori. D’altra parte, dalle indagini, durate quasi cinque anni, emerge la figura di un uomo forte, a cui tutti si rivolgono per dirimere anche le piccole questioni personali: c’è chi gli chiede di fare da intermediario per l’ottenimento di una fornitura di calcestruzzo, chi per recuperare dei crediti, ma soprattutto è a lui che sarebbero state chieste le autorizzazioni per aprire o gestire attività imprenditoriali sul territorio: che fossero queste legali o abusive.

E se da un lato Gaetano Scotto avrebbe goduto della riverenza dei cittadini, dall’altro anche la Cosa nostra palermitana non era stata a guardare, tanto che è lo stesso Scotto, durante una conversazione intercettata, a raccontare del dialogo intrattenuto con una persona che gli avrebbe prospettato un futuro da capo mandamento, ruolo però rifiutato categoricamente dall’uomo che teneva alta la guardia e adottava le massime cautele per non esporsi eccessivamente. «Mi fa: capo del mandamento ti stanno facendo – racconta – Queste cose non le posso fare ah… non le posso fare perché, gli ho spiegato che in questo momento … non lo faccio, perché il Signore mi è venuto padre che sono uscito (dal carcere ndr) … perciò è inutile che mi incaricate». Intanto però pare che lo stesso Scotto non si sottraesse a certe dinamiche, tentando tramite il nipote Antonino Scotto, di riallacciare i rapporti con “‘u pacchiuni“, un soprannome importante che, secondo gli inquirenti, non potrebbe essere associato ad altri se non al latitante Giovanni Motisi: ricercato dal ’93 e ritenuto responsabile di delitti eccellenti come quelli di Ninni Cassarà, Natale Mondo e Roberto Antiochia.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]