Il misterioso furto di un auto nel parcheggio del grattacielo sequestrato al reggente dei Santapaola

Una paradossale disavventura. Protagonista Francesco Costa, giornalista originario di Catania e vice direttore del giornale on-line il Post. Palcoscenico della vicenda l’autorimessa coperta del grattacielo in via Cimarosa. L’attività, gestita dalla società Etna autoservizi, è in amministrazione giudiziaria dopo il sequestro operato dalla guardia di finanza tre anni fa. Il parcheggio formalmente intestato a Concetta Tomaselli, secondo gli inquirenti, era in mano al fratello Antonio, indicato come il reggente operativo della famiglia di Cosa nostra Santapaola-Ercolano. La sera dello scorso 21 dicembre Costa decide di parcheggiare una macchina presa a noleggio all’interno dell’autorimessa, lasciando le chiavi agli addetti per consentire eventuali spostamenti. Una decisione, come messo nero su bianco in un articolo su il Post, per scongiurare possibili danni alla vettura lungo le strade del capoluogo etneo. Poco dopo cena, intorno 23.15, quando il giornalista torna al parcheggio non trova più l’automobile. «Ho dato lo scontrino all’addetto (persona diversa da quelli precedenti, ndr) che lo ha passato nello scanner e mi ha detto che l’auto risultava essere già stata ritirata», racconta Costa.

Com’è possibile? Stando ai dati del terminale il mezzo sarebbe uscito dalla rimessa, dopo il pagamento di sei euro, alle 22.58. Il giornalista non si perde d’animo è dentro una pattumiera, nei pressi del terminale per la stampa degli scontrini, trova una ricevuta identica alla sua. Stessa targa e orario d’ingresso all’interno del parcheggio custodito. «L’addetto dice che il terminale permette di ristampare uno scontrino già emesso – continua nel racconto – e che quindi qualcuno potrebbe aver avuto accesso al terminale, aver ristampato lo scontrino col codice a barre e la targa della mia auto e poi usato la ristampa dello scontrino per ritirare la mia auto». A questo punto l’unica soluzione è chiamare le forze dell’ordine. «Mi rispondono che non possono mandare nessuno e l’unica cosa che mi suggeriscono di fare è andare via e poi sporgere denuncia la mattina dopo», cosa che poi il giornalista ha fatto. L’indomani oltre al danno c’è anche la beffa perché quando Costa consegna la denuncia alla Locauto, ossia la società di noleggio della macchina, non gli viene dato un mezzo sostitutivo. «Anziché chiedermi il rimborso della sola franchigia di 1.800 euro prevista nelle condizioni di contratto – conclude – mi ha chiesto di pagare l’intero valore dell’auto, cioè 12.389,27 euro». Adesso la palla passerà agli avvocati ma resta l’amaro in bocca per una vicenda davvero paradossale.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Una paradossale disavventura. Protagonista Francesco Costa, giornalista originario di Catania e vice direttore del giornale on-line il Post. Palcoscenico della vicenda l’autorimessa coperta del grattacielo in via Cimarosa. L’attività, gestita dalla società Etna autoservizi, è in amministrazione giudiziaria dopo il sequestro operato dalla guardia di finanza tre anni fa. Il parcheggio formalmente intestato a Concetta […]

Una paradossale disavventura. Protagonista Francesco Costa, giornalista originario di Catania e vice direttore del giornale on-line il Post. Palcoscenico della vicenda l’autorimessa coperta del grattacielo in via Cimarosa. L’attività, gestita dalla società Etna autoservizi, è in amministrazione giudiziaria dopo il sequestro operato dalla guardia di finanza tre anni fa. Il parcheggio formalmente intestato a Concetta […]

Una paradossale disavventura. Protagonista Francesco Costa, giornalista originario di Catania e vice direttore del giornale on-line il Post. Palcoscenico della vicenda l’autorimessa coperta del grattacielo in via Cimarosa. L’attività, gestita dalla società Etna autoservizi, è in amministrazione giudiziaria dopo il sequestro operato dalla guardia di finanza tre anni fa. Il parcheggio formalmente intestato a Concetta […]

Una paradossale disavventura. Protagonista Francesco Costa, giornalista originario di Catania e vice direttore del giornale on-line il Post. Palcoscenico della vicenda l’autorimessa coperta del grattacielo in via Cimarosa. L’attività, gestita dalla società Etna autoservizi, è in amministrazione giudiziaria dopo il sequestro operato dalla guardia di finanza tre anni fa. Il parcheggio formalmente intestato a Concetta […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]