Fuoricircuito: arrivederci all’anno prossimo

La stagione 2006-2007 di Fuoricircuito si è conclusa con Animania, una ricca selezione di corti di cinema d’animazione proiettata ieri per gli abbonati al Centro Zo di Catania. Cortometraggi provenienti da tutto il mondo, caratterizzati da un uso abile e sorprendente delle tecniche digitali grazie alle quali lo spettatore è catapultato spesso in un mondo fatto di omini di pongo, lana o cotone.

Ne citiamo solo alcuni, come il romantico La chute de l’ange (2005) del francese Geoffroy Barbet Massin per il bel 3D che riflette ottimamente il tema poetico dell’angelo caduto; l’onirico Il riccio nella nebbia (1975) del grande maestro russo Yuri Norstein «che – come sottolinea Ivano Mistretta, responsabile di Fuoricircuito – in vita sua ha prodotto pochi ma premiatissimi film animati, tutti di grande bellezza e perizia tecnica»; e il primo degli episodi che compongono la serie dei Dieci comandamenti (1994-1996) di Phil Mulloy, il più irriverente cartoonist britannico che, per rappresentare la sua scettica visione dell’universo, disegna gli uomini come figure scheletriche con teste nere, grandi occhi bianchi e lunghi nasi, impiegando una grafica acida e minimalista in cui mescola l’espressionismo con la brutalità del tratto punk.
«Alcuni degli altri corti – ci dice Ivano – provenivano dalla sezione “Kinder” (bambini) dell’Interfilm Festival di Berlino, con cui abbiamo un lungo e consolidato rapporto di collaborazione. Heinz Hermanns, il suo direttore, che anche quest’anno ha presentato una selezione del “meglio” dell’ultima edizione, è ormai di casa a Fuoricircuito». E così il suo pensiero va inevitabilmente agli altri ospiti di questa stagione: «Parlando di ospiti viene in mente certo anche Alina Marazzi, regista dello struggente Un’ora sola ti vorrei; ma la mente corre veloce e con affetto sopratutto a Vittorio De Seta, tra i più grandi, e purtroppo meno riconosciuti, registi italiani viventi. Il ricordo delle immagini dei suoi Diario di un maestro e Lettere dal Sahara – ci confessa Ivano – è ancora vivo, per la semplice e intima bellezza che da queste opere promana e, sopratutto, per la spinta etica che riescono a trasmettere. Le sue misurate parole, alcune proferite in pubblico, altre in mezzo ai piccoli capannelli di affezionati ed altre ancora in privato, magari convivialmente a tavola o in auto, sono state preziose e ci hanno ricordato quanto sia difficile essere impegnati e intellettualmente onesti in un contesto che apprezza sempre meno qualità come queste. Un bel ricordo».

Certo, anche quest’anno non sono mancati gli imprevisti e le conseguenti modifiche al palinsesto, così chiediamo che ne è stato del Michelangiolo di Ragghianti che doveva essere proiettato il 4 aprile 2007: «Il Michelangiolo non è stato programmato perché la pellicola risultava “sparita” dalle teche della Cineteca Nazionale. In realtà, dopo innumerevoli giri e rimandi di persona in persona, siamo venuti in contatto con il figlio dell’allora direttore della fotografia del film e, grazie a questi, con chi, della Cineteca, si occupò del restauro. Grazie al suo diretto interessamento (pare sia stato questo il motivo), la pellicola è riapparsa nelle teche… Meglio così. A questo punto la potremo proiettare l’anno prossimo. Quasi non ci speravamo più. Quando si organizzano progetti come il nostro, piuttosto simile ad un festival che a un semplice cineforum, possono accadere cose come queste. Il programma quindi varia dovendosi adeguare agli inevitabili ‘incidenti’ di percorso».

Il bilancio dell’organizzatore resta comunque molto positivo: «Complessivamente la risposta del pubblico (molti quest’anno gli universitari) è stata positiva, in linea con le nostre aspettative. Preziosa, sempre più, la collaborazione con la Facoltà di Lettere dell’Università di Catania, senza la quale avremmo dovuto compiere scelte di programmazione diverse e meno ambiziose. I film stranieri sottotitolati appositamente sono cresciuti anch’essi: quest’anno sono stati oltre un terzo di quelli inseriti in programma. Per noi un bell’impegno, considerando che si tratta di film irreperibili in Italia. Con ieri si è chiusa così la quarta stagione di Fuoricircuito. Ma stiamo già lavorando alla prossima. Grandi progetti in cantiere…».


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo