Funerale Liotta, l’addio al medico vittima del maltempo «Un professionista serio, che amava quello che faceva»

Palermo si stringe intorno alla famiglia del medico Giuseppe Liotta, vittima del maltempo, e lo fa con compostezza e affranta dal dolore nella chiesa Santa Maria Ecclesiae di viale Francia, nel giorno del suo funerale. La morte del pediatra,  ritrovato in un vigneto di Roccamena a sei chilometri e mezzo dall’auto abbandonata in contrada Scalilli a Corleone, ha scosso davvero tutti e lo testimonia una chiesa gremita da chi ha avuto modo di incrociarlo per motivi lavorativi o affettivi. O anche da chi ha saputo di lui e del suo destino attraverso le cronache di questi giorni.

In prima fila i genitori del medico, poco dopo la moglie Floriana con le cognate, nelle file subito dietro i tanti amici del giovane. Per anni precario all’ospedale Di Cristina di Palermo, era entrato definitivamente all’ospedale Dei Bianchi di Corleone, dove stava andando a prendere servizio sabato sera, quando la bomba d’acqua non gli ha lasciato scampo. «È un momento difficile e bisogna rispettare il dolore della famiglia. Per quanto riguarda Giuseppe Liotta medico posso ribadire quello che è stato detto in questi giorni, cioè che era soprattutto un professionista serio, amava quello che faceva, era proprio un gran lavoratore – sottolinea il presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo Toti Amato -. Abbiamo tutti sperato fino all’ultimo che potesse tornare a casa». 

Nei banchi più dietro al fianco del gonfalone della città di Palermo, anche gli uomini del Soccorso alpino che hanno lavorato incessantemente alle ricerche. Ci sono tutti, loro che lo hanno trovato, dopo cinque intensissimi giorni di ricerche, in contrada Frattini, dopo una perlustrazione su un elicottero della polizia. Presenti il sindaco di Palermo Leoluca Orlando (che per oggi ha disposto bandiere a mezz’asta), la prefetta Antonella De Miro e i tre commissari prefettizi che si sono stanziati a Corleone. La bara del medico, ricoperta con due cuscini di rose rosa e bianche, è stata posizionata al centro dell’altare all’inizio dell’omelia, momento in cui è calato il silenzio. A celebrare la funzione l’arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice, affiancato da monsignor Michele Pennisi, arcivescovo di Monreale.

A rompere il silenzio e la ritualità solenne della cerimonia sono due amici di Liotta che, con voce rotta dal pianto, hanno letto le prime due letture. Poi ha preso la parola anche l’arcivescovo Lorefice, che ha rivolto un suo pensiero ai familiari, soprattutto ai due bimbi del medico, non presenti in chiesa. «Dio ha sentito il vostro grido e la vostra angoscia, quelli di quando si perde chi si ama. Le grandi acque – sottolinea l’arcivescovo – non possono spegnere l’amore, né i fiumi travolgerlo. Fino all’ultimo Giuseppe è stato unito a Cristo e alla vita con i fatti, ha amato tutti anche i tanti figli che ha accompagnato come medico pediatra. Lui ha affrontato il suo dovere come marito, padre e medico dando la vita ogni giorno. Giuseppe è vivo perché ha amato ed è con noi».

Queste le parole che hanno concluso la celebrazione. Il feretro subito dopo ha preso il suo cammino per il cimitero. Intanto la procura di Termini Imerese ha aperto un’indagine sulla morte del pediatra, il fascicolo è a carico di ignoti e ipotizza i reati di inondazione e omicidio colposo


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Palermo si stringe per l'ultimo saluto al pediatra scomparso sabato mentre si recava all'ospedale di Corleone per iniziare il suo turno, e ritrovato dopo cinque giorni di ricerche. A piangerlo oggi la famiglia, gli amici, i colleghi e le istituzioni. Ma anche gli uomini del Soccorso alpino, che hanno trovato il suo corpo

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]