Fotovoltaico e agricoltura, appello a difesa delle eccellenze Angelini: «Individuare aree non idonee sarà passo importante»

Aree agricole e fotovoltaico. Il binomio – nell’ultimo anno sempre più presente all’interno dei progetti che affollano gli uffici della Regione, perlomeno fino a quando il decreto Semplificazioni bis non ha spostato a Roma la competenza per gli impianti di grandi dimensioni – in questi giorni è tornato a fare discutere per il parco da 20 megawatt che dovrebbe sorgere nel Val di Noto. Un’area in cui insistono numerosi siti tutelati dall’Unesco e divenuta simbolo per la valorizzazione delle risorse del territorio, specialmente in campo culturale ed enograstronomico. Terreni che in molti casi servono a coltivare prodotti a marchi tutelati, ricercati anche all’estero, dal vino agli ortaggi. Nel Siracusano, dove già l’anno scorso proteste si erano sollevate per il via libera a un parco a ridosso di Canicattini Bagni, a essere contrari al progetto della Limes 20 – società le cui quote sono di Limes Renewable Energy e della holding European Energy Italy Pv – sono sia gli amministratori che il mondo ambientalista. Il sindaco di Noto Corrado Figura ha fatto presente di avere fatto ricorso al Tar, il deputato autonomista Giuseppe Compagnone ha annunciato un’interrogazione al governo e l’associazionismo legato alla promozione del territorio chiede un passo indietro.

«Siamo contrari alla modalità di sviluppo di questa tecnologia in un angolo di Sicilia che sta riuscendo a proporre un modello apprezzato anche all’estero». A parlare è Frankie Terranova. Il direttore della Strada del vino del Val di Noto è intervenuto oggi nel corso della trasmissione della trasmissione radiofonica Direttora d’Aria, in onda su Radio Fantastica e Sestarete. «Molti vengono a vivere da queste parti perché riconoscono una qualità della vita superiore – ha proseguito Terranova -. Un parco di dimensioni enormi come questo apporterebbe gravi danni al paesaggio e all’agricoltura. In quest’area ci sono produzioni di valore: dai limoni al vino eloro, passando per i pomodorini». Da Terranova arriva un appello che negli ultimi mesi, ossia da quando il tema dei fondi per le rinnovabili legati al Pnrr è diventato centrale nell’agenda politica, è stato più volte lanciato: sì agli impianti green, ma va rivista la loro localizzazione, evitando il più possibile di installare i pannelli nelle aree agricole. «Qualche anno fa c’erano dei fondi europei che puntavano all’ammodernamento delle aziende agricole con l’uso delle energie rinnovabili, la Regione nei bandi escludeva che si potessero installare sul suolo agricolo. Adesso invece – ha commentato il direttore della Strada del vino del Val di Noto – è la stessa Regione ad autorizzare questi mega parchi fotovoltaici». 

Nel caso del progetto di Limes 20, si tratterebbe di una superficie di oltre 27ettari coperti da più di 49mila moduli fotovoltaici. Per quanto riguarda la scelta di presentare i progetti sui terreni agricoli, a offrire questa possibilità è la normativa. Anche se c’è da dire che qualcosa in più potrebbe essere fatto. «Penso sia importante che sindaci e cittadini si impegnino maggiormente per la tutela del territorio – ha detto Aurelio Angelini, presidente della commissione per le valutazioni ambientali della Regione ma anche direttore della fondazione Unesco – questo è ciò che è mancato negli anni precedenti. La partecipazione democratica è fondamentale nella definizione della pianificazione dei territori, ma ancora oggi è limitata. Amministratori e cittadini hanno la possibilità di fare osservazioni nelle fasi di presentazione dei progetti che vanno valutati». Angelini ha affermato che, a norma di legge, il progetto non interferisce con siti patrimonio Unesco e inoltre la Cts ha imposto una serie di condizioni per l’avvio dell’attività, tra cui l’impegno per la società proponente di attuare misure di compensazione ambientale a favore del territorio. Interventi che andranno stabiliti di concerto con il Comune di Noto e che non potranno essere di natura meramente economica.

Ciò di cui però la Sicilia ancora non si è dotata è il regolamento che individua le aree non idonee alla realizzazione dei parchi. In altre parole, una definizione di requisiti più ristretti per la localizzazione delle opere. La necessità di redigere il documento è stata fatta presente dalla stessa Cts guidata da Angelini, in sede di valutazione del piano energetico regionale. Quest’ultimo, però, attende di essere varato dalla primavera scorsa. «Noi abbiamo chiuso la nostra procedura a maggio. Adesso è stata redatta la proposta di delibera dall’assessorato e dovrebbe essere discussa in giunta – ha spiegato Angelini nel corso di Direttora d’Aria -. Ho saputo dall’assessora che c’è in corso un confronto tra giunta e uffici dell’assessorato su alcuni aspetti». In assenza di aree non idonee, gli unici paletti sono quelli previsti dalla normativa sui vincoli territoriali, quelli previsti nei piani paesaggistici, quelli legati all’aspetto idrogeologico o alla presenza di beni culturali o archeologici. Insomma, già adesso non sarebbe possibile installare i parchi fotovoltaici all’interno di un parco naturale. 

«Il regolamento sulle aree non idonee però darebbe un contributo per mappare i terreni agricoli da salvaguardare – ha aggiunto Angelini -. Negli ultimi anni sono stati presentati circa cinquecento progetti, e sarebbe fondamentale far sì che le installazioni venissero indirizzate verso le aree a scarsa produttività». Il piano energetico che attende di essere varato prevede anche che ad avere la precedenza siano le aree contaminate, quelle industriali e le cave e discariche dismesse. Zone finora quasi sempre tralasciate dalle imprese del settore green. «A essere mancato finora è stato anche un input da parte di chi gestisce queste aree», ha concluso Angelini. Il riferimento va alla mancanza di una mappatura aggiornata delle cave dismesse e disponibili, ma anche di un’attivazione delle procedure per la messa a disposizione delle aree industriali gestite, per esempio, dalle ex Asi.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]