Finita la rivolta dei migranti nell’Agrigentino Da nove mesi attendono una risposta

Dallo scorso giugno sono in attesa di sapere se potranno rimanere in Italia come rifugiati politici o saranno costretti a tornare in Nigeria. La loro pazienza è finita dopo nove mesi e stamattina è scattata la rivolta nella piccola casa di accoglienza Alice a Palma di Montechiaro, nell’Agrigentino. Diciotto nigeriani si sono asserragliati nella struttura prendendo in ostaggio uno dei responsabili della comunità, Luigi Tannorella, 33 anni. I migranti hanno chiesto di essere trasferiti al centro per richiedenti asilo di Mineo, per ricongiungersi a parenti e amici. Soltanto nel pomeriggio, dopo una lunga trattativa con la polizia, Tannorella è stato fatto uscire. Domattina gli immigrati verranno trasferiti in altre strutture identificate dalla Protezione civile. «Non andranno al Cara di Mineo come chiedevano perché non ci sono posti», precisa Totò Cavaleri, dirigente del commissariato di polizia di Palma di Montechiaro. Probabilmente rimarranno ad Agrigento, o al massimo, aggiunge Cavaleri, «verranno trasferiti in alcune comunità delle province vicine».

La comunità Alice nasce come struttura di accoglienza per minori disagiati, anche stranieri. Ma da febbraio scorso, a seguito dell’eccezionale ondata di sbarchi dalla Tunisia e dalla Libia e su richiesta della Protezione civile, ospita anche richiedenti asilo. Al momento in totale sono 24 gli ospiti della casa, compresi i 18 nigeriani autori della protesta. «Sono sempre stati soggetti tranquilli – informano dal commissariato di polizia locale – In città non hanno mai creato problemi. Certo, stare dieci mesi in una piccola struttura stanca».

Secondo un indagine del ministero del Lavoro e delle politiche sociali nel 2009 i tempi medi di attesa dei minori stranieri nella comunità Alice erano di cinque mesi. Numeri lievitati dopo l’emergenza della scorsa primavera. Nel 2011 sono stati 60mila gli immigrati sbarcati a Lampedusa provenienti da Libia e Tunisia. «I tempi giusti di attesa per ricevere un permesso di asilo politico dovrebbero essere al massimo di sei mesi», spiega Riccardo Campochiaro, avvocato del centro Astalli di Catania, che segue le richieste di numerosi ospiti del Cara di Mineo. «Purtroppo però anche a Mineo si attendono dieci o dodici mesi». Sono due le commissioni territoriali che hanno il compito di rilasciare il permesso di asilo politico: una a Trapani, da cui dipendono anche le domande dei 18 nigeriani di Palma di Montechiaro, l’altra a Siracusa. Nei mesi scorsi, si è aggiunta una sede distaccata, proprio a Mineo. «Le Commissioni – aggiunge Campochiaro – valutano caso per caso. Fatta eccezione per Somalia ed Eritrea, non viene mai riconosciuto lo status di rifugiato politico basandosi solo sulla nazionalità. Dipende dalla storia delle singole persone. Lo stesso discorso vale anche per i nigeriani, anche se nel Paese nell’ultimo anno ci sono stati violenti scontri tra cristiani e musulmani».

Non è la prima volta che la comunità Alice è teatro di fatti di cronaca. Nel dicembre del 2007 un giovane transessuale di origini catanesi si suicidò proprio nella struttura di Palma di Montechiaro. Si chiamava Paolo e aveva appena 16 anni.

[Foto di Valentina_A]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]