Ficus Foro Italico, in cento per il flash mob «Abbattimento come esecuzione mafiosa»

«Addio amico albero». È questo il titolo scelto per la serata di ieri, durante la quale i cittadini si sono dati appuntamento al Foro Italico per un flash mob spontaneo in onore dello storico Ficus abbattuto venerdì scorso dall’amministrazione comunale per ragioni di sicurezza, poiché l’albero risultava malato. Sono in molti a presentarsi all’appello, portando con sé striscioni e cartelloni, mentre a scandire il ritmo della serata sono le musiche di un gruppo di percussioniste. Un vero e proprio evento che la città ha preso molto sul serio, immortalato da foto e filmati live postati in diretta a mezzo social. E sulla panchina di marmo rimasta lì, a pochi metri dal punto in cui prima si ergeva l’arbusto, tremola addirittura una piccola candela che qualcuno ha posizionato in quel punto, a mo’ di cero commemorativo.

A farla da padrone è la discussione sulla presunta necessità di sradicare l’albero e sulla rapida rimozione degli ultimi resti avvenuta ieri mattina. «Noi di Palermo alza la voce abbiamo fatto centinaia di segnalazioni per sacchetti di immondizia abbandonati per la strada e campane mai svuotate, e ancora aspettiamo delle risposte. Guarda caso in questa situazione il tronco che era rimasto è stato tolto immediatamente. Rimane una panchina che somiglia più a una lapide», dice provocatoriamente un volontario del comitato cittadino. «Non siamo degli esperti – prosegue -, ma riteniamo che si potesse comunque fare qualcosa di diverso in alternativa all’abbattimento: anelli all’interno dell’albero perché non si sfaldasse, recinzioni, reti e comunque avvisare la cittadinanza, ma il Comune pecca in comunicazione. La città è nostra, ma qui qualcuno ha fatto quello che voleva».

A sentire i cittadini riuniti davanti a quella panchina e a quella fiammella sarebbero centinaia gli alberi tagliati dall’amministrazione Orlando, «con la scusa di lavori per i trasporti pubblici, dall’anello, al passante, al tram, si sta facendo uno sterminio». E ai più scettici che chiedono «cosa sarà mai un albero in meno?» e rimangono interdetti di fronte alla mobilitazione suscitata dall’episodio del Ficus di corso Umberto I, la risposta è sempre la stessa: «È vero che ci sono tanti problemi, ma un albero è un albero e la natura va salvaguardata». Fra i presenti c’è anche la consigliera comunale Sabrina Figuccia, che venerdì ha presentato una richiesta di accesso agli atti e che ha consultato la valutazione di stabilità (Vta): «In questa classificazione l’albero viene definito in effetti in una classificazione D, l’ultima possibile, quella che presuppone l’abbattimento dell’albero. Mi stupisce che la valutazione fosse datata 15 febbraio ma che fino a quando è stato abbattuto il 9 marzo nessuno abbia quantomeno pensato di transennare l’area». Poco distante anche il consigliere comunale Fabrizio Ferrandelli, intenzionato anche lui ad «alzare la voce» e che ha già presentato un’interrogazione urgente.

«Noi siamo venuti qui oggi in maniera pacifica – dice una donna che prende la parola -, siamo venuti a salutare l’albero, ci hanno tolto anche l’ultimo moncone pensando di bloccarci ma non ci sono riusciti. Noi siamo qui per dire basta agli abbattimenti selvaggi, ai regolamenti di conti, a quelle che sono esecuzioni di stampo mafioso, sono stata male il giorno dell’abbattimento. Ci vogliono trasparenza e comunicazione, ma anche compensazione: quando togli del verde fai del male a una città che è già in condizioni critiche». E sono allarmanti anche le parole dell’architetto Fabio Alfano, che parla della programmazione di abbattere circa mille altri alberi: «Non siamo qui per commemorare qualcosa che non c’è più, ma per salvare gli altri migliaia di alberi a rischio. Perché sono diventati pericolosi? Di chi è la responsabilità?», domanda.

Non sono mancati neppure i momenti di tensione, quando una manifestante ha attaccato verbalmente il consigliere comunale Paolo Caracausi e l’agronomo Giuseppe La Mantia, anche loro presenti all’evento: «Il tram è una cazzata! Avete abbattuto gli alberi per fare una cazzata! Vergogna! Boia!». Ma a un Caracausi interdetto che chiede alla signora «con chi sta parlando?», questa insiste e rincara la dose: «Ai boia sto parlando!», per poi defilarsi tra la folla.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]