Festino, i volti dell’appuntamento più atteso di Palermo «Viverlo tutto mostra due città completamente diverse»

Palermo è, tra le tante cose, il suo Festino. Qualcosa che è molto più di un semplice appuntamento, tanto per i palermitani quanto per chi viene apposta da fuori per vederlo coi propri occhi. Perfettamente a metà strada tra fede e paganesimo, tradizione e leggenda, ogni anno il Festino fotografa due volti della città, attraverso chi, in maniera diversa, decide di vivere questa irrinunciabile ricorrenza. «Basta andarci, al Festino, per rendersene immediatamente conto». Per Manuela Mignosi, palermitana doc, muoversi ogni anno attraverso quel fiume umano che per l’occasione si riversa in città è il modo perfetto per notare le differenze. «C’è gente che si sceglie un punto, uno strategico, e lì si piazza con sedia e tavolino al seguito già dalle sei del pomeriggio, e resta in attesa, sbucciando cozze e mangiando babbaluci e meloni, non gliene frega niente di cosa succede mentre la Santuzza parte dalla Cattedrale e arriva fino a dove hanno deciso di piazzarsi, non gliene frega proprio niente».

Se c’è, infatti, chi conosce solo un modo di vivere il Festino del 14 luglio – e cioè sfilando dietro al carro, fermandosi nei punti simbolici in cui si assiste ogni anno a uno spettacolo creato ad hoc per quella edizione, dalla Cattedrale ai Quattro Canti fino al Foro Italico – per qualcun altro non è così. Per qualcuno, dai giovanissimi alle famiglie con figli al seguito, il Festino non è che un’occasione per stare in mezzo alla confusione pulsante della città, in attesa dei tanto attesi giochi di fuoco. Che ci si piazzi sulla sommità di Monte Pellegrino, sul prato della Magione o in spiaggia a Mondello, per molti il Festino sembra essere solo questo, in barba a chi, invece, qualcosa la sente davvero per questa ricorrenza. «Per molti il Festino quello è – torna a dire Manuela -, se lo fai tutto è come vedere due città, due mondi, due popolazione completamente diverse».

Per molti il Festino corrisponde insomma solo ai tanto attesi giochi pirotecnici di chiusura, quest’anno arrivati oltre le due di notte e diluiti nell’arco di una buona mezzora e che in più di un’occasione hanno ingannato le famiglie, sorprese da un ennesimo scoppio di colore quando già erano in cammino per tornare verso casa. «Dal punto di vista antropologico quella è un’altra cosa, è un’altra città. Mentre per me, anzi, per i palermitani, anche se non tutti, è importante – dice -. La storia è semplicemente bellissima, come lo è allo stesso modo vedere ogni anno come viene interpretata, quale stile e quale linguaggio vengono scelti. La storia può essere raccontata in modi diversissimi, in maniera teatrale, avvalendosi della danza o usando scenografie particolari». Ogni volta è diverso, e ogni anno è un appuntamento, per la maggior parte, proprio con questa diversità.

Ma tra chi sente per la ricorrenza una devozione particolare e quasi inspiegabile, spontanea e naturale, e chi aspetta questo appuntamento per piazzarsi con una sediolina di legno davanti alle bancarelle di dolciumi della Cala, ci sono immancabili i soliti critici dell’ultima ora. E il loro è un ritornello ogni anno sempre uguale: «Soldi buttati per un festino pagano e per consentire guadagni alle solite consorterie di tutte le feste patronali – scrive qualcuno all’indomani dell’evento -, io mi astengo e ritorno a Palermo quando la festa è finita». Un argomento che, puntuale come un orologio, si ripresenta anno dopo anno, a prescindere dalla forma del carro, dagli spettacoli organizzati per omaggiare la Santuzza e sbalordire i palermitani, o dalla maestosità e durata dei giochi di fuoco. Una parte stessa, in un certo senso, del Festino. L’altra faccia immancabile che, insieme a devoti immobili o in marcia caratterizza questo appuntamento tutto palermitano.

Ma sembra che quest’anno a vincere sia stato soprattutto il consenso. Non si contano infatti i commenti di apprezzamento dei cittadini e dei turisti. C’è chi, come Giusto Catania, lo definisce addirittura «futuro, dal 1625». E chi non può fare a meno di declinare questo caposaldo della tradizione alle tematiche più stringenti del tempo presente. Non è un caso che uno degli slogan di questa 394esima edizione sia stato «Santa Rosalia aprici i porti». E sembra proprio che il miracolo più richiesto alla Santuzza quest’anno sia stato, a gran voce, uno su tutti: «Santa Rosalia liberaci dal razzismo». Ma anche su questo punto non tutti si sono mostrati d’accordo.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]