Festino, carro Santuzza fatto da detenuti dell’Ucciardone «Santa Rosalia è patrona palermitani, nessuno escluso»

«Un carro costruito pezzo per pezzo dai detenuti dell’Ucciardone». Nelle parole di Lollo Franco, direttore artistico del 395esimo Festino di Santa Rosalia, è racchiusa una novità assoluta nella sua storia centenaria, una novità ricca di significati che scavano a fondo nella natura umana. Il carro della Santuzza verrà realizzato in ogni sua parte all’interno dell’istituto di pena, per poi essere assemblato all’esterno, nel parcheggio, in un’area visibile ai passanti. Altra novità di quest’anno è un calendario di appuntamenti, uno diverso dall’altro, che accompagnerà la città, mese per mese, fino al Festino. Filo conduttore della manifestazione è l’inquietudine. Un sentimento molto presente tra le mura di un carcere. «Aspettando il  Festino si costruisce – aggiunge il direttore artistico – i detenuti costruiscono. Questo penso sia il grande riscatto per la città, il superamento dell’inquietudine».

«I detenuti che realizzeranno il carro sono gli stessi che in questi anni hanno portato avanti il laboratorio teatrale guidati da Lollo Franco, ma aiutati dai tecnici (un gruppo di giovani allievi dell’Accademia di Belle Arti ndr). Non escludiamo di coinvolgere anche altri detenuti che, pur non facendo parte del laboratorio, abbiano le competenze per contribuire alla realizzazione della struttura», afferma Rita Barbera, direttrice del carcere Ucciardone Calogero di Bona, che poi aggiunge riguardo al tema dell’iniziativa: «Penso che il carcere sia inquietudine. Un sentimento condiviso da tutti i detenuti ma anche da tutto il personale. Il carcere è un’istituzione chiusa e come tutte le iniziative che aprono alla città, questa agevola il reinserimento sociale, una delle funzioni degli istituti di pena. Un’apertura che significa che la cittadinanza può vedere cosa c’è dentro un carcere, e a maggior ragione in questo caso, sperimentarlo attraverso un prodotto che fa parte di Palermo, come il carro». 

Proprio questo sentimento ha fatto sì che si unissero le tessere di un mosaico. L’idea del carro costruito dai detenuti, proposta dal presidente della Commissione Beni e attività culturali del Comune, Francesco Bertolino, è stata sposata in pieno dal direttore artistico del Festino. A riunire il tutto il filo rosso dell’inquietudine, suggerito dal sindaco che afferma: «L‘Ucciardone è Palermo e Palermo è l’Ucciardone, a sottolineare, ancora una volta, che Santa Rosalia è la patrona di tutti i palermitani nessuno escluso». Un gioco di squadra quindi partito l’anno scorso, all’indomani del Festino, e che adesso è arrivato a compimento. 

«È stato arduo pensare che il Carro Trionfale che ha fatto Pitrè venisse realizzato dai detenuti – ammette Franco – ma Fabrizio Lupo, docente di scenografia dell’accademia di belle arti contribuirà alla sua costruzione. Ho pensato che il tema di quest’anno ricondotto alla realtà dei detenuti, rappresentasse una possibilità di reinserimento, di ri-valutazione del proprio percorso di vita, di riconsiderazione di un futuro possibile. La cultura è capace di realizzare grandi trasformazioni negli uomini». L’idea di base del direttore artistico è quella di ispirarsi allo sgabello delle carceri borboniche, che «non hanno spalliera, perché non gli spetta», decorati con i colori del gusto popolare e «realizzati – spiega Lupo – dai detenuti quale volontà di riscatto, da una condizione della quale ci si vuole liberare».

A rappresentare l’arcivescovo Corrado Lorefice, monsignor Filippo Sarullo che spiega: «Già l’anno scorso avevo preso l’iniziativa di portare le reliquie di Santa Rosalia nelle carceri di Palermo, ed è stato un momento molto significativo, proprio per far vivere il Festino a tutti. Quest’anno si aggiunge un altro aspetto non meno significativo, come la realizzazione del carro. Guardandolo il 14 luglio penseremo all’amore e alla passione che hanno messo nel realizzarlo. Tutti potranno sperimentare la libertà del cuore e davanti a questo non c’è grata che tenga».

Tra gli eventi che precederanno il festino ci sono una visita guidata del Santuario di Santa Rosalia a cura di don Gaetano Ceravolo, la celebrazione dell’arrivo al porto di Palermo della nave dall’Africa con il morbo della peste, e una giornata di studi sui simboli del sacro femminile al Museo internazionale delle Marionette Antonio Pasqualino, curato da Ignazio Buttitta: «Un convegno intitolato Rosalia e le altrespiega il professore –  teso a evidenziare che il simbolismo religioso che ruota intorno all’immagine della santa, come la grotta, l’acqua, la montagna, le ossa, integra una molteplicità di storie e di culture e quindi valorizza la Festa della Santa come festa di tutte le realtà umane e di tutte le comunità che vivono in questa città». Chiude la serie di iniziative un evento finale a villa Pantelleria il 5 luglio. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]