Festa S.Agata patrimonio Unesco: la proposta della giunta «Riconoscimento che darebbe vero valore internazionale»

Rinsaldare il culto e la tradizione interne per poter giungere al traguardo dell’Unesco, che sarebbe un «fiore all’occhiello per quella che viene considerata oggi la terza festa popolare al mondo». Dopo la pulizia degli storici altarini di via Dusmet e della rotonda del Rotolo, due delle tante tessere che costituiscono il mosaico del culto e della devozione a Sant’Agata, in pochi giorni arriva un atto di indirizzo politico della giunta comunale che caldeggia la candidatura della festa della martire patrona di Catania a patrimonio immateriale dell’umanità. La giunta guidata dal sindaco facente funzioni Roberto Bonaccorsi in una delibera sottoscritta negli uffici di palazzo degli Elefanti con la presenza della segretaria generale Rossana Manno e del capo di Gabinetto del sindaco Giuseppe Ferraro. L’obiettivo di far annoverare la festa di Sant’Agata tra i beni Unesco, il cui busto reliquiario è stato ammirato dai fedeli solo lo scorso 18 maggio dopo i tre anni di pandemia, nasce da alcuni punti presi in considerazione dalla giunta e indicati nel documento. 

Un passaggio di cui si dice soddisfatta Mariella Gennarino, che dallo scorso 7 gennaio riveste il ruolo di presidente del comitato dei festeggiamenti. «È un sogno che ho dichiarato da quando mi sono insediata e ho ribadito nell’ultima conferenza – dichiara Gennarino a MeridioNews – Sarebbe il valore aggiunto a una festa già maestosa. Attorno a Sant’Agata c’è un mondo che orbita, che col riconoscimento nel registro ai beni immateriali andrebbe ulteriormente valorizzato. Inoltre, si punterebbe maggiormente sul turismo religioso. Parliamo di un busto reliquiario, non di un simulacro: questo aggiunge preziosità». Nella delibera da cui scaturisce l’atto di indirizzo, la festa di Sant’Agata «rappresenta uno dei momenti di devozione più intensi della Cristianità», l’evento religioso – si legge – «più partecipato d’Italia, il secondo in Europa e il terzo nel mondo. Un poderoso fattore di coesione umana e civile che descrive una continuità millenaria della Città di Catania». 

Una festa dove – illustra ancora la delibera – «si intrecciano fattori religiosi, leggendari, antropologici, teologici capaci di tradursi in arte, letteratura, musica, elaborazione artigianale, abilità, ingegno, creatività, saperi e tradizioni tramandati nel tempo». Se questo passaggio si concretizzasse, la festa della martire catanese, già nel registro delle Eredità immateriali della Regione Siciliana dal 2017, andrebbe a inserirsi tra i patrimoni Unesco delle città tardo barocche della Val di Noto – di cui fa parte anche Catania – e dell’Etna. Il procedimento verso il l’obiettivo è già in culla da mesi. «Il sostegno della giunta ci rende soddisfatti – prosegue la presidente – È un’apertura verso un iter che già stiamo seguendo. Stiamo producendo l’incartamento, curato anche dall’ex soprintendente ai Beni culturali Rosalba Panvini, che fa parte del comitato. Questo riconoscimento darebbe definitivamente un significato internazionale alla festa». Una vetrina mondiale che farebbe di Sant’Agata l’osservata speciale nel panorama dei patrimoni dell’umanità. 

«Tanti non hanno ancora inteso la potenzialità e l’importanza della festa – osserva Gennarino – Nonostante sia già seguita da tantissime persone in Italia e nel mondo. Questo riconoscimento porterebbe, inoltre, ancora più presenze». Al possibile incremento di turisti, un evento ancora più esposto al panorama mondiale potrebbe anche favorire l’ordine e la sicurezza spesso al centro delle cronache dei festeggiamenti. In qualche frangente lo scorso 5 febbraio Gennarino venne contestata da alcuni devoti col sacco bianco per la scelta – assunta per volontà delle istituzioni – di non esporre Sant’Agata ai fedeli, ma di svelare il busto reliquario soltanto in occasione della prima messa del mattino, con la cattedrale aperta alle autorità. I devoti hanno partecipato alle messe senza però avere davanti la Santa. Il motivo era legato all’emergenza Covid. «Dopo l’ostensione di maggio, adesso stiamo lavorando per la festa di agosto – conclude Gennarino – Stiamo cercando di riportare in strada le candelore, altro aspetto storico fondamentale della festa e segno di allegria. Devo dire che a febbraio, ho assistito a una manifestazione ordinata e disciplinata, per quello che ho potuto constatare. Adesso ce la metteremo tutta per il riconoscimento Unesco, che proveremo a ottenere già dal prossimo anno».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]