Fenicotteri tornano a nidificare nelle Saline di Priolo «Nonostante il petrolchimico hanno trovato habitat»

Le Saline di Priolo Gargallo si tingono di nuovo di rosa. È qui infatti che 130 coppie di fenicottero hanno scelto di portare a termine la loro stagione di nidificazione. Quasi il triplo rispetto al 2015, anno della prima nidificazione di fenicottero sull’Isola, in cui i nuovi nati erano stati 51.

«Benché il fenicottero sia presente in Sicilia in molti altri siti costieri, come Vendicari e le Saline di Trapani, fino allo scorso anno non aveva mai nidificato in Sicilia – spiega a Meridionews Fabio Cilea, il direttore della Riserva Lipu Saline di Priolo – e quella di quest’anno è stata la conferma che non era stato un caso ma si tratta di una scelta oculata degli animali».

La piccola area umida di Saline di Priolo Gargallo è uno dei cinque siti a livello nazionale dove il fenicottero nidifica, oltre Cagliari, le zone del delta del Po come le valli di Comacchio, alcune aree della Puglia e piccole zone della Toscana.

«Questa riserva posta nel cuore del polo petrolchimico, nonostante tutti i vari problemi ambientali, è un luogo che presenta caratteristiche ideali. Noi come Lipu – racconta Cilea – siamo riusciti a realizzare 14 isole artificiali al centro del pantano che sono luoghi sicuri dove gli animali non possono essere attaccati dai predatori né disturbati dai visitatori».

Un posto tranquillo e sicuro, con una giusta quantità di acqua e ottime caratteristiche chimico-fisiche, nonché una adeguata quantità di cibo. Sono queste le caratteristiche che fanno di Saline di Priolo il nido perfetto dei fenicotteri. «Tipico delle aree umide costiere del Siracusano – ha spiegato il direttore della Riserva – è che l’acqua, raccolta grazie alle piogge invernali, evapori prosciugando il pantano nel periodo estivo. Questo significherebbe la morte dei fenicotteri che non troverebbero più cibo e sarebbero facilmente avvicinabili dai predatori terrestri». È per questo che, per il secondo anno consecutivo, il primo cittadino di Priolo Gargallo, Antonello Rizza, è intervenuto con un’ordinanza sindacale che chiede alla centrale Enel Archimede di pompare all’interno del bacino acqua di mare presa dalla zona balneare di Marina di Priolo, certificata dal ministero della Salute e controllata dall’Arpa.

In questo lembo superstite di naturalità, in una fascia costiera pesantemente trasformata dagli interventi umani e industriali, «i fenicotteri, come le oltre 240 specie di uccelli censiti – precisa Cilea – vivono completamente liberi in tutte le fasi: scelgono il posto, decidono quando arrivare, quando deporre le uova che poi vengono covate per 28 giorni prima di schiudersi. Sono loro stessi, in totale indipendenza, ad allevare i pulcini. Una delle cose più belle dei fenicotteri – racconta – è che poche settimane dopo che sono nati i piccoli, gli adulti li portano in quella che viene definita nursery, che è un vero e proprio asilo nido in cui tutti i pulcini vengono tenuti insieme da pochi adulti che si alternano per gestirli durante l’arco della giornata mentre gli altri si allontanano, anche fino a 60 chilometri, per cercare cibo senza consumare tutto quello che si trova nel pantano».

Istituita dalla Regione siciliana nel 2000 e affidata in gestione alla Lipu, la riserva delle Saline di Priolo può ridare speranza a un territorio deturpato dall’inquinamento industriale. «L’idea che il fenicottero, uno degli animali più affascinanti ed eleganti delle zone umide mediterranee, abbia deciso di nidificare proprio lì dove tutto sembrava irrimediabilmente perduto – conclude il responsabile Lipu – ci ricorda che è possibile un recupero del territorio e ci dà fiducia nel rilanciare un progetto di riqualificazione». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]