Fatta luce sulla scomparsa del tabaccaio Bruno «Fatto a pezzi, bruciato e dato in pasto ai maiali»

Un caso forse risolto definitivamente dopo 13 anni. Giuseppe Bruno, titolare di una rivendita di tabacchi a Villarosa, scomparso il 27 maggio del 2004, sarebbe stato ucciso con un’inaudita ferocia a causa di un credito che voleva riscuotere dai suoi assassini. Strangolato, fatto a pezzi con una motosega, dato in pasto ai maiali e in parte bruciato dentro un fusto metallico. Gli autori di tanta atrocità sarebbero Michele e Maurizio Nicosia, 53 e 54 anni. Entrambi arrestati dai carabinieri del comando provinciale di Enna e dalla squadra mobile di Enna, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Caltanissetta. Sono accusati di omicidio, distruzione di cadavere e associazione mafiosa. 

Insieme a loro finiscono in carcere altri due esponenti della stessa famiglia: Damiano e Amedeo Nicosia, 60 e 51 anni. Accusati di associazione mafiosa, finalizzata a commettere omicidi, usura, traffico di droga, detenzione e porto d’armi. Nonché del tentativo di gestire il controllo delle attività economiche del territorio. A fornire gli elementi necessari a risolvere il caso è stato un pentito che ha rilasciato dichiarazioni alla Dda di Caltanissetta. Si tratta di Santo Nicosia, fratello di Michele e cugino di Maurizio, entrambi arrestati oggi. «È attendibile perché non aveva sconti di pena da ottenere – spiega il pubblico ministero Santi Roberto Condorelli -. Ha fatto una scelta: allontanarsi da quell’ambiente, ritenendo di raccontare questo omicidio di cui si era occupata la trasmissione Chi l’ha Visto con ben cinque puntate».

E a tal proposito il procuratore capo di Caltanissetta, Maurizio Bertone precisa: «Abbiamo dovuto verificare se le dichiarazioni del collaboratore fossero influenzate dalle ricostruzioni giornalistiche delle trasmissioni televisive, che già molto avevano detto. Il risultato dell’inchiesta ci dice che non sono influenzate, e che anzi il pentito ha corretto alcuni dettagli imprecisi forniti dai media». La dinamica dell’omicidio è agghiacciante. «Il delitto non è premeditato ma nasce d’impeto – precisa Condorelli -. La vittima era andata a reclamare un prestito fatto alla famiglia Nicosia, in particolare a Damiano». Soldi che, secondo gli inquirenti, sarebbero serviti a comprare droga.

La somma, però, non sarebbe stata più pagata quando Damiano e Maurizio Nicosia vengono arrestati nell’operazione Scarface. Ma appena rimessi a piede libero, Bruno raggiunge la masseria della famiglia per reclamare 80mila euro. «Lo fa in modo aggressivo – sottolinea il pm – in modo impensabile davanti a personaggi come Maurizio Nicosia. Che in un capannone prima lo pesta e poi lo strangola con una corda. Il cadavere viene fatto scomparire nei giorni successivi, una parte bruciata in dei bidoni e un’altra data agli animali».  Presente alla conferenza stampa anche Piero Capizzi, sindaco di Calascibetta e legale della famiglia Bruno: «La moglie è come se avesse perso nuovamente il marito». 

ll’epoca dei fatti, maggio del 2004, le indagini furono archiviate perché non furono trovati elementi sufficienti. L’auto di Bruno fu trovata sull’autostrada A19 in una piazzola nei pressi dello svincolo di Mulinello. Le dichiarazioni del pentito coinciderebbero con alcuni degli elementi raccolti 13 anni fa. Il collaboratore Santo Nicosia non sarebbe stato coinvolto direttamente nell’omicidio di Bruno, ma era invece partecipe in altri traffici della famiglia. Quest’ultima non sarebbe affiliata a Cosa Nostra ma negli anni avrebbe soppiantato a Villarosa la tradizionale famiglia mafiosa e precisa la Procura, «controlla il territorio meglio di Cosa Nostra al punto di essere percepito dagli altri clan come tale. La loro forza si esplica nel controllo dei terreni al pascolo, del traffico di droga, e dell’usura». I Nicosia avrebbero anche favorito e protetto la latitanza del boss di Gela, Daniele Emmanuello


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]