Ex ospedale S. Marta, al via le operazioni di demolizione «Contiamo di abbattere la parte esterna entro Natale»

«Prima di Natale, se non ci dovessero essere intoppi, sarà demolita tutta la parte esterna del fabbricato. Le opere di abbattimento sono stimate in circa 70 giorni». Questo l’annuncio fatto a MeridioNews da Rosario Fiammingo, uno dei responsabili della Figeco, impresa giarrese che fa parte del consorzio di ditte Agorà attualmente impegnata nei lavori di demolizione dell’ex ospedale Santa Marta-Villermosa, nel quartiere Antico Corso. A distanza di un anno dalle parole pronunciate dal presidente della Regione Nello Musumeci, nel punto in cui sorge l’ex nosocomio dovrebbero partire i lavori per realizzare quella che, secondo il progetto dell’architetto Giuseppe Scannella, dovrà essere una grande piazza con un porticato su cui sarà realizzato un pergolato con pannelli fotovoltaici. Una volta svuotati i locali, adesso la ditta sta attuando le operazioni propedeutiche alla demolizione delle parti esterne. Ieri è arrivato in cantiere l’escavatore con cui la ditta dovrà lavorare.

«Demolire un impianto simile è complesso – continua Fiammingo – Oltre al semplice materiale con il mobilio e ai controsoffitti, dovevano essere eliminati anche serbatoi e canne fumarie in amianto. Lavoriamo alla struttura da sei mesi. Partiremo con le attività preliminari lunedì, per poi lavorare con l’escavatore tra mercoledì e giovedì. Le fasi preliminari sono importanti per far sì che i fabbricati vicini non abbiano conseguenze durante la demolizione». L’abbattimento si svolgerà in più fasi. Si inizierà con la parte centrale per poi proseguire a destra e concludere sul versante sinistro. «Dal centro ci sposteremo poi verso via Antonino Di Sangiuliano e via Bambino, ma bisognerà procedere con cautela poiché entrambi i versanti sono attaccati a un corpo fabbrica – aggiunge il responsabile – Quindi è un lavoro che richiede una determinata attenzione. Per ogni operazione verrà scorporato il cemento dal ferro e tutto il materiale sarà man mano portato via».

A sentire gli esperti, dunque, le operazioni sono complesse, sia per la tipologia del materiale che per questioni legate a motivi strutturali. Tuttavia non sono mancate le lungaggini burocratiche. Sebbene, come fa sapere la stessa ditta, i lavori alla struttura non si sono mai fermati. A gravare sugli interventi sono stati diversi fattori, anche burocratici. A partire dalle cabine per l’energia elettrica che dovevano essere spostate, fino alla mancata individuazione di una ditta che si occupasse di conferire i detriti edili. La ditta è stata individuata, ma fino all’inizio del mese scorso, la Regione, attraverso il Genio civile, ha visto andare deserti tutti i tentativi di affidare i lavori. L’importo per lo smaltimento inizialmente era fissato sui 78mila euro, poi successivamente ridotti di 10mila euro. L’affidamento e le operazioni erano state condotte dall’ingegnere capo del Genio civile Natale Zuccarello, poi dimessosi dopo essere risultato indagato per alcune presunte turbative d’asta

Quando i lavori per la demolizione saranno conclusi, il prossimo passaggio sarà quello della realizzazione della piazza, il cui affidamento del progetto in questi mesi non ha mancato di sollevare polemiche. La progettazione della piazza che dovrà nascere è stata aggiudicata da Scannella con un affidamento diretto di 38mila euro – con un ribasso del 3 per cento – senza passare da un bando con un concorso di idee, come prevedeva una delibera regionale di cinque mesi prima. Il rup Zuccarello, in un documento regionale, aveva spiegato che si era fatto ricorso all’affidamento diretto per motivi di carenza di personale interno all’ufficio, per cui non poteva essere garantita l’attività richiesta.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]