Etna, artista israeliano cerca volontari per performance «Il tremore del vulcano è emblema di forza e fertilità»

Yuval Avital, musicista e compositore israeliano noto per le sue opere icono-sonore (particolari installazioni artistiche fatte di musica, suoni, filmati, strumenti ipertecnologici ed esseri umani) chiama a raccolta i catanesi ai piedi dell’Etna e li invita a partecipare il 17, 18 e 19 febbraio alla realizzazione di alcuni filmati che faranno parte di una nuova opera, Variazioni sul tremore armonico, che verrà esposta a Milano il prossimo ottobre. «L’opera finale sarà un’installazione immersiva, quasi un piccolo museo a sé di suoni e immagini – anticipa Avital a MeridioNews – Ci sarà un totem che riprodurrà il tremore armonico del vulcano (i suoni infrasonici prodotti da un vulcano attivo), un polittico di filmati e cinque percorsi visivi e tematici. E ci sarà anche la terra».
Coloro che si presenteranno agli appuntamenti prenderanno parte a dei «momenti collettivi» nei quali compiranno dei gesti semplici e verranno filmati: «Non c’è bisogno di nessuna esperienza musicale né artistica precedente – spiega Avital – si tratta di eseguire movimenti molto facili e alcuni suoni di facile riproduzione. Questi elementi moltiplicati in più persone e collocati in uno scenario prescelto diventeranno quadri audio-visivi di una grande potenza».

Il coinvolgimento di persone comuni come partecipanti attivi alla costruzione dell’opera artistica non è una novità per Avital, che appena due anni fa dava vita ad Alma Mater, una grande installazione sull’archetipo materno, popolata da volti e voci di nonne ed esibita all’Expo di Milano nel 2015. E proprio in quell’occasione è arrivata l’idea di un nuovo progetto sull’Etna insieme a un incontro importante: «È stato lì che ho conosciuto Diego Cusumano, la cui azienda figurava tra i sostenitori del progetto. Ci siamo trovati affini in termini di visione etica ed estetica, si parlava in continuazione della magia del luogo lavico e di una terra che ha dentro di sé l’emblema della fertilità e forze devastanti». Da qui la scelta della Sicilia, del vulcano e dell’Etna: «La Sicilia è una terra che mi ha affascinato fin da quando l’ho visitata la prima volta. Essendo nato a Gerusalemme sento profondamente la bellezza della complessità e la coesistenza di tanti strati culturali diversi. Quando mi sono chiesto cosa rendesse unica questa terra e questo luogo, la prima risposta che mi è venuta in mente è stata: “il tremore”. Sull’Etna tutto trema: la terra, l’aria, l’essere umano. Non si tratta di un tremore morboso, ma di una linfa vitale costante e piena di energia. Anche la musica e il suono alla fine dei conti sono un tremore nell’aria. Variazioni sul Tremore Armonico vuole essere un quadro allegorico composto da un mosaico icono-sonoro in cui appaiono decine di volti».

Proprio in questi giorni, Yuval Avital arriverà in Sicilia e si preparerà alla realizzazione della sua performance artistica potendo contare sull’aiuto di molte realtà e personalità catanesi legate al territorio etneo: «Per il mio arrivo sull’Etna devo ringraziare la Cusumano masterpieces che mi ha invitato qui, per prendere ispirazione e rendere omaggio a questo luogo unico. Inoltre il mio progetto non avrebbe potuto essere realizzato senza che tante realtà locali decidessero di sposare la causa: solo per nominarne alcune, l’Ingv Catania, il Parco dell’Etna, il musicologo Luca Recupero che ha coinvolto numerosi musicisti e portatori di tradizioni popolari, l’Associazione musicale etnea, Carmelo D’Amico, che sta dando un aiuto preziosissimo per il reclutamento degli abitanti dei paesi etnei, la guida alpina Franco Emmi che mi ha introdotto in intimità alle sfumature nascoste del monte, le ballerine Aurora e Arianna della compagnia Zappalà Danza. E poi Antonio Presti, al quale devo dei ringraziamenti per i suoi preziosi consigli riguardo la progettazione dell’opera e dell’orientamento dell’anima del monte».

Il primo appuntamento con Yuval Avital, rivolto a persone di ogni età e sesso, è per venerdì 17 febbraio alle 14 al Rifugio Ragabo di Linguaglossa. L’indomani, sabato 18 febbraio a partire dalle 10, sono chiamate a presentarsi soltanto donne di età compresa tra i 15 e i novant’anni totalmente vestite di nero, all’ingresso del parcheggio di Piano Provenzana a Linguaglossa, mentre per l’ultimo giorno, domenica 19 febbraio alle 11:30, potranno partecipare nuovamente persone di qualunque età e sesso presentandosi alla Piazza Umberto accanto al Castello Normanno di Adrano: «Non capita ogni giorno che ci sia l’occasione di diventare parte di un’opera d’arte che rimarrà per sempre. Consiglio con calore di togliersi l’imbarazzo e di partecipare», suggerisce Avital, che tornerà in Sicilia nei prossimi mesi per fare riprese aggiuntive con alcune realtà musicali (bande, fisarmonicisti, marranzani e tamburelli) e anche filmare due artisti locali: il coreografo Salvatore Romania e il poeta Biagio Guerrera. Ma soprattutto per provare a restituire l’opera finita alla Sicilia: «Credo e spero che, dopo la rappresentazione dell’opera a Milano in autunno, quest’opera torni alla sua terra d’origine e possa essere vista anche dai suoi protagonisti».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]