Esondazione Dirillo, esclusa l’apertura della diga di Licodia Esperto: «Ha piovuto molto, ma non in quantità eccezionali»

Non è stata una esondazione grave come quelle del 2008 e del 2012, in occasione del ciclone Athos, ma anche stamattina si è temuto il peggio quando il fiume Dirillo, in territorio di Acate, ha rotto gli argini, allagando la statale 115 nel tratto compreso tra i chilometri 280 e 285 e facendo preoccupare non poco i tanti produttori che gestiscono le loro aziende agricole nella ricca vallata del fiume, cuore pulsante dell’economia di buona parte della Sicilia. Il sindaco di Acate Giovanni Di Natale, per tutta la mattinata, ha seguito sul posto l’evolversi della situazione e la carreggiata della statale è stata riaperta solo intorno alle ore 11.30 da Anas.

Sul posto hanno operato gli uomini della Protezione Civile di Acate e del Consorzio di Bonifica di Gela, insieme ai tecnici del Comune, ma indispensabile è stato l’aiuto dei produttori che, per ore, hanno disposto sacchi di sabbia in prossimità dei punti in cui il Dirillo ha rotto o ha rischiato di rompere gli argini. «Tramite il prefetto di Ragusa – ha fatto sapere il primo cittadino – ho interessato l’ente che gestisce la diga Ragoleto, ossia l’Eni, per evitare che rilascino acqua e aggravino la situazione. Il punto più critico è quello dove, anni fa, sono state realizzate le paratie che devono dirottare l’acqua verso il lago Biviere e che, anche se sono aperte al massimo, non permettono il deflusso libero dell’acqua del fiume perchè il letto non è pulito. La cosa paradossale è che in estate avevo allertato gli organi competenti, invitandoli a controllare che per il deflusso delle acque fosse tutto sotto controllo e ricevendo rassicurazioni in tal senso. Invece – ha concluso – ci ritroviamo di nuovo in questa situazione e ho dovuto chiamare mezzi meccanici per eliminare questo tappo e favorire il normale deflusso».

Per alcune ore, data la grande quantità di acqua che ha ingrossato il fiume, era stata ipotizzata anche un’apertura pariziale della diga di Licodia, smentita poi categoricamente da Eni. Può accadere, infatti, che, in condizioni di pericolo, sia necessario svuotare parzialmente l’invaso per non farlo tracimare, ma non è quello che sarebbe accaduto oggi. «Come centro funzionale non abbiamo ricevuto alcuna comunicazione in tal senso», confema Giuseppe Basile, dirigente del Centro funzionale decentrato multirischio integrato della Regione Siciliana, che si occupa dell’elaborazione e pubblicazione degli avvisi di protezione civile per il rischio idrogeologico e idraulico. «Quando l’ente gestore decide di aprire parzialmente la diga – spiega Basile – ci sono procedure da attuare che si riferiscono al piano di gestione della diga (che viene discusso in prefettura), al documento di protezione civile del gestore e alle regole stabilite dall’ufficio dighe nazionale. Una di queste procedure prevede che il gestore ci faccia sapere che ha esigenza di scaricare, e noi ci attiviamo per darne comunicazione a tutti, in modo che gli enti preposti sappiano come comportarsi».

Ieri, come detto, non c’è stata alcuna comunicazione riguardante la diga Ragoleto. Resta in campo, dunque, solo l’ipotesi delle piogge abbondanti. Ma ha piovuto davvero così tanto, nelle ultime ore, da far esondare il Dirillo? A dare una risposta è Luigi Pasotti, responsabile dell’Unità operativa di climatologia, idrografia e idrologia della Regione Siciliana. «Le piogge sono state abbondanti – commenta – ma non eccezionali. La rete pluviometrica ci dice che nelle ultime 24 ore le due stazioni della zona della diga, che è ampia diversi chilometri, hanno registrato un dato che va dai 54 ai 69 millimetri. L’intensità è stata, certamente, elevata, ma non a carattere di nubifragio».


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]