Esami di maturità: dopo due anni ritorna la prova scritta «Ok riprendere la normalità, ma linee guida arrivate tardi»

Sono poco più di 49mila gli studenti siciliani che oggi affronteranno l’esame di maturità. Un ritorno sui banchi per quella che sarà la prima delle due giornate dedicate allo scritto, dopo due anni segnati dall’emergenza Covid in cui maturandi si sono dovuti giocare tutto sulla prova orale. Gli umori sono diversi: tra la felicità di un ritorno alla normalità e un pizzico di naturale preoccupazione. C’è chi si sente emozionato e contento nell’affrontare la classica prova, mentre qualcuno avrebbe preferito che restasse soltanto l’orale, dato che il ritorno tra i banchi in presenza dopo la Dad è avvenuto a gennaio e i programmi sono stati ridotti. Per Lorenzo, che frequenta il liceo Scientifico Galileo Galilei di Catania, affrontare un esame in più potrebbe comportare qualche rischio: «affrontare un esame in più non è una cosa favorevole – dice lo studente a MeridioNews – Dall’altro lato però ci sono dei vantaggi, come quello di avere la possibilità di distribuire i crediti in più prove a differenza dello scorso anno in cui ce n’era soltanto una. Inoltre, in vista della valutazione, si sono tenuti molto in considerazione i crediti formativi dei primi tre anni. Ed è indicativo di come sia stato giudicato il complesso degli anni di studio e non un singolo anno o una singola prova». 

Ma accanto alle note positive, Lorenzo fa notare come, nonostante non sia particolarmente preoccupato per la prima prova di Italiano, il fatto di aver avuto i programmi ridotti potrebbe pregiudicare un po’ la prima prova. «Non siamo arrivati a studiare alcuni autori – afferma – Il ministero non ha tenuto conto del programma ridimensionato. Molti hanno fatto la Dad per mesi. In ogni caso, mi piace scrivere in maniera libera, per questo credo che mi concentrerò sulla traccia di attualità. Non sappiamo quali temi ci saranno, chiaramente, le ipotesi possono essere parecchie. Per quanto riguarda una possibile traccia sulla comprensione del testo, ho studiato Giovanni Pascoli. Siamo un po’ preoccupati per la seconda prova, che allo Scientifico sarà quella di Matematica. Sono contento, però, di rivedere i miei compagni. Ieri sera ci siamo ritrovati davanti alla scuola a cantare Notte prima degli esami di Venditti». Le tracce per la prima prova scritta saranno suddivise in tre punti: ci sarà il tema incentrato sul testo di un autore, un argomento a base storica e un altro proprio sull’attualità. Per quest’ultimo gli argomenti più gettonati sono il Covid, l‘emergenza ambientale, l’eutanasia o la guerra in Ucraina.

Il ritorno della prima prova dopo il Covid arriva insieme ai tormentoni dei social. Soprattutto su Tik Tok, dove spopolano i video in cui gli insegnanti fanno domande o trattano autori o temi che potrebbero essere oggetto della prima prima prova. «Molti ragazzi pubblicano appunti con mappe concettuali e ci sono anche storie divertenti», afferma Martina, che frequenta l’indirizzo Economico-Sociale al Polivalente Ettore Majorana di San Giovanni La Punta. Una maturità in cui anche le modalità di incontro e di studio si sono sempre più cristallizzate nella distanza, con le videochat. «Ci diamo appuntamento al telefono per ripetere i possibili argomenti in vista anche dell’orale – aggiunge Martina – Sono indirizzata verso un tema di attualità, ma se dovesse esserci una traccia su un autore che ho studiato bene, farò quella». Alla domanda se si può considerare fortuna o sfiga, quella di essere capitati nell’anno in cui ritorna la prova scritta agli esami di maturità, Martina risponde «Ci sono i pro e i contro – osserva – Certo c’è l’ansia e lo stress delle prove, ma è molto emozionante ritrovarsi con i propri compagni di classe in un momento così importante: per questo sono felice – conclude – Ieri ci siamo visti e siamo stati tutti insieme». In molti hanno fatto ricerca su internet per tentare di prepararsi su possibili autori o, magari, tentare di scoprire quali saranno gli argomenti. 

Gli autori papabili sono Giovanni Verga, dato che quest’anno ricorre il centenario dalla sua morte, o Pier Paolo Pasolini, a 100 anni dalla nascita del regista e scrittore sulla cui morte sono rimaste sempre delle ombre. Sempre legata agli esami di maturità sarà l’utilizzo della mascherina, che sarà a discrezione del dirigente scolastico. Aurora, studentessa al liceo delle Scienze umane al Regina Elena di Acireale fa notare come sulle prove d’esame ci sia stata un po’ di confusione. «Si è pensato subito a un ritorno alla normalità e va benissimo: sono d’accordo a ripristinare la prova scritta, ma non hanno tenuto conto del parere degli studenti – dichiara – L’ordinanza ministeriale è uscita soltanto a metà del secondo quadrimestre, dopo diverse manifestazioni. Le direttive chiare dovevano arrivare prima». Le perplessità sono sempre legate all’inizio dell’anno scolastico con qualche difficoltà. «In ogni caso, ieri ci siamo visti, abbiamo cenato insieme. In questi giorni abbiamo cercato su internet eventuali argomenti da poter approfondire – chiosa Aurora – Soprattutto per il colloquio orale, dove dovremmo ci saranno presentanti dei percorsi multidisciplinari che noi dovremmo commentare. Ci stiamo aiutando molto tra di noi, ci sentiamo per telefono. Adesso ci apprestiamo a vivere il momento».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]