Enna, 25enne accusato di terrorismo Tra attività sui social e viaggi sospetti

Immagini inneggianti alla jihad, la guerra santa, e alla violenza. Post di approvazione dopo la strage di Parigi al giornale Charlie Hebdo, intercettazioni gravi a suo carico. Sarebbero gli elementi che hanno portato la Dda di Caltanissetta a ordinare l’arresto di Muhammad Bilal, un pakistano di 25 anni, che è stato fermato a Mantova. Il giovane è arrivato in Sicilia nel gennaio del 2014 su un barcone proveniente dalla Libia ed è rimasto nell’Isola per diverso tempo, prima in un centro di Siracusa, poi alla Città del sole di Piazza Armerina. L’uomo è accusato di associazione a delinquere con finalità di terrorismo. E gli investigatori stanno provando a ricostruire i contatti che ha avuto nei viaggi fatti in diverse regioni d’Italia. 

Ad arrestarlo sono stati gli uomini della Digos di Enna, coordinati dal servizio centrale antiterrorismo della polizia e dalla Procura di Caltanissetta. Perquisizioni sono state eseguite nelle province di Mantova, Enna, Prato, Milano e Como. Bilal è considerato parte di un’organizzazione terroristica anticristiana e antisciita. In un’intercettazione un connazionale che vive in Pakistan gli diceva: «Ma come pensi di riuscire a ottenere lo status di rifugiato se sei un talebano?». In efetti la commissione immigrazione della Prefettura di Enna lo scorso 17 agosto gli ha negato lo status di rifugiato, ma il 25enne ha presentato ricorso. 

L’attenzione degli inquirenti si sposta su Bilal all’indomani di una protesta avvenuta il 14 ottobre del 2014 nel centro di prima accoglienza di Piazza Armerina, dove era stato trasferito a giugno dello stesso anno. Anche in altre occasioni il 25enne si è reso protagonista di proteste e ha manifestato insofferenza verso le forze dell’ordine. A suo nome erano intestate sei schede telefoniche, tutte però in uso ad altre persone. Quella, invece, utilizzata da Bilal sarebbe stata intestata a un’altra persona. Ma a destare preoccupazione è stata soprattutto la sua attività su Facebook. Una delle foto diffuse attraverso il social network ritrae una bottiglia di coca cola, considerata uno dei simboli della cultura occidentale, sormontata da un proiettile e recante il messaggio: «Chi acquista questi prodotti contribuisce all’uccisione di molti palestinesi». In un altro post scriveva: «Cerca di interessarti al martirio, la jihad andrà avanti fino alla fine». Sul suo profilo Facebook, Bilal affermava di appartenere al gruppo pakistano Sipah-e-Sahaba Pakistan, nata come partito politico negli anni ’80, e inserita tra le organizzazione terroristiche. I suoi post, tra cui alcuni di approvazione per l’attentato al giornale satirico francese Charlie Hebdo, riscuotevano moltissimi like. La Digos sottolinea inoltre che il giovane avrebbe avuto un ruolo da leader nella comunità pakistana di Piazza Armerina. 

Gli investigatori hanno ricostruito i viaggi fatti dal 25enne in autobus nel resto d’Italia e adesso stanno provando a individuare eventuali contatti a rischio. Nell’ambito della stessa operazione antiterrorismo risultano indagati altri due extracomunitari. Bilal, inoltre, sarebbe stato pronto a partire per il Canada dove aveva contatti con suoi connazionali. Tuttavia nel corso della conferenza stampa in cui sono stati illustrati i particolari dell’inchiesta, il procuratore capo facente funzioni di Caltanissetta Lia Sava e il questore di Enna Ferdinando Guarino hanno escluso l’eventualità che fosse in grado di organizzare attentati terroristici in Italia. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]