Empire, per Licandro era locale insospettabile «Processo? Nessuno ricordava queste cose»

«Certo che l’amministrazione poteva non sapere, perché in effetti è accaduto». È la risposta dell’assessore alla Cultura Orazio Licandro dopo il caso della discoteca Empire di via Zolfatai. Storico locale etneo, per il quale nei giorni scorsi è stato eseguito un decreto di sequestro e confisca voluto dalla procura di Catania. Secondo gli inquirenti, la struttura sarebbe parte del patrimonio riconducile a Giacomo Nuccio Ieni, presunto esponente del clan Pillera-Puntina, nei confronti del quale è attualmente in corso un procedimento giudiziario partito nel 2006 e arrivato al secondo grado. La scorsa settimana, però, il Comune di Catania inaugurava La strada degli artisti, nata da una collaborazione – prima annunciata e poi, dopo i più recenti fatti di cronaca, smentita – anche con il proprietario della discoteca Empire, Domenico Di Bella, non indagato, ritenuto dagli investigatori prestanome di Ieni. «La sinergia pubblico-privato riempie la città di contenuti», aveva detto Licandro il 10 ottobre. «Noi non dovevamo nemmeno organizzare gli eventi», replica lui oggi.

Assessore, già dal 2006 la discoteca Empire risulta coinvolta nelle indagini dell’operazione Atlantide. Il processo è arrivato al secondo grado di giudizio e gli atti erano pubblici. Peraltro, su Google si trova facilmente un articolo del quotidiano La Sicilia che riporta la notizia. È ancora convinto che l’amministrazione potesse non sapere?
«Di Di Bella, formalmente, non ci risultava nulla».

Nemmeno a livello di informazione? Sa, già nel 2006 si parlava di ipotetici prestanome del presunto boss Ieni. E di lui si è tornato a parlare nel 2009 perché gli erano stati concessi, e poi revocati, gli arresti domiciliari per depressione. Non ricorda?
«Non lo sapevo e nessuno di noi si ricordava di queste cose. Se soltanto avessimo annusato una cosa del genere, non avremmo fatto nulla».

Come prenderà le distanze dalla vicenda?
«Il sindaco ha già detto che quando ci saranno gli sviluppi giudiziari, se si arriverà a un processo, ci costituiremo parte civile».

Ma il processo c’è già. È in Appello e a breve dovrebbe arrivare una sentenza.
«Di che cosa? Del processo del 2006? Noi non c’eravamo. Ma su questo argomento si vedrà in futuro. Noi abbiamo sospeso ogni forma di collaborazione che, ci tengo a sottolineare, era una proposta congiunta dell’Empire, di un’associazione e dell’Accademia delle belle arti. Quest’ultima dava la sua presenza a garanzia e forniva gli artisti e la programmazione degli eventi. C’è poi una mia valutazione personale: se mi chiedono perché una discoteca, io rispondo che era un seme per far capire che nella vita ci sono altri orizzonti».

Quindi è stata l’Accademia a proporre una collaborazione all’amministrazione e non viceversa?
«Io ho chiamato l’Accademia perché è arrivata in assessorato la proposta di riqualificare una zona, cosa che è nelle linee dell’amministrazione. Dall’Accademia mi hanno detto che loro avallavano già la proposta. E infatti nella suddetta viene citata la professoressa Daniela Costa, con cui abbiamo fatto tante collaborazioni, e si dice che cura l’organizzazione e il coordinamento. Si dice anche che gli eventi sarebbero stati a cura di una commissione presieduta da Virgilio Piccari. Io cosa potevo pensare?».

Sono state chieste le sue dimissioni, c’è anche una petizione online. A sua volta, per questioni «pre-giudiziarie: morali e politiche», lei aveva chiesto le dimissioni di Raffaele Lombardo. 
«Che c’entra. Lui era presidente della Regione sotto processo, con una richiesta di rinvio a giudizio e faldoni di cose. Licandro e il sindaco non frequentano i mafiosi e non sono stati fotografati con il boss. Se si legge LiveSiciliaCatania c’è scritto che Di Bella era un insospettabile. Ribadisco: la cosa spiacevole è accaduta, ma se avessimo avuto il minimo sentore non sarebbe successo. A tutti quelli che si svegliano oggi vorrei chiedere: dov’erano quando si davano gli appalti che questa amministrazione ha revocato? Da quello per il parcheggio Sanzio a quello per la nettezza urbana, commissariati per infiltrazione?».


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]