Elezioni a Noto, Veneziano oppositore da 15 anni «Il sindaco uscente ci lascia 16 milioni di debiti»

Consigliere comunale di opposizione da 15 anni, Salvo Veneziano ha deciso di scendere in campo per la poltrona di primo cittadino. L’insegnante 46enne è capogruppo consiliare di Noto nostra, una delle sei liste civiche che appoggia la sua candidatura. Si presenta con un movimento trasversale senza nascondere, però, che nella sua coalizione ci sono molti esponenti del centrodestra.

Come nasce l’idea di candidarsi a sindaco?
«Più che una scelta è stato un processo che è partito dal basso, dal coinvolgimento e dall’aggregazione di tanti soggetti politici, associazioni culturali e singoli cittadini che si sono messi assieme e me l’hanno chiesto».

Quali sono i punti centrali del suo programma? A che cosa la città non può più rinunciare?
«Il nostro programma si fonda essenzialmente su sei punti che abbiamo voluto racchiudere in altrettanti atti principali: la promozione del lavoro in tutte le sue forme, la rielaborazione del piano regolatore generale, la realizzazione di alcune opere pubbliche strategiche, il risanamento del bilancio comunale eliminando la spesa parassitaria, la sistemazione della macchina municipale attraverso la riqualificazione dei dirigenti, e il ripristino della legalità nell’azione amministrativa».

Qual è la figura politica o tecnica (nazionale o internazionale) a cui si ispira?
«Il riferimento della mia lista civica è la gente con cui parliamo, le persone comuni. La nostra è una lista civica e quindi, in quanto tale, trasversale. Non abbiamo punti di riferimento né nazionali né internazionali ma siamo molto legati al territorio in cui viviamo e in cui vogliamo concentrare il nostro impegno».

In caso non riuscisse ad andare al ballottaggio, con chi si alleerebbe al secondo turno?
«Non è una eventualità che abbiamo preso in considerazione».

Elenchi le prime tre cose che farebbe appena eletto.
«Metterei mano ad alcuni regolamenti comunali che limitano l’attività imprenditoriale: innanzitutto l’abrogazione del regolamento per l’utilizzo delle energie alternative, poi la modifica di quello edilizio nelle zone agricole e l’istituzione di un regolamento anticorruzione».

Qual è l’avversario che teme di più?
«Io rispetto i miei cinque avversari politici e, quindi, li temo tutti».

Un pregio e un difetto della precedente amministrazione.
«Per me che sono stato consigliere di opposizione per 15 anni, è difficile trovare un pregio nell’amministrazione uscente. Il difetto più grosso è quello di avere indebitato il Comune in maniera esponenziale, portandolo a più di 16 milioni di euro di debiti».

Da consigliere di opposizione, cosa ha fatto per correggere il tiro della precedente amministrazione?
«Sono stato promotore di molte mozioni, ordini del giorno e consigli comunali aperti, e alcuni fra questi sono stati approvati all’unanimità dal consiglio comunale. Per esempio quelle sull’ospedale Trigona, sugli ex lavoratori precari e sulla sicurezza. Tutte iniziative che hanno avuto un respiro strategico per la città e che sono state approvate all’unanimità. Purtroppo, molto spesso, l’amministrazione ha disatteso quanto era stato deliberato in consiglio comunale».

Lei dice che la sua coalizione è fatta di liste civiche, ma fino all’altro ieri era evidente il suo legame con Forza Italia e Fratelli d’Italia. C’è stato davvero un allontanamento o è solo strategia?
«Non sono mai stato legato a nessun orientamento politico, ma all’interno della mia coalizione ci sono molti esponenti del centrodestra e non lo nascondiamo. Questo, però, non connota la mia coalizione come di centrodestra, perché all’interno coesistono personalità di orientamento politico diverso».

Una tale costellazione di liste civiche è sintomo di paura verso i simboli partitici visti come sinonimi di malapolitica?
«Nel nostro caso i partiti di riferimento del centrodestra in questo momento non esistono. A livello provinciale non sono nemmeno strutturati. A livello locale, dunque, la sintesi migliore ci è sembrata quella delle liste civiche».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]