Elezioni amministrative in provincia di Agrigento Doppio ballottaggio Pd-M5s, polemiche a Canicattì

Una sindaca eletta, a Montevago, e tre ballottaggi che vedono sempre coinvolto il candidato del Pd. A Favara e Porto Empedocle contro quello del Movimento 5 stelle, a Canicattì contro l’esponente di centrodestra, seppur sostenuto da liste civiche. È il quadro che si è delineato in provincia di Agrigento, dove soffia forte il vento del partito di Beppe Grillo. 

FAVARA
A Favara tra due settimane si confronteranno Anna Alba, del M5s, che ha ottenuto circa il 23 per cento, e Gabriella Bruccoleri, seconda con circa il 20. «Sono molto soddisfatta – commenta quest’ultima – adesso leggeremo bene i risultati dal punto di vista politico. Sono soprattutto contenta per l’affermazione di due donne, finalmente è maturata la sensibilità per affidare responsabilità a noi donne». La sfida col M5s non la spaventa. «Non possiamo consegnare a loro la profezia del cambiamento», sottolinea. 

PORTO EMPEDOCLE
Pure a Porto Empedocle sarà scontro M5s-Pd. Anche nella città di Camilleri il primo turno ha visto in testa la candidata pentastellata, Ida Carmina, con il 37 per cento di preferenze, più del doppio di quelle date alla lista del Movimento, che si è fermata al 14 per cento. «Non ci aspettavamo queste percentuali – ha commentato a caldo a MeridioNews -, speravamo di fare bene, ma non certo di arrivare al ballottaggio da primi. Come ce lo spieghiamo? I cittadini hanno voglia di cambiare tutto, è una rivoluzione culturale». In vista del confronto finale, la pentastellata ha le idee chiare. «Noi – sottolinea – non faremo alleanze con nessuno, secondo la logica del Movimento, poi se qualcuno ci vuole votare ben venga». A contendergli la poltrona di sindaco sarà Orazio Guarraci, sostenuto da Pd, Sicilia futura e la lista civica Vertenza Porto Empedocle. «Soggetti politici che hanno avuto incarichi in città hanno trasferito preferenze sulla candidata dei Cinque stelle», analizza Guarraci che passa subito all’attacco: «Più volte ho invitato Carmina al confronto pubblico, ma ha sempre rifiutato, ora rinnovo l’invito». Il candidato del Pd pensa agli apparentamenti affinché la coalizione raggiunga il 50 per cento, e così togliere, a prescindere dall’esito del ballottaggio, la possibilità del premio di maggioranza al M5s. «Sto meditando, sicuramente non guardo alle liste di Martello, perché hanno già annunciato di votare per il M5s al fine di distruggere il sistema e tornare presto al voto. Più semplice un apparentamento con Città Nuova con cui ci sono molte compatibilità programmatiche».

CANICATTI’
Completamente diverso invece lo scenario a Canicattì, dove si è registrato un forte voto disgiunto a favore del candidato del Pd, Ettore Di Ventura, avvocato ed ex consigliere provinciale sempre col Pd, primo con il 24,7 per cento dei voti. «È un risultato straordinario per numero di consensi e per l’alta presenza di candidati – spiega – è stata premiata la volontà dei cittadini di cambiare, per il Pd è uno dei migliori risultati in tutta Italia». Il segreto? «Una candidatura non calata dall’alto, ad aprile abbiamo fatto le primarie, molti dicevano che il voto era inquinato, invece ci siamo fatti conoscere per tempo e questo ci ha molto agevolato». Di Ventura dice di «dover valutare nei prossimi giorni eventuali alleanze». Chi è già sicuro di non volerlo sostenere è Gaetano Rizzo, vicepresidente del consiglio comunale uscente, giunto quarto al primo turno di queste elezioni, con l’8 per cento, pari a circa 1.500 voti in meno rispetto alle liste che lo sostenevano, tra cui spicca Sicilia Futura con il 12 per cento. «Sono disgustato, amareggiato e deluso – commenta Rizzo a MeridioNews – è successo qualcosa di molto strano, i voti di Sicilia futura sono andati al candidato del Pd, probabilmente in vista di un accordo per le prossime elezioni regionali. Questo non è il mio modo di fare politica, non sosterrò certamente Di Ventura al ballottaggio, ma ritengo anche che questo per me segna la fine della politica attiva». Ad avvantaggiarsi di questa spaccatura potrebbe essere proprio Ivan Paci, sostenuto da due liste civiche di centrodestra, entrambe oltre la soglia di sbarramento. «Il nostro progetto è stato recepito – afferma – per gli apparentamenti valuteremo, sicuramente non ne farò per regalare consiglieri a qualcuno, ma sulla base delle idee su acqua, rifiuti e legalità».

MONTEVAGO
Chi già festeggia è invece Margherita Ruvolo La Rocca, eletta sindaca di Montevago. L’attuale deputata dell’Udc all’Assemblea regionale siciliana ha superato per poco il rivale Calogero Impastato. Una differenza di circa 80 voti su un totale di duemila elettori. «Dopo il tartassamento subito nelle ultime settimane – ha commentato La Rocca durante i festeggiamenti nella notte – pensavo di non farcela, invece ringrazio tutti i Montevaghesi». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]