EDITORIALE/ Lampedusa, la lacrime di coccodrillo di Bruxelles e Roma

DOPO NON AVER MANTENUTO NESSUNA DELLE PROMESSE FATTE APPENA UN MESE FA, IN OCCASIONE DEL NAUFRAGIO DEL BARCONE E DELLE CENTINAIA DI MIGRANTI MORTI, L’UNIONE EUROPEA E IL GOVERNO NAZIONALE CERCANO CAPRI ESPIATORI. MA NON SI RENDONO CONTO DI SFIORARE IL RIDICOLO

E’ semplicemente incredibile come l’Unione europea e il Governo nazionale cambino le carte in tavola sulla vicenda del centro di accoglienza di Lampedusa trasformato in un lager. Ai governanti di Bruxelles, di Strasburgo e di Roma di come vivono i migranti non glien’è mai fregato niente. Sono piombati come sciacalli dopo i fatti di qualche mese fa per fare scena: la presenza ai funerali delle vittime del barcone affondato, la promessa di aiuti e altre promesse varie. Chiuse le bare, chi s’è visto s’è visto.
Penosa, l’Unione europea. Da quando abbiamo contato i morti del barcone di Lampedusa, a parte qualche comunicato stampa degli eurodeputati Rita Borsellino e Salvatore Iacolino, che hanno provato – e gliene va dato merito – di tenere viva la questione, non una delle promesse dell’Unione europea è stata mantenuta. In scena è andata la strafottenza assoluta, degna, del resto, di un’Unione europea massonica, tutta dedita alla salvaguardia delle banche e della finanza banditesca. Uno schifo.
Nei giorni ‘caldi’, quando si contavano i migranti morti in mare, da Bruxelles era arrivata la notizia che in Sicilia sarebbe stata aperta una sede di Frontex. Secondo noi non è molto: perché l’Unione europea dovrebbe assicurare alla Sicilia in generale e a Lampedusa in particolare presenza, prevenzione, assistenza ai migranti e alla popolazione residente: in una parola, un’azione mirata, espressione di quella politica estera che quest’inutile e dannosa Unione europea non ha.
Non è andata meglio con il Governo Letta-Alfano-Bilderberg. A parte la sceneggiata nel porto di San Leone, ad Agrigento – dove il ministro degli Interni ha fatto passerella, non per i morti, ma perché Agrigento è la sua città – da Roma non è arrivato un solo segnale.
Adesso, dopo che viene fuori quello che tutti sanno: e cioè che il Centro di accoglienza di Lampedusa è abbandonato (non da ora, ma da sempre: soprattutto dopo l’incendio che ne ha dimezzato l’attività), i governanti di Bruxelles e di Roma fanno la voce grossa. Il Ministro Alfano dice: “Chi ha sbagliato, pagherà”.
Facendo finta che gl’italiani non capiscano che il primo ad aver sbagliato è proprio lui: è lui il Ministro degl’Interni, cioè la branca dell’amministrazione dello Stato che si deve occupare e preoccupare di questi problemi; è lui che avrebbe dovuto controllare l’attività di assistenza a Lampedusa. E adesso che viene fuori il fallimento della propria azione di governo, va a caccia di capri espiatori. Una scena pietosa, degna, in tutto e per tutto dell’inutile e dannoso Governo del quale fa parte.
Che dire, ancora, dell’Unione europea delle banche e della fìnanza? Della sede di Frontex in Sicilia non si parla più. Forse ne metteranno una nel Mediterraneo. Forse in qualche posto ‘scognito’ dove l’amico di qualche potente di Bruxelles o di Strasburgo potrà lucrare soldi sulla pelle dei migranti.
La verità è che c’è da vergognarsi a far parte di questa pessima Unione europea che, da quando si è strutturata con l’euro, non ha fatto altro che impoverire l’Italia e gl’italiani. Ma ci pensiamo ogni tanto in quale fogna politica, economica e sociale ci siamo andati a cacciare?      

Lager a Lampedusa? “Non abbiamo strutture adeguate” E il Governo lo sa bene…     


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]