È morto Massimo Bellomo Ugdulena Storico addetto stampa del Villa Sofia

«Papà ha lottato fino all’ultimo come un leone con tutte le forze, sostenuto dal nostro e dal vostro immenso amore. Va via sereno con noi sempre al suo fianco e con voi sempre costantemente presenti nel cuore». Con queste poche righe la famiglia di Massimo Bellomo Ugdulena dà la notizia della scomparsa del giornalista, da anni addetto stampa dell’azienda Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello

Bellomo aveva 59 anni e da tempo conviveva con una malattia. È comunque rimasto al suo posto, a dare risposte ai quesiti più disparati dei colleghi, fino a pochi mesi fa. Noi stessi di MeridioNews, negli anni, lo abbiamo disturbato a qualsiasi ora. Lui, persona straordinariamente a modo, non si è mai tirato indietro, non ha mai eluso una domanda o lasciato un quesito irrisolto, ma soprattutto ha sempre abusato di gentilezza, puntualità e professionalità, doti quanto mai rare, non solo nel nostro mestiere. 

La redazione di MeridioNews si stringe al dolore dei familiari di Massimo, a cui porge le più sentite e sincere condoglianze.


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo