Discarica Siculiana, 30 euro in più per ogni tonnellata Sindaci sul piede di guerra. Catanzaro: «Prezzo equo»

È di nuovo scontro tra i sindaci dell’Agrigentino e la ditta Catanzaro, titolare della discarica di Siculiana. Come prevedibile, dopo l’adeguamento della struttura alla normativa europea in tema di gestione dei rifiuti, l’imprenditore – che ha potuto riaprire la discarica nel momento in cui è stata dotata dell’impianto per il trattamento biomeccanico dei rifiuti – ha aumentato le tariffe a carico dei Comuni per il conferimento. Dai circa 90 euro (tasse escluse) per una tonnellata di rifiuti, le amministrazioni dovranno adesso sborsare 123 euro (al netto delle tasse) per la stessa quantità di spazzatura.

Cifre che hanno fatto saltare dalle loro sedie i sindaci agrigentini nel momento in cui, a inizio settimana, la lettera che comunicava l’incremento è finita sulle loro scrivanie. Così ieri l’assemblea dei soci della Srr Ato 4 Agrigentino ha deliberato «di respingere con forza la pretesa da parte della ditta Catanzaro, gestore della discarica sita in Contrada Materana-Siculiana, di fare sottoscrivere una convenzione a tutti i Comuni per consentire il conferimento dei rifiuti». «La convenzione – prosegue la nota dei sindaci – prevede un costo di oltre 153 euro a tonnellata (tasse incluse, nda), assolutamente insostenibile per i Comuni e per la popolazione servita, stante che l’onere previsto risulta pressoché raddoppiato rispetto a quello precedentemente praticato, facendo notevolmente incrementare i costi, già eccessivi, del servizio d’igiene ambientale».

Un prezzo che invece, secondo la ditta Catanzaro, risulterebbe «perfettamente in linea rispetto ai prezzi praticati da altri operatori ed è conseguenza dell’introduzione di un ulteriore livello di trattamento dei rifiuti che comporta maggiori oneri ed investimenti interamente sostenuti dall’azienda, che continua ad applicare le migliori tecnologie assicurando elevati livelli standard del processo produttivo».

Insomma, quello che per i sindaci sembra essere un «ingiustificato aumento», per i Catanzaro è invece la conseguenza dell’installazione dell’impianto di biostabilizzazione dei rifiuti. Ma i primi cittadini non ci stanno e «diffidano la ditta a dare seguito alla minacciata chiusura della discarica, che comporterebbe per la popolazione gravissimi disagi di carattere igienico-sanitari, nonché l’interruzione di un pubblico servizio che, infatti, in quanto tale, prevede un provvedimento regionale per l’individuazione del prezzo. Sono stati prontamente informati il Prefetto di Agrigento e il presidente della Regione Sicilia, affinché ognuno, per la parte di rispettiva competenza, possa intervenire per dirimere la questione».

«Il problema – attacca Pasquale Amato, sindaco di Palma di Montechiaro – è che soltanto in Sicilia può avvenire che un imprenditore a cui sono stati assegnati dei Comuni per il conferimento, possa decidere autonomamente di aumentare le tariffe ai danni delle amministrazioni. Noi fortunatamente, nonostante il disagio dei viaggi, conferiamo a Lentini per 127 euro a tonnellata, ma è chiaro che la questione va affrontata a un livello superiore».

Dello stesso avviso il sindaco di Bivona e parlamentare regionale Pd, Giovanni Panepinto, secondo cui «i sindaci dovranno per forza ricorrere ai debiti fuori bilancio per coprire i costi aggiuntivi. Il problema reale – aggiunge – è che serve un contraddittorio, sulla vicenda dovrebbe intervenire la Regione». Con molta probabilità sarà compito dell’assessore Contrafatto, al ritorno dalle ferie, cercare una mediazione tra Catanzaro e i sindaci.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]