Diffida al Comune sull’abbattimento di mille alberi «Da anni potature selvagge, cittadini inascoltati» 

«Si tratta di delitti programmati. Per ogni albero che si taglia se ne dovrebbero piantumare cinque, e invece il Comune di Palermo continua a perseverare con la logica dello sterminio del verde». La denuncia di Giovanni Moncada, presidente dell’associazione Comitati Civici, arriva dalla sede del Comitato Bene Collettivo, in via Pirandello. Sono in tutto 12 i comitati e le associazioni cittadine che questa mattina hanno presentato una diffida al Comune sul presunto abbattimento di oltre mille alberi su suoli pubblici, che l’amministrazione ha indicato di dover effettuare perché ritenuti pericolosi. A dire il vero non ci sono atti pubblici specifici sulla misura, ma i colloqui e i pareri dei tecnici del settore verde, nonché i numeri indicati dalle ditte che a breve dovranno effettuare le operazioni. 

«La cifra di mille alberi da abbattere – spiega l’architetto Fabio Alfano, del Comitato Bene Collettivo – risulta soltanto dall’esame di una minima parte dell’intero patrimonio del verde urbano. Quando il Comune scoprirà che gli alberi in città sono 70mila, quanti altri ce ne saranno ancora da eliminare? È da anni che ci occupiamo del problema. Abbiamo visto parecchie anomalie (ad esempio Foro Italicozona Uditore), assistiamo a potature selvagge che sono dei veri e propri abbattimenti. Su questo nuovo rischio è vero che finora non sono state indicate le zone, ma noi denunciamo un andazzo che va avanti da tempo. Chiediamo che venga accertato lo stato di salute degli alberi che si dovranno abbattere, chiediamo di indicare le alternative. Spesso la Soprintendenza non sa neanche come si muove il Comune». 

Ad aumentare la rabbia dei cittadini è il fatto che a giugno partirà la Biennale d’arte Manifesta, dal titolo Il giardino planetario, che fa riferimento a principi, logiche e comportamenti fondati sulla piena consapevolezza e cura della natura, soprattutto all’interno di un contesto urbano. Tutti elementi che, secondo gli autori della diffida, non appartengono all’amministrazione palermitana. Per l’ingegnere informatico Maurizio Orlando «il Comune non risponde alle richieste dei cittadini. Gli alberi dovrebbero censiti, sarebbe facile fare un inventario grafico e georeferenziato, anche perché le professionalità all’interno degli uffici ci sono».

Moncada aggiunge che «basta guardare come trattano il Parco della Favorita: solo parole al vento, niente di concreto, mentre 400 ettari di verde continuano a essere assediati dall’ailanto. Noi però li marchiamo stretti». Mentre Giovanni Cumbo della Lipu sottolinea anche un altro rischio connaturato alla scomparsa degli alberi, vale a dire quello dei «190 tipi di uccelli che in città nidificano soprattutto nei parchi pubblici; tra i loro posti preferiti c’erano ad esempio anche i ficus abbattuti a piazza Castelnuovo nel 2015». 

La redazione di Meridionews ha provato a contattare per una replica l’assessore al Verde Sergio Marino, finora senza esito. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Sono 12 i comitati e le associazioni cittadine che si schierano contro le politiche sul verde da parte della giunta Orlando. «Chiediamo che venga accertato lo stato di salute degli arbusti e di indicare le alternative» dice Fabio Alfano, del Comitato Bene Collettivo. Per  Moncada, dell'associazione Comitati Civici, «si tratta di delitti programmati»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]