Differenziata, Messina a livelli record Nel primo mese di porta a porta punte del 75%

Oltre il 50 per cento, con punte del 75. È questo il tasso di raccolta differenziata raggiunto nei villaggi messinesi in cui, lo scorso 13 aprile, la giunta di Renato Accorinti ha dato il porta a porta. A certificarlo, ad appena un mese dall’avvio, è il commissario liquidatore di Messinambiente, Alessio Ciaccinel suo sito online. Ganzirri, Torre Faro, Giampilieri, Altolia, Molino, Pezzolo e Briga le zone interessate. Ciacci, fautore della strategia rifiuti zero e Personaggio ambiente 2012, parla di «dati incoraggianti». Quattro tonnellate e mezzo di carta, oltre cinque di plastica e oltre tre di vetro, per un totale di circa 13 tonnellate di materiali, «grazie alla separazione fatta dai cittadini non sono diventate rifiuti». «Sono state sottratte alle discariche e avviate al riciclo».

L’ex assessore all’Ambiente del Comune di Capannori riferisce che le percentuali di raccolta differenziata variano a seconda dei villaggi, «con percentuali in media molto incoraggianti». Il dato più eclatante è costituito dal 75 per cento raggiunto a nord della città, a Ganzirri, una delle zone più popolose tra quelle coinvolte nel nuovo sistema di raccolta differenziata, rinomata per la sua vocazione turistica. «Ma in ogni zona si è andati oltre il 50 e 60 per cento di materiale avviato a riciclo».

E dire che gli esordi non sono stati dei migliori, con le famiglie – circa quattromila 800, per un totale di 12mila persone – che, nel primo giorno di porta a porta, hanno lasciato davanti alle proprie abitazioni sacchi di immondizia indifferenziata. Quando non li hanno direttamente riversati in qualche cassonetto. Da quel momento, tuttavia, sono stati compiuti passi da gigante. Basti pensare che, come ammesso lo scorso 14 marzo dall’assessore all’Ambiente del Comune di Messina, Daniele Ialacqua, la media della differenziata, nel 2014, è stata al di sotto del dieci per cento. A Palermo, secondo uno studio pubblicato nel 2014 dall’ufficio Statistica del Comune e dal Sistema statistico nazionale, nel 2012 si era al 10,6 per cento. Catania, nello stesso periodo, era al 12,8, secondo l’Istat. Al primo posto in Sicilia, in base a quanto riportato lo scorso marzo da Rifiuti zero, c’è Alcamo, con una media del 45 per cento.

«È la conferma che anche a Messina si possono raggiungere grandi traguardi, nonostante le difficoltà e i ritardi che ancora si registrano – dichiara Ialacqua, rifacendosi alle risultanza divulgate da Ciacci – ci aspetta un periodo di grandi innovazioni nel campo della gestione dei rifiuti in città, i primi dati che ci provengono dalla raccolta differenziata porta a porta ci incoraggiano ad andare avanti e a essere fiduciosi per l’immediato futuro».

I numeri, aggiunge Ciacci, sono «in linea con le nostre aspettative. È un motivo di profonda soddisfazione e di riscatto per i lavoratori di Messinambiente ma – ammonisce – occorre mantenere alta l’attenzione dell’azienda per perfezionare il sistema di raccolta differenziata ed estendere le aree del porta a porta. È inoltre necessario che continui a crescere la disponibilità e la convinzione dei cittadini specie di coloro che restano ancora titubanti di fronte ai benefici della raccolta differenziata».

Grazie al finanziamento di circa 240mila euro concesso, per la prima volta in Italia, da Comieco a Messinambiente, conclude il commissario, «l’ufficio acquisti dell’azienda ha iniziato le procedure per comprare dei mezzi e delle attrezzature che permetteranno di potenziare e migliorare il porta a porta e poter fare adeguata campagna di sensibilizzazione alla città sulla corretta separazione dei materiali».


Dalla stessa categoria

I più letti

Gli esordi non erano stati dei migliori, con i sacchi di indifferenziata lasciati davanti le porte dai cittadini coinvolti nel progetto. Ma in trenta giorni nei villaggi in cui dallo scorso aprile è attivo il porta a porta, si sono toccate punte del 75 per cento. Ma, precisa, «occorre mantenere alta l’attenzione dell’azienda per perfezionare il sistema»

Gli esordi non erano stati dei migliori, con i sacchi di indifferenziata lasciati davanti le porte dai cittadini coinvolti nel progetto. Ma in trenta giorni nei villaggi in cui dallo scorso aprile è attivo il porta a porta, si sono toccate punte del 75 per cento. Ma, precisa, «occorre mantenere alta l’attenzione dell’azienda per perfezionare il sistema»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]