Dalle campagne alle strade, la protesta degli agricoltori: «Siamo allo stremo, non possiamo fermarci»

Due settimane di fuoco e anche la prossima non sarà da meno. La protesta degli agricoltori e degli allevatori non accenna a fermarsi, anzi, dilaga in Sicilia. Da Ragusa a Palermo, da Agrigento alle Madonie, trattori in marcia sulle strade, striscioni, lunghe processioni di mezzi pesanti e questo, garantiscono, è solo l’inizio. «Siamo allo stremo – dice a MeridioNews Antonio Vallone, agricoltore madonita – Già lo scorso anno è stato molto pesante per i nostri raccolti e questo sarà pure peggio. Fino a gennaio non ha piovuto e per chi coltiva grano è stato un problema grandissimo. I semi non hanno avuto modo di penetrare nel terreno e attecchire, molti sono rimasti in superficie e al resto ci hanno pensato gli uccelli. E i costi di produzione non fanno che aumentare, il carburante, l’energia elettrica. E alla fine i prezzi salgono, ma solo per i consumatori, a noi continuano a pagare i nostri prodotti sempre troppo poco. Finiremo tutti col cambiare lavoro, abbandonare le campagne e i terreni».

Sulle Madonie quella appena trascorsa è stata la settimana dell’agitazione, le strade sono state percorse da circa 500 trattori. Lo stesso è successo sulla Palermo-Sciacca e in parte della Sicilia orientale. Ma è un corridoio che dalla Sicilia arriva idealmente fino a Bruxelles, con proteste che stanno nascendo in tutta Europa. Al centro delle recriminazioni di agricoltori e allevatori le politiche comunitarie, come quella che prevede l’obbligo di tenere a riposo il quattro per cento dei terreni come condizione per poter accedere ai contributi europei, i costi del carburante e il prezzi al produttore. Una protesta unica ma non unitaria, visto che tante sono le anime e i rischi di inquinamento politico della marcia. Se in Sicilia si è fatto avanti un sedicente Movimento dei trattori, che ricalca nelle dinamiche e anche in certi personaggi di punta, quello dei forconi, anche in Italia spuntano diversi “leader”, puntualmente disconosciuti.

«A noi della politica interessa poco – dicono gli agricoltori madoniti – Ascoltiamo tutti e vogliamo essere ascoltati, non strumentalizzati». Intanto per la grande manifestazione organizzata a Palermo nel giorno di san Valentino è già corsa ai piazzamenti in prima fila. A partire da Cateno De Luca, che ha annunciato la propria presenza in piazza per il 14 febbraio e lo stesso ha fatto il deputato regionale della Lega Vincenzo Figuccia, mentre le opposizioni a palazzo dei Normanni hanno chiesto al presidente della Regione Renato Schifani di convocare un tavolo tecnico insieme all’assessore all’Agricoltura Luca Sammartino e di avviare un dibattito d’Aula per ragionare anche sulle politiche regionali che riguardano il comparto. Mentre domani si insedierà l’unità di crisi per l’agricoltura voluta dallo stesso presidente Schifani.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Due settimane di fuoco e anche la prossima non sarà da meno. La protesta degli agricoltori e degli allevatori non accenna a fermarsi, anzi, dilaga in Sicilia. Da Ragusa a Palermo, da Agrigento alle Madonie, trattori in marcia sulle strade, striscioni, lunghe processioni di mezzi pesanti e questo, garantiscono, è solo l’inizio. «Siamo allo stremo […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]