Da Palermo a Torino per dar vita a una casa di produzione Il sogno di Angela Conigliaro adesso è diventato realtà

Disegnava sin da bambina ma lo trovava noioso, il suo sogno era diventare un’attrice. Poi, ha scoperto il mondo dell’illustrazione e il cinema animato è diventato il suo lavoro. Oggi, Angela Conigliaro è una regista, ha lasciato la sua Palermo per vivere a Torino e, proprio a Torino, insieme a Eleonora e Matteo – fedeli compagni di storytelling -, ha deciso di fondare una casa di produzione indipendente, dal nome originalissimo e soprattutto siculo. Ddraunara studio è realtà dal 19 aprile, ma il termine in realtà ha origini molto più remote. «Ddraunara deriva dal siciliano antico, – spiega la regista palermitana– significa letteralmente “coda di drago”. Sta ad indicare una forte folata di vento, di tempesta che arriva all’improvviso come causata dalla coda di un drago».

Ad accompagnarla in questa nuova avventura Matteo Raimondi ed Eleonora Trapani, rispettivamente aiuto regista e addetta allo storyboard. «Io, Eleonora e Matteo – racconta Angela – lavoriamo sempre assieme. Abbiamo deciso di unirci e fondare una casa di produzione per avere più controllo sulla materia. Quando produci un film è tuo da tutti i punti di vista: hai i diritti, puoi decidere le grafiche, puoi decidere a chi venderlo, puoi decidere la lingua. Banalmente anche la stessa allegria con la quale si lavora, non lascia spazio allo stress e la storia viene meglio».

Il liceo artistico Eustachio Catalano, gli anni di teatro a Palermo, l’accademia di cinema a Torino e i soggiorni all’estero, Ddraunara non è di certo l’unica ventata di novità nella dinamica vita di Angela. La giovane e talentuosa regista palermitana, a soli 32 anni, vanta già diverse collaborazioni importanti tra cui: illustrazioni e concept art per la serie britannica Tommy Zoom, prodotta dalla BBC, regia di Da Lontano – primo classificato fra i cinque vincitori del concorso Animiamoci 2020 – e di Lo specchio di Lorenzo, il recentissimo cortometraggio trasmesso su Rai Yoyo il 2 aprile, in occasione della XIII giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo.

Sulla genesi di quest’ultimo, costruito su un’idea dell’antropologo Sauro Tronconi, Angela Conigliaro racconta: «si era immaginato – Tronconi, ndr – che un bambino autistico potesse imparare a comunicare e provare ad aprirsi col mondo attraverso un oggetto. Dopo un lavoro molto approfondito, fatto con un comitato scientifico di esperti sull’autismo, siamo riusciti a creare una storia». La storia è quella di Lorenzo, un bambino magico – almeno così lo chiamano i suoi genitori –, che osserva la realtà attraverso un filtro personale fatto di animali e supereroi. Improvvisamente, con l’introduzione di un oggetto, il suo modo di interagire e percepire la realtà cambierà. «Il corto vuole essere un mezzo per avvicinare soprattutto i bambini delle scuole elementari – spiega la regista – ai piccoli alunni autistici, che di solito vengono lasciati un po’ soli ed emarginati. È un invito a provarci lo stesso anche se sappiamo che è difficile». Un cortometraggio animato tutto italiano, dalla forte sensibilità emotiva, impreziosito dai tratti onirici della penna di Sarah Khoury disponibile su RaiPlay. Lo specchio di Lorenzo non è però l’unico progetto animato su cui Angela ha lavorato in questo ultimo periodo: in cantiere c’è un lungometraggio da 90 minutiLa bambina di sale. Anche qui, la Sicilia ritorna: «È tutto ambientato tra Sant’Elia e Ustica – racconta – i personaggi parlano un italiano un po’ sgrammaticato con inflessioni dialettali».

Della trama, Angela Conigliaro anticipa a MeridioNews: «Parla di una bambina fatta di sale che si scioglie con l’acqua, ma vive in una casa sul mare con suo papà che è pescatore. Un giorno il papà scompare e lei deve andare per mare a cercarlo cercando di non sciogliersi». Il film è attualmente in produzione presso Nørlum, la società danese co-produttrice di pluripremiati film come La canzone del mare, Long way north, Calamity. Ma la nascita di Ddraunara studio potrebbe cambiarne le sorti.

Non dimenticare mai quanto ama ciò che fa ed essere grata verso chi lavora con lei: sono queste le chiavi del successo per Angela. «Molte volte mi ritrovo con persone che fanno questo lavoro per abitudine, senza più tanta voglia di farlo – spiega – avere delle persone felici nel team è importante, rende il prodotto creativo molto più bello. Dalle mie esperienze di lavoro all’estero ho imparato l’importanza di dire sempre grazie, anche a chi lavora per me e lo sto pagando, non è un mio schiavo». Spesso capita di condividere un pranzo o una cena assieme tra registi, disegnatori e illustratori; il weekend è libero. «Il rispetto degli interessi, della vita e delle famiglia di chi lavora è fondamentale» afferma la regista palermitana. Nel cuore di Angela, insieme all’entusiasmo per il nuovo progetto, la speranza di tornare presto in Sicilia: «Si parte da Torino perché qui è più facile, ma lo scopo è tornare giù – conclude – il mio sogno è un casolare gigante in tufo su una collina sopra Cefalù».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]