Da Bergamo a Catania, la vacanza con un finale amaro La gita fuori porta di Sara tornata a casa senza bagagli

Da Bergamo a Catania passando da Taormina. Tre giorni in Sicilia per trascorrere il fine settimana con la propria famiglia, per poi concludere la vacanza tornando a casa senza bagagli. È la disavventura vissuta da Sara e dalla sua famiglia, che da Bergamo hanno scelto la città alle pendici dell’Etna per uscire dalla routine quotidiana e concedersi una vacanza. Una disavventura, questa, che sta facendo il giro dei social. «In occasione del compleanno di mia suocera, abbiamo deciso di trascorrere un fine settimana a Catania perché è tra le mete meno care e perché la Sicilia è bellissima», racconta Sara al nostro giornale. L’idea piace a tutti, e si procede alla prenotazione. Arrivo: sabato 14 maggio. Partenza: lunedì 16. Il sabato e la domenica passano in fretta tra passeggiate in centro e la visita a Taormina. «Due città che ci sono piaciute tantissimo – commenta la giovane turista -, si respira cordialità dagli alberghi fino ai ristoranti». 

Poco prima che il soggiorno si concluda, non rimane che organizzare la mattina in funzione del volo di ritorno per Bergamo, previsto intorno alle 17. Così Sara e la sua famiglia decidono di trascorrere qualche ora al mare. «Abbiamo dato un’occhiata su Maps per capire quali spiagge fossero facilmente raggiungibili e il più vicino possibile all’aeroporto – spiega Sara – e abbiamo scelto la spiaggia libera numero due alla Playa». Raggiunta la meta con un’auto a noleggio, parcheggiano lungo viale Kennedy e si dirigono verso la battigia. «Che, in realtà, ci è anche piaciuta – ammette Sara -, era abbastanza pulita». Trascorsa un’ora, arriva il momento di raggiungere l’autovettura per dirigersi all’aerostazione e tornare a casa. «Ma arrivati alla macchina – racconta – quando abbiamo aperto il cofano per cambiarci, abbiamo pensato che non fosse neanche la nostra». Sì, perché il portabagagli dell’auto era stato completamente svuotato di tutte le valigie. 

«Ci abbiamo messo un po’ per realizzare che ci avessero svaligiato – ammette -, fortunatamente avevamo portato con noi soldi e documenti, perché hanno preso tutto ciò che avevamo lasciato». Tra questi c’erano due trolley, uno zaino da montagna e un paio di borse, alcuni souvenir e un giubbotto di jeans. «Cose, comunque, di poco valore – commenta Sara -, ma hanno rubato anche un tablet e degli occhiali da sole di una nota marca». Proprio allora la vacanza ha un epilogo dal sapore amaro. «In un primo momento il nostro umore era a terra, eravamo arrabbiati, delusi e amareggiati – confessa Sara -, poi però abbiamo deciso di prenderla a ridere, anche perché fortunatamente, non ci hanno rubato i documenti, altrimenti non potevamo partire». A un giorno dal ritorno a Bergamo, Sara ormai ci ride su e decide di vedere il bicchiere mezzo pieno. «Di certo non ci aspettavamo che potesse succedere proprio a noi – conclude – ma può capitare ovunque, anche a Bergamo». In alcuni posti, però, forse capita più che in altri.  


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]