Crocetta, candidato antimafia «aperto a tutti» «Ridicolo definirsi puri, vincono i fatti»

Dice di essere «aperto a chiunque, senza preclusioni ideologiche verso i movimenti autonomisti» e cita, singolarmente, quello che non va in Mpa, Udc, Forza Sud e nello stesso Partito democratico, ovvero «la mancanza di un codice etico». Secondo Rosario Crocetta, eurodeputato del Pd candidatosi alla presidenza della regione, «nessuno è puro ed esente da critiche». E sintetizza il suo pensiero citando il vangelo: «Io non busso alla porta del ricco Epulone, la mia è una candidatura popolare, che parte dalla gente», dice. Ma non considera la candidatura ufficiale come scontata ed è «disposto a fare le primarie, magari contro Claudio Fava». E per ribadire che «la campagna elettorale si fa tra la gente, non negli alberghi di lusso», l’ex sindaco di Gela ha deciso di iniziarla a Librino, il grande quartiere popolare a sud di Catania, con un partecipatissimo incontro nella sede del Pd di viale Castagnola.

«Se Antonio Presti ne ha fatto un simbolo di bellezza, io voglio fare di Librino un simbolo di riscatto. Il mio obiettivo è innanzitutto di far istituire finalmente la Zona franca urbana prevista a Librino, Gela ed Erice, in modo da consentire alle imprese che investono in queste realtà di non pagare tasse per molti anni. E l’Europa può finanziare tantissimi progetti che daranno lavoro a migliaia di giovani. Io so come si fa», dice Crocetta sicuro. Perché, anche se la strada che porta alle elezioni del 28 e 29 ottobre è appena iniziata, Crocetta non si accontenta di semplici promesse elettorali. Lui, primo sindaco apertamente omosessuale in Sicilia, cattolico praticante e sfuggito più volte agli attentati mafiosi è sicuro di fare «una rivoluzione, puntando su lotta alla mafia, energie rinnovabili e turismo». Di Gela, la città di cui è stato sindaco per sei anni, dice che non è più «l’inferno» di Giorgio Bocca, ma «una città ben governata da persone serie». Governata, per la precisione, da un sindaco del Pd, Angelo Fasulo, in  coalizione con l’Mpa, un’esperienza che continua nonostante a livello regionale il patto con Lombardo sia finito.

Crocetta definisce quella di Raffaele Lombardo «una stagione definitivamente finita, dalla quale non riprenderò nulla, perché la Sicilia non si governa con i commissariamenti ma con la democrazia. Ha rappresentato la vecchia Sicilia, che ormai è corrosa dall’interno, e le sue vicende giudiziarie sono incompatibili con il ruolo di presidente della regione. Credo che non ci sia bisogno di dire molto altro a riguardo». Che Crocetta si senta in imbarazzo a parlare dell’Mpa, con Lombardo indagato per concorso esterno in associazione mafiosa? «Non mi crea nessun imbarazzo, perché contano le persone. Lo dimostra la giunta comunale di Gela, che sta facendo un ottimo lavoro» risponde.

Sulle eventuali coalizioni, ci tiene a fare subito chiarezza: «Proporremo un codice etico da far rispettare». Tra i candidati, «verranno esclusi i condannati in via definitiva ma anche chi ha procedimenti pendenti». E sulle possibili alleanze, a Gianfranco Micciché dice che la sua Forza Sud «dovrebbe smarcarsi definitivamente da Marcello Dell’Utri per risultare credibile». All’Udc che è «contento che si sia affrancato dall’era Cuffaro». E che, con il rispetto dell’etica, c’è spazio per tutti. «Ma io non mi occupo di coalizioni, quelle lasciamole ai partiti: l’inciucio, a queste condizioni, non potrei farlo con nessuno» spiega l’eurodeputato. Che non lesina le critiche anche al suo partito: «Del Pd non mi sta bene il poco spazio lasciato ai giovani e alle donne».

Ma dalla domanda su un eventuale problema d legalità all’interno del suo partito, Crocetta si smarca con furbizia: «Nessuno è puro ed è ridicolo presentarsi come puri: non vince una etichetta, ma i fatti». Il riferimento, piuttosto esplicito, è a Claudio Fava, anche lui candidato alle regionali. «Con Claudio spero che sarà uno scontro leale e lo invito a sfidarmi nelle primarie. Anche se sono sicuro di vincerle, perché il mio elettorato è molto più ampio». Un elettorato che va «da destra a sinistra, eterogeneo», e al quale Crocetta promette di applicare il metodo utilizzato a Gela: «Dove, non ho avuto paura a licenziare la moglie di un boss, anche se questo mi è costato caro, con le minacce di morte».

La Sicilia, però, non è Gela. Tuttavia Crocetta non sembra spaventato dalle migliaia di dipendenti e precari e dai debiti per centinaia di milioni di euro.  «Sono in grado di affrontare le sfide, e l’enorme apparato di precari della regione Sicilia da spreco può diventare risorsa. Cacciando fuori i delinquenti e chi non merita, ma dando una seconda possibilità a chi sbaglia». Per prima cosa, però, bisogna sbloccare i fondi europei «Uno scandalo aver usato poche centinaia di milioni dei miliardi di euro stanziati». E, anche se il programma «verrà definito in questi mesi in appositi incontri programmatici in giro per la Sicilia», Crocetta propone fin da ora un sistema efficace per accedere ai fondi della Banca europea per gli investimenti. «Il metodo è quello del patto tra i sindaci, un esperimento che sta dando i suoi frutti nel calatino, con una popolazione coinvolta di circa trecentomila persone. I comuni – continua Rosario Crocetta – fanno degli accordi tra di loro per investire nelle energie rinnovabili. La Sicilia può riempirsi di pannelli solari, in modo da risparmiare il 50 per cento nel costo dell’energia, e dare lavoro, per ogni 50 mila abitanti, ad almeno 800 giovani. E, dove servisse, reimpiegando i dipendenti regionali in altre mansioni, senza logiche di clientelismo».

Sotto i portici del complesso di case popolari che ospita la sede del circolo Pd, una donna si avvicina all’eurodeputato, e chiede: «Ma voi qui non le date le buste della spesa?». Crocetta le risponde paziente, con un «No, il mio è un metodo diverso» e, non appena la signora si allontana, subito dopo aggiunge: «Ecco, una dimostrazione della Sicilia che ha un modo di pensare che dobbiamo cambiare».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Per il futuro della Sicilia punta su «antimafia, energie rinnovabili e turismo». Certo di saper trovare i fondi. Rosario Crocetta, eurodeputato Pd ed ex sindaco di Gela, da candidato alla presidenza della regione Sicilia ha le idee chiare: spazio a Mpa, Forza Sud, Udc, «purché non presentino persone con carichi pendenti». Mentre a Claudio Fava, candidato di Sinistra ecologia e libertà, lancia una sfida: «Facciamo le primarie, anche se sono sicuro di vincere»

Per il futuro della Sicilia punta su «antimafia, energie rinnovabili e turismo». Certo di saper trovare i fondi. Rosario Crocetta, eurodeputato Pd ed ex sindaco di Gela, da candidato alla presidenza della regione Sicilia ha le idee chiare: spazio a Mpa, Forza Sud, Udc, «purché non presentino persone con carichi pendenti». Mentre a Claudio Fava, candidato di Sinistra ecologia e libertà, lancia una sfida: «Facciamo le primarie, anche se sono sicuro di vincere»

Per il futuro della Sicilia punta su «antimafia, energie rinnovabili e turismo». Certo di saper trovare i fondi. Rosario Crocetta, eurodeputato Pd ed ex sindaco di Gela, da candidato alla presidenza della regione Sicilia ha le idee chiare: spazio a Mpa, Forza Sud, Udc, «purché non presentino persone con carichi pendenti». Mentre a Claudio Fava, candidato di Sinistra ecologia e libertà, lancia una sfida: «Facciamo le primarie, anche se sono sicuro di vincere»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]