Catania, passeggiata rumorosa contro la violenza patriarcale. «Insultate da un passante, ecco contro cosa lottiamo»

Una passeggiata rumorosa. Che di rumore ne ha fatto parecchio. Un corteo che ieri ha attraversato il centro storico di Catania «per inondare le strade con la nostra rabbia, per canalizzarla e unirci contro la violenza patriarcale». Così avevano annunciato gli attivisti e le attiviste di Non una di meno e Spine nel fianco, le realtà che hanno organizzato la manifestazione «per Giulia (Cecchettin, la 22enne uccisa dall’ex in Veneto, ndr) e per tutte coloro che non hanno più voce». E ce l’hanno messa loro quella voce ieri anche quando si sono ritrovate di fronte «tutto quello contro cui combattiamo». Sotto forma di un uomo che, infastidito dal dovere attendere in auto qualche minuto per il passaggio del corteo, ha iniziato ad aggredire verbalmente le ragazze e le donne che erano in testa.

«Io ho fretta: devo tornare a casa dai miei figli», avrebbe detto l’uomo spazientito da un’attesa che non sarà durata in tutto più di otto minuti. Un tempo piuttosto ragionevole in una delle città più trafficate d’Italia. Sceso dalla macchina, a bordo della quale c’erano anche la moglie e una figlia piccola, l’uomo ha iniziato a inveire contro le manifestanti. Da minacce come «Se non vi levate vi ammazzo» a insulti sessisti e macisti del tipo «Dovete ritrovare la vostra femminilità» o «Voi state zitte e portatemi i maschi e fatemi parlare con loro». Provocazioni che, come ha raccontato a MeridioNews Ludovica Intelisano di Non una di meno, non hanno fatto indietreggiare di un passo le attiviste che, quando il corteo era oramai passato ma l’uomo si ostinava a rimanere fuori dall’auto continuando con minacce e insulti, lo hanno invitato ad andare via in modo più deciso anche alzando la voce.

Quella stessa voce che, per tutto il tempo del corteo – che da villa Bellini si è snodato fino alla piazza del Castello Ursino con oltre mille partecipanti – hanno usato per declamare gli slogan. «Siamo scese per le strade incazzate per affermare che non abbiamo bisogno di eroi ma di alleati. Sono messaggi importanti da fare passare – aggiunge Intelisano – in un momento storico in cui la guerra noi donne la stiamo vivendo sulle nostre vite». Un passeggiata in cui il classico minuto di silenzio ha lasciato spazio alle parole, alle urla, ai rumori. «Perché vogliamo che sia chiaro a tutti e tutte che nessuna donna dovrebbe essere lasciata sola ad affrontare la paura, perché è necessario ora più che mai rompere l’isolamento in cui le vittime vengono spesso confinate».

Ed è proprio per questo che, quando il corteo è arrivato davanti alla sede della questura etnea (in via Manzoni), gli attivisti e le attiviste hanno bruciato un foglio. Quello su cui avevano stampato il post pubblicato sulle pagine social ufficiali della polizia con una strofa della poesia dell’attivista peruviana Cristina Torres Cáceres che sono state prese in prestito dalla sorella di Giulia Cecchettin: “Se domani sono io, se domani non torno, mamma, distruggi tutto“. «Un gesto simbolico per denunciare che, ancora troppo spesso, anche quando le donne vittime di violenza chiedono aiuto o denunciano vengono lasciate sole e non credute».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]