Corso Sicilia, tre giovani e la foto offensiva col clochard Lo psicologo Fusari: «Serve più senso di comunità»

«Si tratta solo di una bravata che per quanto stupida non ha recato danno a nessuno. Il poveretto dormiva, non l’abbiamo né picchiato né insultato, eravamo solo un po’ alticci e facevamo foto ovunque. Non è una giustificazione, ma una precisazione, non siamo figli di papà e una cazzata ogni tanto può farla chiunque, non fate troppo i moralisti». Risponde così Ivan, giovanissimo catanese, alle centinaia di insulti che in queste ore stanno piovendo su di lui e i suoi amici su una delle pagine di una delle più note comunità del social network Facebook: Fanculo mamma, adesso ho 12 anni. Non una pagina di ribellione adolescenziale, come potrebbe sembrare dal titolo, ma un luogo dove «denunciare alcuni comportamenti negativi», spiegano gli stessi gestori. E, nel caso specifico, la foto di un gruppo di giovani catanesi – pare appena maggiorenni – che si sono auto-immortalati in uno scatto che prende in giro un senza tetto in corso Sicilia.

L’uomo è sdraiato a terra e sembra dormire. Tre ragazzi gli stanno accanto sorridendo, indicandolo e mimando con le mani il classico gesto della vittoria, con l’indice e il medio che riproducono una lettera v. Altri giovani, si capisce poi dalla conversazione, sono rimasti invece dietro l’obiettivo. «Una bravata», secondo i protagonisti, che hanno presto rimosso la foto dal social network. Ma ormai lo scatto era già stato rilanciato dalla nota pagina, attirando centinaia di commenti in poche ore. Alcuni di difesa dei ragazzi, da parte degli amici, la maggior parte di insulti. Una parola su tutte: «Vergognatevi». La più educata. Per il resto, a commentare sono stati soprattutto altri concittadini che, riconosciuto il luogo della foto, ci hanno tenuto a prendere le distanze dai giovani.

«Speriamo non diventi la nuova moda senza senso», scrivono gli stessi amministratori della pagina Facebook. «Il problema è che oggi c’è meno senso di appartenenza, di comunità, soprattutto tra i più giovani – spiega Pino Fusari, psicologo e volontario che da anni si occupa di sociale – La comunità è una delle due cose, con l’identità, che ci dà la misura delle nostre relazioni. È la nostra storia passata e il nostro futuro». Per lo specialista, però, un caso come quello della foto dei giovanissimi non deve far dimenticare l’impegno giornaliero degli stessi ragazzi catanesi. «La città vive difficilmente questo rapporto con se stessa, con la parte di sé che ha più bisogno. Anche dove non te l’aspetti ci sono però ragazzi che, se li sensibilizzi, si muovono eccome – continua Fusari – L’appartenenza è il cibo di un popolo. Specie in un momento in cui, a fronte del taglio dei servizi istituzionali, il mondo del volontariato riesce a risolvere cose. Serve più cittadinanza».

Ma fuori dal web. «Internet è come se ci facesse sentire distanti e su un palcoscenico – spiega lo psicologo -, ma in realtà siamo lì, la città è sempre quella, le persone si muovono al di fuori dello schermo. Come il gruppo di ragazzi che ha salvato un senza tetto con problemi di alcool proprio in corso Sicilia». Ed è qui, nella differenza tra chi fa e chi si indigna online, che ricade il moralismo citato da uno degli stessi giovani che hanno scattato la foto incriminata. «Non ha tutti i torti, perché più di loro sbagliamo noi quando ci chiudiamo nel nostro mondo, quando non paghiamo le tasse o facciamo i furbetti. Quando, in breve, facciamo mancare quello di cui c’è bisogno». Non è quindi, per Fusari, il comportamento di un gruppo di adolescenti che dovrebbe far vergognare i catanesi. «Il problema non è dividerci le colpe, ma capire come accadono le cose ed evitarle. La città è ricca e piena di persone che si rendono conto che non può andare avanti così, ma che bisogna costruire percorsi, aprire le case, uscire e vivere la strada – conclude lo psicologo -. Catania è più viva di quello che vogliono farci credere».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Lo scatto si sta diffondendo su Facebook, corredato da centinaia di insulti verso i tre ragazzi catanesi. Che rispondono ammettendo «la bravata» e accusando di moralismo i commentatori. «Non hanno torto, perché peggio di loro facciamo noi quando siamo furbetti o evadiamo le tasse. Ma Catania è più viva di quello che vogliono farci credere», commenta lo psicologo di comunità e volontario Pino Fusari

Lo scatto si sta diffondendo su Facebook, corredato da centinaia di insulti verso i tre ragazzi catanesi. Che rispondono ammettendo «la bravata» e accusando di moralismo i commentatori. «Non hanno torto, perché peggio di loro facciamo noi quando siamo furbetti o evadiamo le tasse. Ma Catania è più viva di quello che vogliono farci credere», commenta lo psicologo di comunità e volontario Pino Fusari

Lo scatto si sta diffondendo su Facebook, corredato da centinaia di insulti verso i tre ragazzi catanesi. Che rispondono ammettendo «la bravata» e accusando di moralismo i commentatori. «Non hanno torto, perché peggio di loro facciamo noi quando siamo furbetti o evadiamo le tasse. Ma Catania è più viva di quello che vogliono farci credere», commenta lo psicologo di comunità e volontario Pino Fusari

Lo scatto si sta diffondendo su Facebook, corredato da centinaia di insulti verso i tre ragazzi catanesi. Che rispondono ammettendo «la bravata» e accusando di moralismo i commentatori. «Non hanno torto, perché peggio di loro facciamo noi quando siamo furbetti o evadiamo le tasse. Ma Catania è più viva di quello che vogliono farci credere», commenta lo psicologo di comunità e volontario Pino Fusari

Lo scatto si sta diffondendo su Facebook, corredato da centinaia di insulti verso i tre ragazzi catanesi. Che rispondono ammettendo «la bravata» e accusando di moralismo i commentatori. «Non hanno torto, perché peggio di loro facciamo noi quando siamo furbetti o evadiamo le tasse. Ma Catania è più viva di quello che vogliono farci credere», commenta lo psicologo di comunità e volontario Pino Fusari

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]