Foto di Markus Spiske su Unsplash

Corruzione comunale: l’indagine tra «amici in ogni posto», il contratto all’amante e «c’è lavoro per mia figlia?»

Iniziano a emergere i dettagli dell’indagine che stamattina ha portato – tra Partinico, BalestrateMarsalaSan CataldoAgrigento e Palermo tre persone in carcere e cinque ai domiciliari. Altre tre persone sono state sospese dal pubblico ufficio o servizio, un’altra è ancora ricercata. Le dodici persone sono indagate per associazione per delinquereturbata libertà degli incanticorruzione per l’esercizio della funzionecorruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio e peculato. Il personaggio chiave dell’inchiesta sulla presunta corruzione di dirigenti e funzionari pubblici e su alcune assunzioni su indicazione sarebbe Giuseppe Gaglio, presidente del consiglio di amministrazione della cooperativa sociale Nido d’Argento. Con la complicità di Massimiliano Terzo, Francesco Chiavello e Giuseppe Chiaramonte avrebbe studiato un piano per aggiudicarsi il maggior numero di appalti e per assicurarsi puntualità nei pagamenti dei servizi sociali commissionati. I quattro avrebbero individuato il pubblico ufficiale da avvicinare «mediante un approccio reverenziale fino a irretirlo», scrive il giudice per le indagini preliminari.

Anche le risorse per il pagamento delle tangenti sarebbe stato frutto di meccanismi rodati, messi a punto da Gaglio e dai suoi presunti complici per evitare la tracciabilità delle operazioni. I fondi per i dirigenti e per i pubblici ufficiali sarebbero venuti da soldi versati da Gaglio ai suoi collaboratori tramite bonifici con causali fittizie. I soldi sarebbero poi stati restituiti in contanti, con soldi provenienti dalla riscossione dei guadagni in nero di alcune consulenze e attività svolte dalla cooperativa Nido d’Argento. La sede della Nido D’Argento e le cooperative Medea ed Antropos (gestite da Chiavello nonostante fossero intestate formalmente ad altri) sarebbero le basi logistiche e le sedi degli incontri tra Gaglio, i suoi presunti complici e i funzionari pubblici indagati.

Maria Rita Milazzo, dipendente del comune di Balestrate, avrebbe dato indicazioni alla cooperativa su come impostare l’offerta progettuale per aggiudicarsi la gestione dei centri estivi: in cambio avrebbe ottenuto l’assunzione della figlia e della nipote nella cooperativa. Michela Sclafani, funzionaria all’ufficio direzione politiche sociali della Città Metropolitana di Palermo, avrebbe velocizzato la liquidazione dei pagamenti che spettavano alla Nido d’Argento per i servizi socio assistenziali svolti: in cambio avrebbe ricevuto – insieme al marito – collane con smeraldi da 1.800 euro, profumi di marca, olio d’oliva, dolci, panettoni e l’assunzione di amici nella cooperativa. Antonio Geraci, presidente della commissione aggiudicatrice di una gara bandita del comune di Gela, avrebbe fatto vincere la cooperativa Nido d’Argento, ottenendo in cambio 2mila euro tramite l’ex sindaco di Partinico Salvatore Lo Biundo

Secondo chi indaga, il dirigente del distretto socio sanitario di Agrigento, Gaetano Di Giovanni – ora capo della polizia municipale – avrebbe favorito l’affidamento del servizio di assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti (per un totale di 204.051 euro) alla società Medea, controllata da Gaglio, e dei servizi socio-assistenziali nei comuni di Santa Elisabetta e di Agrigento (per un importo complessivo di 89.355 euro) alla Nido D’Argento, in cambio di 7500 euro. La funzionaria comunale di Marsala, Maria Pia Falco, avrebbe ottenuto soldi per far aggiudicare alla Nido d’Argento la gestione dei servizi socio assistenziali. Il responsabile del settore politiche sociali e culturali del comune di San Cataldo, Aldo Raimondi, avrebbe favorito la cooperativa in cambio di oltre 10mila euro e di un contratto da assistente sociale all’amante.

«Abbiamo un amico in ogni posto», avrebbe detto Massimiliano Terzo, dipendente della cooperativa sociale. «Secondo te che attività si potrebbe proporre?», avrebbe chiesto Terzo alla dirigente del comune di Balestrate, Maria Rita Milazzo, per capire come vincere una gara. «Potresti fare attività di laboratorio […], di pittura […], di scrittura […], la scuola prevista è l’Aldisio […], che c’è un grande giardino attorno se voi avete anche piscine esterne fargli fare giochi lì […] Secondo me queste attività voi potreste proporre […]», avrebbe risposto Milazzo. La dirigente, però, avrebbe chiesto in cambio una cosa ben precisa: «Ti volevo chiedere: ma c’è possibilità di lavorare per mia figlia?». E Terzo avrebbe risposto: «Se noi riusciamo ad acchiapparne qualcuno, sì, certo! Vabbè, se c’è poi l’assegnazione […] non ti preoccupare, dico, che in base alla disponibilità che ha lei, la facciamo […] la inseriamo».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Iniziano a emergere i dettagli dell’indagine che stamattina ha portato – tra Partinico, Balestrate, Marsala, San Cataldo, Agrigento e Palermo – tre persone in carcere e cinque ai domiciliari. Altre tre persone sono state sospese dal pubblico ufficio o servizio, un’altra è ancora ricercata. Le dodici persone sono indagate per associazione per delinquere, turbata libertà degli incanti, corruzione per l’esercizio della funzione, corruzione per […]

Iniziano a emergere i dettagli dell’indagine che stamattina ha portato – tra Partinico, Balestrate, Marsala, San Cataldo, Agrigento e Palermo – tre persone in carcere e cinque ai domiciliari. Altre tre persone sono state sospese dal pubblico ufficio o servizio, un’altra è ancora ricercata. Le dodici persone sono indagate per associazione per delinquere, turbata libertà degli incanti, corruzione per l’esercizio della funzione, corruzione per […]

Iniziano a emergere i dettagli dell’indagine che stamattina ha portato – tra Partinico, Balestrate, Marsala, San Cataldo, Agrigento e Palermo – tre persone in carcere e cinque ai domiciliari. Altre tre persone sono state sospese dal pubblico ufficio o servizio, un’altra è ancora ricercata. Le dodici persone sono indagate per associazione per delinquere, turbata libertà degli incanti, corruzione per l’esercizio della funzione, corruzione per […]

Iniziano a emergere i dettagli dell’indagine che stamattina ha portato – tra Partinico, Balestrate, Marsala, San Cataldo, Agrigento e Palermo – tre persone in carcere e cinque ai domiciliari. Altre tre persone sono state sospese dal pubblico ufficio o servizio, un’altra è ancora ricercata. Le dodici persone sono indagate per associazione per delinquere, turbata libertà degli incanti, corruzione per l’esercizio della funzione, corruzione per […]

Iniziano a emergere i dettagli dell’indagine che stamattina ha portato – tra Partinico, Balestrate, Marsala, San Cataldo, Agrigento e Palermo – tre persone in carcere e cinque ai domiciliari. Altre tre persone sono state sospese dal pubblico ufficio o servizio, un’altra è ancora ricercata. Le dodici persone sono indagate per associazione per delinquere, turbata libertà degli incanti, corruzione per l’esercizio della funzione, corruzione per […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]