Consorzio con Eni: «Mare di Priolo come il Plemmirio» Legambiente: «Uno spot, poco lontano rifiuti tossici»

Nei giorni scorsi il Comune di Priolo ha accolto con soddisfazione i risultati diffusi dallo Ias (Industria Acqua Siracusa) sull’analisi delle acque a Marina di Priolo. Esattamente quello adiacente agli sbocchi del depuratore biologico. Secondo quanto comunicato dall’azienda siracusana, la zona sarebbe libera da tracce d’inquinamento. Anzi, di più. Questo tratto di mare avrebbe gli stessi parametri di salubrità che si trovano nelle acque della Riserva naturale del Plemmirio. La Ias di Siracusa è il consorzio che gestisce il depuratore e ha per soci i principali stabilimenti petrolchimici della città: Esso, Priolo Servizi, Isab Energy, Sasol ed Eni, oltre che gli stessi Comuni di Priolo e Melilli.

La notizia è stata accolta con sarcasmo dalla popolazione siracusana, che soprattutto tramite i social network ha manifestato dubbi su un annuncio considerato discutibile. Non sono sorpresi, invece, gli esponenti locali di Legambiente che non vedono nessuna novità. «Se si parla dei dati sulla qualità biologica delle acque, non c’è da stupirsi – spiega Paolo Tuttoilmondo di Legambiente Siracusa -. Va benissimo che l’acqua sia pulita, alla luce di questo si potrebbe cominciare a pensare al miglioramento di altre zone, come quella di Marina di Mellili». 

«I risultati positivi non sono una novità – rincara Giuseppe Giaquinta presidente del circolo di Legambiente Priolo – con Goletta verde abbiamo fatto diversi blitz in zone a rischio, come quelle in cui scarica l’Isab, ma tutto è stato trovato a norma. Da tempo è ridotto anche lo scarico di acqua calda che proveniva dalla centrale termoelettrica. La zona è cambiata rispetto al passato». Nonostante l’analisi positiva, Giaquinta non ritiene possibile un confronto con la riserva naturale del Plemmirio. «Questo paragone non ci piace, è solo uno spot – dichiara -. I contesti sono assolutamente diversi: nella zona di Priolo rimane in piedi uno stabilimento che negli anni ’60 produceva bromuro etilico e non sono mai state bonificate discariche di pirite che ricoprono 10mila metri di mare». 

Il riferimento di Giaquinta è al tratto di costa, ricadente sempre nel Comune di Priolo, che si trova nord dello stabilimento. Esattamente dal lato opposto alla spiaggia di Marina di Priolo, dove sono state realizzate le analisi delle acque. Lì per anni sono stati accumulati enormi quantità di cenere di pirite, una terra rossastra, non considerata pericolosa negli anni 70 e 80 e che è stata addirittura spacciata come regalo alle città. A Priolo e Augusta con questo materiale le amministrazioni comunali in passato hanno realizzato anche campetti di calcio. «La pirite è un rifiuto tossico – spiega Giaquinta – composto da metalli pesanti come nichel, cadmio e arsenico. Per decenni fu sparpagliata nel territorio circostante, ma la grande massa fu usata per ricoprire quello che una volta era un piccolo golfo e ora non esiste praticamente più. Nel ’98 – aggiunge – abbiamo chiesto una bonifica al Comune che venne realizzata solo nel 2008 e poi inspiegabilmente sospesa». Restano delle montagnole di pirite, coperte da alcuni teloni. «Ma nelle giornate ventose non bastano – continua il referente di Legambiente – la cenere è sottile e si alza, arrivando anche nella spiaggia di Marina di Priolo. Si sente perché bruciano gli occhi e non si riesce bene a respirare, in quei giorni è bene starci alla larga».

Alla luce delle analisi degli ultimi anni, il sindaco di Priolo Antonello Rizza nel 2010 ha anche candidato le spiagge del Comune siracusano alla bandiera blu di Legambiente. «Non è neanche pensabile poterla assegnare a queste condizioni – spiega ancora il responsabile priolese di Legambiente – Molti tratti continuiamo a pulirli noi e non l’amministrazione. Durante l’operazione Spiagge Pulite, svolta il 14 maggio abbiamo recuperato quasi 30 sacchi di rifiiuti. I sub ne hanno recuperato un numero considerevole anche in fondo al mare». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Il consorzio che gestisce il bonificatore, di cui fanno parte i soci dei petrolchimici, ha diffuso i dati sulla salubrità delle acque nel Comune del Siracusano. Avanzando un paragone giudicato da cittadini e ambientalisti azzardato. «A poche centinaia di metri restano enormi quantità di pirite. Il pericolo se non viene dall'acqua, arriva dall'aria»

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]