Concerti di Vasco e Jovanotti, paletti ai disabili Macrì: «Accompagnatore solo a chi è in carrozzina»

Si avvicinano a grandi falcate due date clou dell’estate messinese. Per i concerti di Vasco Rossi e Jovanotti, in programma l’8 ed il 18 luglio prossimi allo stadio San Filippo, si preannunciano rispettivamente 40mila e 30mila spettatori. Un bagno di folla dal quale, secondo Mario Midolo, responsabile Movimento peloritano democrazia disabile (Mpdd), potrebbero essere esclusi molti portatori di handicap.

Secondo quanto denunciato da Roberta Macrì, famosa ballerina barcellonese in carrozzina, gli organizzatori – Musica da bere Srl – consentirebbero l’ingresso gratuito all’accompagnatore e l’accesso all’area riservata solo a chi, come lei, è su una sedia a rotelle, discriminando tutte le altre categorie. Di parere diametralmente opposto Carmelo Costa, amministratore della società, secondo il quale i servizi offerti in occasione dei due appuntamenti «sono un di più rispetto a quanto prevede la legge».

La querelle, assurta agli onori delle cronache solo in queste ore, nasce lo scorso novembre, quando Macrì, candidata alle imminenti elezioni amministrative della città del Longano, telefona al centralino di Musica da bere per acquistare dei biglietti. «Mi hanno risposto che l’ingresso gratuito per l’accompagnatore, oltre che quello all’area riservata, è possibile solo nei casi di persone in carrozzina. Un problema, per esempio, per chi, come un mio amico, ha delle protesi alle gambe. Anche per lui avevo chiesto informazioni».

La ballerina di Barcellona Pozzo di Gotto contesta pure che, «contrariamente a quanto avviene di solito», all’area riservata ai disabili si possa accedere «senza prenotazione, oltre che in assenza di certificazione sanitaria». «Senza un limite – prosegue – cosa accade se si supera la capienza consentita?». Lecito domandarsi perché il problema venga sollevato a distanza di mesi: «Finora abbiamo inviato una serie di e-mail alla società, senza ottenere alcun risultato. Abbiamo scritto anche a Jovanotti che ha manifestato la propria disapprovazione per questa situazione. Di solito, è sua moglie a occuparsi dell’accoglienza dei portatori di handicap. Non in questo caso, però. Si tratta di una discriminazione che fa paura. Già lo scorso anno avevo riscontrato la stessa identica situazione per un concerto di Giorgia a Taormina. Dicono che questa è la loro politica da sei anni».

Il Movimento ha deciso di portare tutto all’attenzione dell’assessore comunale alla Cultura, Tonino Perna. Presente all’incontro di ieri, al Palacultura, pure Macrì. Midolo parla di «ingiustificata pretesa di selezionare l’ingresso dei disabili in base a una valutazione delle patologie che non è di competenza degli organizzatori». L’assessore Perna – che intende avviare una campagna di sensibilizzazione che porti alla luce tutti quei siti culturali cittadini in cui non è possibile per i disabili accedere con facilità – si è detto assolutamente d’accordo «nel ritenere inappropriate queste valutazioni», impegnandosi in prima persona affinché ogni ostacolo a una piena fruizione del San Filippo, in occasioni simili, sia definitivamente rimosso: «Nessuna discriminazione verso chiunque, trattandosi di manifestazioni di interesse generale con valenza anche culturale, regolate dalla legislazione nazionale».

Legislazione il cui cuore sarebbe costituito, secondo Macrì e Midolo, dal decreto del ministero dei Beni culturali 239/2006. In tema di luoghi della cultura, l’articolo uno dice che è consentito l’ingresso gratuito «ai cittadini dell’Unione europea portatori di handicap e ad un loro familiare o ad altro accompagnatore che dimostri la propria appartenenza a servizi di assistenza socio-sanitaria».

Tutto risolto, quindi? Dipende dai punti di vista: «La norma in questione – obietta Costa – parla di eventi organizzati dal pubblico, non dai privati. Noi applichiamo pedissequamente la legge. Anzi, offriamo pure di più. La tribuna B del San Filippo ospiterà l’area riservata e sarà destinata, non solo a tutti i disabili, ma anche alle donne in avanzato stato di gravidanza. Ci saranno bagni dedicati, una rampa d’ingresso dedicata. Inoltre, come prescrive sempre la legge, sarà garantito gratuitamente un posto auto ogni 50». Secondo l’amministratore della srl, quindi, «la legge non dice nulla sull’accompagnamento gratuito in materia di eventi organizzati dai privati». «Noi – ripete – volendo andare incontro a certe esigenze, lo offriamo a chi accompagna le persone in carrozzina. E facciamo ancora di più: diamo analoghe possibilità alle associazioni di disabili con le quali ci siamo incontrati un paio di volte a Messina».

E in merito alla mancata prenotazione per l’accesso all’area riservata? «La norma parla di un posto per disabili ogni 400 persone. Teoricamente, dovremmo accoglierne non più di cento ogni 40mila persone. Ma anche in questo caso, faremo di più, non mettendo filtri. Purtroppo, sulle leggi, c’è un po’ di confusione e si finisce per essere criticati quando si fa di più». Chiosa Lello Manfredi, responsabile di Sud dimensione servizi, partner messinese di Musica da bere nell’organizzazione dei due eventi: «Abbiamo chiesto alle varie associazioni locali di occuparsi direttamente della gestione dell’accesso dei disabili ai concerti ma, a oggi, non abbiamo ricevuto risposta alcuna».

Vasco Rossi e Jovanotti terranno solo otto concerti in Italia, nel 2015. Messina sarà l’unica città del sud che ospiterà ambedue gli eventi. Le altre quattro sono Milano, Padova, Firenze e Bologna. L’importante è non iniziare in modo sbagliato.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

La famosa ballerina messinese disabile denuncia una possibile discriminazione nei due eventi clou dell'estate nella città dello Stretto. La società organizzatrice Musica da bere, replica: «I nostri servizi sono un di più rispetto a quanto prevede la legge». Lo stesso Jovanotti avrebbe manifestato la sua disapprovazione

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]