Comune, troppi burocrati e pochi specialisti «Cerchiamo altri tecnici, presto nuovo bando»

Paradossi di un Comune, quello di Palermo, che ha ottomila dipendenti ma ha bisogno di un bando da 660mila euro per rintracciare 49 tecnici fra architetti, geologi e ingegneri e velocizzare l’iter di altrettanti progetti. È questo l’obiettivo del bando pubblicato il 14 ottobre da Palazzo delle Aquile sul portale istituzionale. Si tratta di una manifestazione d’interesse, predisposta dall’Area tecnica della Riqualificazione urbana e Infrastrutture, per affidare 49 incarichi dei più svariati, ricompensati dai 4 ai 40mila euro l’uno: si va dalla progettazione al supporto tecnico, dalle indagini strutturali all’elaborazione grafica, e poi relazioni geologiche, coordinazione della sicurezza, impiantistica, computi metrici, elaborati economici e contrattuali.

La necessità di ricorrere al mondo delle professioni è legata innanzitutto ad una questione di tempi, come spiega il vicesindaco nonché assessore alle Infrastrutture Emilio Arcuri: «I tecnici comunali non sarebbero insufficienti – dice – ma le procedure delle opere pubbliche sono talmente complesse che non si può assorbire tutto in tempi brevi. E poi all’interno del bando ci sono incarichi specialistici che il Comune non copre. Diciamo che da una parte c’è una carenza nel numero di tecnici specialistici utilizzabili. Oggi fare un’opera pubblica è diventato complicatissimo: un tecnico si occupa più di timbri e bolli che di lavori utili, senza contare che con la nuova riforma del codice degli appalti le cose non sono molto chiare. Dall’altra parte c’era l’esigenza di rintracciare competenze molto specifiche».

Gli interventi sono concentrati soprattutto sulle scuole ma anche su diversi beni culturali come Palazzo delle Aquile, Palazzo Barone in via Lincoln, due padiglioni ai Cantieri culturali alla Zisa, lo Spasimo, il Teatro Massimo e ancora il forno crematorio ai Rotoli, i fondali della Bandita o il muro di Villa Giulia al confine con la proprietà dell’Amg. Molte di queste opere attendono da anni ma per selezionarle «non si è guardato solo all’urgenza», assicura Arcuri, «sono opere che semplicemente andavano fatte. Il Comune deve funzionare bene. Alcuni interventi erano urgenti, altri semplicemente da pianificare: se non hai gli impiantisti non puoi restare fermo a guardare. Quando abbiamo riaperto il Teatro Massimo nel 1997, ad esempio – ricorda l’assessore -, con i lavori eravamo arrivati fino ad un certo livello ma c’erano ancora a disposizione svariati milioni di euro per completarlo. Chi è venuto dopo di noi però i lavori non li ha fatti e quindi ci dobbiamo pensare noi. Non ci fermeremo qui ma faremo un secondo bando per un’altra ventina di incarichi: servono assistenti al Rup, impiantisti, strutturisti, perfino ingegneri rocciatori ma anche figure di tipo giuridico. Sul nuovo elenco di opere ci stiamo ancora lavorando».  


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

La ricerca di figure professionali da parte di Palazzo delle Aquile non si ferma ai 660 mila euro stanziati per trovare 49 figure fra architetti e geologi per accelerare l'iter di altrettanti progetti. Arcuri: «Oggi fare un’opera pubblica è diventato complicatissimo: un tecnico comunale si occupa più di timbri e bolli che di lavori utili»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]