Comune di Camastra sciolto per ingerenze mafiose Dall’inchiesta Vultur le ombre sul sindaco Cascià

Il Consiglio dei ministri ha deciso lo scioglimento del consiglio comunale di Camastra, Comune in provincia di Agrigento. La delibera è arrivata oggi pomeriggio, su proposta del ministro dell’Interno Marco Minniti, «in ragione delle riscontrate ingerenze da parte della criminalità organizzata». 

La commissione prefettizia chiamata a valutare l’infiltrazione mafiosa nelle attività dell’amministrazione guidata dal sindaco Angelo Cascià, si era insediata la scorsa estate. A farne parte sono stati la viceprefetta Elisa Vaccaro, il vicecapo della squadra mobile Vincenzo Di Piazza e il comandante del nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Agrigento Fabio Sava

Camastra è da tempo soggetto alle pressioni di Cosa nostra e Stidda, con le due realtà mafiose che, negli anni, hanno alternato periodi di scontri ad altri di convivenza. In particolare al centro delle verifiche è finito il clan guidato da Rosario Meli, arrestato a luglio nell’operazione Vultur insieme al figlio e ad altre tre persone. In diversi passaggi di quell’inchiesta, i sodali del capomafia esplicitano su quale candidato puntare per le elezioni del 2013, quelle che hanno visto proprio l’elezione di Cascià. E sarebbe proprio lui il candidato scelto da Meli. 

Una tesi che gli inquirenti poggiano su alcuni elementi, a cominciare dal fatto che Lillo Piombo – vicino a Meli e titolare di una tabaccheria a Camastra ritenuta il centro delle attività del clan – avrebbe dichiarato di sostenere Cascià, per rispetto nei confronti del capomafia. All’attenzione della commissione prefettizia sarebbe finita anche la vicenda legata all’impresa funebre riconducibile ai Meli, già presente nell’operazione Vultur. E in particolare sulla scelta del Comune di non effettuare alcuna segnalazione alla prefettura in merito a questa attività. Le pressioni sulle elezioni si sarebbero manifestate infine sotto forma di minacce a due candidati della lista che sosteneva l’avversario di Cascià, Gaetano Provenzani. I due hanno raccontato, nel corso del processo che si sta svolgendo nell’aula bunker del carcere di Petrusa, di avere ricevuto minacce da Giuseppe Meli, terzogenito del capomafia. «Ci sconsigliò di candidarci, ci fece capire che avremmo potuto avere problemi e in qualche modo ci disse che non avremmo dovuto portare i voti al candidato sindaco Gaetano Provenzani», hanno detto. Giuseppe Meli è stato arrestato sei mesi dopo l’operazione e oggi deve rispondere di detenzione di arma clandestina e ricettazione.

Ex bancario oggi in pensione, Cascià è tornato alla guida del Comune nel 2013. Dopo una prima esperienza iniziata nel 2003 e la riconferma sfumata cinque anni dopo per appena 16 voti. «La mia storia parla per me – ha dichiarato a MeridioNews poco dopo l’insediamento della commissione prefettizia – non ho mai cercato appoggi di questo tipo. È una vicenda che mi ha dato dispiacere, ho quasi 70 anni e non si impazzisce così di colpo».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]