Comune, approvato il piano di riequilibrio «Dissesto evitato», ma è solo il primo passo

La sezione di controllo della Corte dei conti per la Regione siciliana ha approvato il Piano di riequilibrio decennale del Comune di Catania. La decisione è arrivata stamattina, al termine dell’udienza che si è tenuta nella sede dei giudici contabili di via Notarbartolo, a Palermo. E dove, una delegazione guidata dal sindaco Enzo Bianco e formata dall’assessore al Bilancio Giuseppe Girlando e dai tecnici Giorgio Santonocito, ex ragionere generale, e dai revisori dei conti Natale Strano, Fabio Sciuto, Carlo Cittadino e Massimo Rosso, ha incontrato i magistrati, che hanno ritenuto soddisfacenti i chiarimenti forniti dall’amministrazione etnea.

Una buona notizia per il Comune catanese, per cui il sindaco Bianco si è detto «profondamente soddisfatto». «Il cammino che ci aspetta adesso – ha commentato il primo cittadino – è difficile e delicato, ma intanto è stato evitato quel dissesto che avrebbe condannato la città». Aggiungendo che nonostante ci siano ancora «conseguenze pesanti per i catanesi», l’amministrazione conta «di uscire presto dalle secche di questa situazione anche chiedendo l’attenzione del governo regionale e nazionale. In particolare – continua Bianco – cercheremo di porre rimedio alle scelte dolorose sul piano del welfare che abbiamo ereditato dalla passata amministrazione.

Con una nota diffusa alla stampa, il Comune etneo fa sapere che il piano è stato redatto «ai sensi dell’art. 243 bis e seguenti del Testo unico degli Enti locali, che consente ai Comuni in condizioni di squilibrio strutturale del bilancio di attivare una procedura che punta al riequilibrio attraverso contenimento della spesa e ottimizzazione delle entrate». Una norma attravero cui lo Stato prevede un prestito a tasso zero di  71 milioni di euro, di cui «17 sono già stati anticipati». Cifre che però non sono ancora confermate.

«Non possiamo che essere felici dell’importante vittoria ottenuta a Palermo dal sindaco Bianco», ha dichiarato Alessandro Porto, capogruppo consiliare di Con Bianco per Catania. La città, continua il consigliere, «ha bisogno di risollevarsi sotto il profilo economico e sociale» e l’approvazione del piano di riequilibrio, «grazie ai chiarimenti forniti dall’Amministrazione comunale, rappresenta senza dubbio un traguardo importantissimo». Ma, secondo Porto, si tratta soltanto del primo passo. «L’amministrazione Bianco – sottolinea – che così bene si è mossa in questi primi mesi, deve puntare al recupero del denaro messo a disposizione con il Dl 35, quello per intenderci che consentiva alla Pubblica amministrazione di pagare i propri debiti. La precedente amministrazione non volle richiederli, negando così a migliaia di piccole e medie imprese catanesi il diritto al futuro». «Adesso – conclude il capogruppo – la strada è tutta in salita, ma confidiamo che il sindaco Bianco sappia spendere, come nel caso del Piano di riequilibrio, tutta la propria autorevolezza per raggiungere questo risultato. Si tratterebbe di ben 130 milioni di euro che risolleverebbero le sorti economiche della città».

Dello stesso avviso anche Giovanni D’Avola, capogruppo del Partito democratico al Consiglio comunale, che vede nell’approvazione del piano la volontà di far fronte ad alcuni tra i nodi in sospeso dell’amministrazione etnea, come i decurtamenti ai servizi sociali. «È stato desolante – esordisce il consigliere – vedere tanti lavoratori e tante madri protestare per i drastici tagli dei fondi per l’assistenza ai minori che fanno parte del Piano di riequilibrio approntato dalla passata amministrazione», per cui, a suo dire, «la giunta Bianco non aveva grandi margini di manovra». In attesa di quella che definisce la «parte più difficile: riuscire a far recuperare a Catania quella forte inclinazione alla solidarietà negli ultimi anni sacrificata sull’altare di un risanamento che non può però gravare soltanto sui più deboli. E in questo l’azione del sindaco Bianco, unitamente ai consiglieri del Pd e alla maggioranza, sarà di fondamentale importanza», conclude.

Gli fa eco Daniele Bottino del Megafono, che definisce l’approvazione del piano un «importantissimo risultato», ricordando come «nelle passate settimane la giunta Bianco avesse avviato, anche con l’ausilio dei tecnici dell’Ifel, l’Istituto Finanziario enti locali collegato all’Anci, un riesame della struttura del Piano, approntato dalla precedente amministrazione e che prevede tagli drastici al welfare e ai servizi come gli asili nido». «Adesso – conclude il consigliere – ci sarà ancora da lavorare duramente per far sì che Catania, finalmente, si risollevi».

 

[Foto di Wikipedia]


Dalla stessa categoria

I più letti

La Corte dei conti della Regione siciliana ha approvato il piano dell'amministrazione etnea che permette ai comuni con squilibri nel bilancio di attivare una procedura di rientro tramite contenimento della spesa e ottimizzazione delle entrate. E con un prestito a tasso zero da parte dello Stato che si aggirerebbe intorno ai 71 milioni di euro. Soddisfatto il sindaco Bianco, che però prevede ancora «pesanti conseguenze per i catanesi»

La Corte dei conti della Regione siciliana ha approvato il piano dell'amministrazione etnea che permette ai comuni con squilibri nel bilancio di attivare una procedura di rientro tramite contenimento della spesa e ottimizzazione delle entrate. E con un prestito a tasso zero da parte dello Stato che si aggirerebbe intorno ai 71 milioni di euro. Soddisfatto il sindaco Bianco, che però prevede ancora «pesanti conseguenze per i catanesi»

La Corte dei conti della Regione siciliana ha approvato il piano dell'amministrazione etnea che permette ai comuni con squilibri nel bilancio di attivare una procedura di rientro tramite contenimento della spesa e ottimizzazione delle entrate. E con un prestito a tasso zero da parte dello Stato che si aggirerebbe intorno ai 71 milioni di euro. Soddisfatto il sindaco Bianco, che però prevede ancora «pesanti conseguenze per i catanesi»

La Corte dei conti della Regione siciliana ha approvato il piano dell'amministrazione etnea che permette ai comuni con squilibri nel bilancio di attivare una procedura di rientro tramite contenimento della spesa e ottimizzazione delle entrate. E con un prestito a tasso zero da parte dello Stato che si aggirerebbe intorno ai 71 milioni di euro. Soddisfatto il sindaco Bianco, che però prevede ancora «pesanti conseguenze per i catanesi»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]