Donna uccisa dal cognato nel Ragusano. «Dopo la pensione sono depresso, ho fatto una fesseria»

Nessun certificato medico attesterebbe la depressione di cui avrebbe sofferto il 66enne Mariano Barresi, l’uomo che ieri notte ha ucciso la cognata di 52 anni Rosalba dell’Albani a Giarratana, in provincia di Ragusa. Chi lo conosce ha descritto l’uomo come una persona dal «carattere chiuso», la cui situazione sarebbe peggiorata dopo essere andato in pensione dal suo lavoro di operaio. Stando a quanto ricostruito finora dagli inquirenti, potrebbe essere da ricercare in questo stato psichico dell’uomo il movente del delitto della cognata (la sorella della moglie) che è stata assassinata con un coltello mentre dormiva in un lettino accanto a quello della madre. Una donna anziana e costretta a letto da una malattia di cui dell’Albani si è sempre presa cura. «Era una cattolica devotapregava sempre per la madre a cui aveva dedicato la sua vita. Ed è stata uccisa accanto a lei», ha raccontato un’amica della vittima che l’ha descritta come «una persona perbene, tranquilla, che a volte pensava di trascurare la famiglia per la madre». Una famiglia composta dal marito, un brigadiere dei carabinieri in servizio a Ragusa e tre figli maschi: un carabiniere che vive in Calabria, un militare in servizio a Trapani e il fratello minore che studia ancora alla scuola media superiore in un istituto alberghiero.

Durante l’interrogatorio nella caserma dei carabinieri del comando provinciale di Ragusa, davanti al procuratore Fabio D’Anna e al sostituto Emanuele Ferdinando Vadalà, Barresi ha confessato l’omicidio. Alla presenza del difensore d’ufficio, l’avvocato Sergio Crisanti, ha detto di sentirsi «depresso negli ultimi tempi, dopo essere andato in pensione due anni fa». L’uomo però, avrebbe anche sostenuto di non sapere perché ha ucciso la cognata visto che «non c’erano contrasti». Un delitto che resta ancora senza movente. Quando è stato raggiunto dai carabinieri, il 66enne ha detto di avere «fatto una fesseria». Una versione che, almeno in parte, troverebbe riscontro nelle dichiarazioni di alcuni parenti della vittima che escludono contrasti familiari pregressi tra i due cognati. Saranno le indagini e gli approfondimenti investigativi a cercare di fare luce su quanto accaduto nella cittadina del Ragusano.

Già delineata, invece, la dinamica del delitto. La vittima è stata assassinata accanto alla madre, in un lettino vicino al suo dove dormiva per assisterla di notte. L’omicidio è stato commesso prima dell’alba in una palazzina a due piani abitata da due sorelle della 52enne e dalla madre, che vive al piano terra. Il cognato abitava, invece, al secondo piano della palazzina familiare dove l’abitudine sarebbe stata quella di tenere le porte dei singoli appartamenti sempre aperte, anche durante la notte. Secondo una prima ricostruzione di quanto accaduto, Barresi sarebbe uscito dalla sua abitazione al secondo piano dello stabile, già armato di un coltello da cucina. Sarebbe sceso a piano terra e avrebbe ucciso la cognata, lasciando l’arma sul posto. Poi, prima di tornare nella sua abitazione dove i carabinieri lo hanno trovato avvertiti da una telefonata di un familiare, l’uomo sarebbe salito al primo piano e avrebbe avvisato l’altra cognata di avere ammazzato la donna. «Una tragedia inspiegabile, senza senso e senza alcuna motivazione – è stato il commento del sindaco di Giarratana Lino Giaquinta – L’intera comunità cittadina è sconvolta e addolorata». Il primo cittadino ha infine annunciato «una fiaccolata con la parrocchia per essere vicini alla famiglia in questo momento di dolore così atroce» e la proclamazione del lutto cittadino per il giorno del funerale.


Dalla stessa categoria

I più letti

Nessun certificato medico attesterebbe la depressione di cui avrebbe sofferto il 66enne Mariano Barresi, l’uomo che ieri notte ha ucciso la cognata di 52 anni Rosalba dell’Albani a Giarratana, in provincia di Ragusa. Chi lo conosce ha descritto l’uomo come una persona dal «carattere chiuso», la cui situazione sarebbe peggiorata dopo essere andato in pensione dal […]

Nessun certificato medico attesterebbe la depressione di cui avrebbe sofferto il 66enne Mariano Barresi, l’uomo che ieri notte ha ucciso la cognata di 52 anni Rosalba dell’Albani a Giarratana, in provincia di Ragusa. Chi lo conosce ha descritto l’uomo come una persona dal «carattere chiuso», la cui situazione sarebbe peggiorata dopo essere andato in pensione dal […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]