I centri di raccolta dei rifiuti come antidoto alle discariche abusive. Kalat Ambiente: «Ogni Comune dovrebbe averne»

Non tutti gli oggetti sono uguali. E le differenze restano anche nel momento in cui smettono di esserci utili. Alcuni sono più particolari di altri e hanno bisogno di maggiori accortezze nel momento in cui, almeno per noi, diventano rifiuti. Quando cellulari, computer, stampanti o altri apparecchi elettronici sono troppo obsoleti e non funzionano più oppure quando è arrivato il momento di sostituire un materasso, un divano, un televisore o un frigorifero, ci sono più possibilità: chiamare un numero verde gratuito (o prenotare tramite l’app) per chiedere un appuntamento per un ritiro davanti all’uscio di casa oppure, per evitare le liste di attesa, portarlo direttamente in un centro di raccolta. «Sono strutture dove ogni utente può andare per conferire non solo carta, plastica o vetro ma anche tipi di rifiuti particolari come gli ingombranti o i Raee, una sigla che sta per rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche», spiega Salvo Ilardi, il responsabile dell’area tecnica di Kalat Ambiente Srr. L’ente che nel territorio del Calatino (in quindici comuni della provincia di Catania) si occupa della pianificazione, della programmazione e dell’affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti. Nelle precedenti puntate della rubrica Fai la differenza, abbiamo raccontato prima il viaggio dei sacchetti dal marciapiede davanti casa fino agli impianti di destinazione finale e poi anche i luoghi in cui i rifiuti diventano risorse.

Centri di raccolta, antidoto alle discariche abusive

«La modalità della raccolta dei rifiuti porta a porta – analizza Ilardi – è molto rigida e ingessata per l’utente che deve rispettare un calendario e degli orari precisi per il conferimento. Un servizio che, però, viene supportato proprio dai centri di raccolta dove i cittadini possono andare direttamente a portare i rifiuti». Specie quelli ingombranti che, dal momento in cui non servono più, in casa diventano un impaccio e ancora troppo spesso (anche se decisamente meno che in epoche passate) finiscono negli angoli delle strade in discariche abusive a cielo aperto. Un malcostume sempre meno frequente anche grazie al servizio di ritiro domiciliare e all’incremento dei centri di raccolta. Nel territorio del Calatino gestito da Kalat Ambiente Srr, quelli al momento attivi si trovano a Caltagirone, Grammichele, Militello in Val di Catania e Scordia. Ma è già in programma la realizzazione di altri tre centri di raccolta a Castel di Iudica, Palagonia e Vizzini. «Per chi non ha un mezzo proprio e ha la pazienza di aspettare la lista di attesa – spiega il responsabile di Kalat Ambiente Srr – è attivo il servizio di ritiro degli ingombrati a domicilio». Per liberarsi di materassi, armadi, divani, scaldabagno o altri oggetti di grandi dimensioni, basta prenotare tramite l’app o chiamare il numero verde (che è attivo anche per i cittadini residenti nei Comuni che non hanno ancora un centro di raccolta) a cui risponderà un operatore con cui si potrà programmare e mettere in calendario la prenotazione per il ritiro. Nel giorno e nell’orario stabilito, basterà mettere il rifiuto davanti al portone dell’abitazione e gli addetti del servizio passeranno a ritirarlo. Un modo comodo e senza nessun costo aggiuntivo. «Per chi, invece, volesse liberarsi subito del rifiuto ingombrante – aggiunge Ilardi – può portarlo direttamente nel centro di raccolta». Strutture che accolgono anche i Raee e poi pure toner, oli esausti, pile, farmaci e altri rifiuti che non rientrato nel sistema di raccolta differenziata porta a porta. «L’ideale – dice il responsabile dell’area tecnica – sarebbe che ogni Comune si dotasse di un’area per lo stoccaggio provvisorio per facilitare l’utenza».

Nuova vita ai rifiuti, anche elettronici

Una volta arrivati negli impianti di trattamento, anche i Raee hanno una nuova vita. «I rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche vengono trattati e, almeno in parte, recuperati. In particolare – spiega l’ingegnere Salvo Ilardi – dai Raee si ricavano materiali nobili come il nichel dai cellulari o il rame dalle schede di televisori e personal computer». Frantumate le carcasse, il materiale nobile recuperato viene mandato in centri specializzati per la lavorazione. Quando tutte le fasi di recupero sono completate, i materiali possono essere rimessi nel mercato. Il meccanismo è sempre quello dell’economia circolare che porta avanti e mette in pratica un modello del ciclo dei rifiuti sostenibile. «La stessa cosa che accade con le bottiglie di vetro che, dopo essere passate dagli impianti di trattamento, danno vita a nuove bottiglie di vetro, per le lattine che diventano caffettiere o – conclude il responsabile dell’area tecnica di Kalat Ambiente Srr – per le bottiglie di plastica che si trasformano in prodotti di pile».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Non tutti gli oggetti sono uguali. E le differenze restano anche nel momento in cui smettono di esserci utili. Alcuni sono più particolari di altri e hanno bisogno di maggiori accortezze nel momento in cui, almeno per noi, diventano rifiuti. Quando cellulari, computer, stampanti o altri apparecchi elettronici sono troppo obsoleti e non funzionano più […]

Non tutti gli oggetti sono uguali. E le differenze restano anche nel momento in cui smettono di esserci utili. Alcuni sono più particolari di altri e hanno bisogno di maggiori accortezze nel momento in cui, almeno per noi, diventano rifiuti. Quando cellulari, computer, stampanti o altri apparecchi elettronici sono troppo obsoleti e non funzionano più […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]