Cenere dell’Etna 2021 ancora sui tetti delle scuole di Riposto. Vasta (Sud chiama Nord): «Infiltrazioni e pericolo»

A Riposto scuole a rischio infiltrazioni e crolli per la presenza della cenere vulcanica. A segnalare la problematica è l’on. Davide Vasta, parlamentare all’Assemblea Regionale Siciliana con Sud chiama Nord, il movimento politico fondato da Cateno De Luca. Da più di un anno, tre plessi degli istituti superiori aspettano la rimozione della sabbia lavica dell’Etna caduta copiosamente nell’agosto del 2021. Tetti, grondaie e pluviali degli immobili che ospitano gli studenti del Rizzo, Colajanni e Pantano necessitano di una pulizia straordinaria perché invasi dai lapilli. La situazione rappresenta un rischio che, con la stagione delle piogge, preoccupa tutta la popolazione studentesca.

Nonostante le richieste presentate dalla preside, Rosalba Mingiardi, i lavori non sono mai stati eseguiti. Da un sopralluogo, Vasta ha potuto constatare le condizioni nelle quali versano gli ambienti scolastici esterni. «La mancata tempestività degli interventi – ha dichiarato il deputato – pur ripetutamente segnalati dalla dirigente scolastica, hanno già causato pesanti infiltrazioni di acqua piovana. Lo scorso anno scolastico si sono registrati diversi allagamenti, uno dei quali ha addirittura rischiato di danneggiare irrimediabilmente le apparecchiature informatiche. Se a tutto questo aggiungiamo la quasi totale assenza di manutenzione ordinaria, a rischio c’è la stabilità degli edifici e con essa la sicurezza di alunni, insegnanti e di tutto il personale che ogni giorno frequenta i plessi scolastici. Il meteo finora è stato clemente ma le piogge non tarderanno ad arrivare e, se non si interverrà, le strutture subiranno ulteriori danni. Tutto ciò è inammissibile».

Davanti all’inerzia della Città metropolitana, era stata avanzata la proposta di procedere alla rimozione della cenere vulcanica tramite una ditta privata per poi procedere al recupero delle spese con una procedura esecutiva nei confronti dell’Ente proprietario. Ma il tentativo è caduto nel vuoto. «Ho chiesto un incontro urgente – prosegue Vasta – al Commissario straordinario per individuare in tempi brevissimi una soluzione al problema. Non possiamo attendere che le infiltrazioni di acqua causino cedimenti strutturali e che qualcuno si faccia male. Tanti altri istituti del territorio, tra l’altro, potrebbero trovarsi in questa stessa condizione. Tra le azioni sollecitate da Cateno De Luca c’è l’attenta attività di monitoraggio dello stato di conservazione degli edifici pubblici, in particolar modo delle scuole. Verificheremo, a riguardo ogni segnalazione che ci perverrà dal territorio».


Dalla stessa categoria

I più letti

A Riposto scuole a rischio infiltrazioni e crolli per la presenza della cenere vulcanica. A segnalare la problematica è l’on. Davide Vasta, parlamentare all’Assemblea Regionale Siciliana con Sud chiama Nord, il movimento politico fondato da Cateno De Luca. Da più di un anno, tre plessi degli istituti superiori aspettano la rimozione della sabbia lavica dell’Etna […]

A Riposto scuole a rischio infiltrazioni e crolli per la presenza della cenere vulcanica. A segnalare la problematica è l’on. Davide Vasta, parlamentare all’Assemblea Regionale Siciliana con Sud chiama Nord, il movimento politico fondato da Cateno De Luca. Da più di un anno, tre plessi degli istituti superiori aspettano la rimozione della sabbia lavica dell’Etna […]

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]