Catania-Ognina, raddoppio ferroviario atteso da anni Due nuove stazioni, resta l’incognita su treni e corse

I lavori sarebbero dovuti finire nel 2009, invece – in parte – sono stati inaugurati oggi. Il taglio del nastro del raddoppio ferroviario Catania-Ognina era atteso da anni: sono aperte, da subito, le stazioni Europa e Ognina. Mentre c’è ancora da aspettare per quella di Picanello, che non è ancora pronta e dovrebbe esserlo, forse, all’inizio del 2018. Per chi arriva nel capoluogo etneo dalla fascia ionica i tempi di percorrenza si riducono un poco: se prima i treni erano spesso costretti a fermarsi a Ognina e ad alternarsi in entrata o in uscita, da oggi le cose dovrebbero cambiare. Il dramma, però, è sempre lo stesso: i treni. La Regione Siciliana e Ferrovie dello Stato non hanno ancora firmato il contratto di servizio. «Ed è del tutto inutile costruire nuove stazioni, raddoppiare binari e innovare la linea se poi non aumentiamo il numero di treni, che poi è quello che i cittadini vedono». A dirlo è Renato Mazzoncini, amministratore delegato di FS. È l’unico pungolo in una mattinata di festeggiamenti: «Così cambia drasticamente il volto dell’area metropolitana. La dorsale ionica ha a disposizione una linea ferroviaria moderna, fruibile da non meno di 500, 600mila persone», annuncia il primo cittadino Enzo Bianco.

La nuova linea è lunga 2,6 chilometri – dei quali 1,4 in galleria – ed è costata, più o meno, cento milioni di euro. «Mi è stato detto che in questo cantiere non c’è stato neanche un infortunio sul lavoro», si complimenta Maurizio Gentile, amministratore delegato di Rete ferroviaria italiana, che ha costruito l’infrastruttura. «È una linea ferrata che può portare quasi duecento treni al giorno, utilizziamoli. L’ideale è avere tre treni ogni ora nelle ore di punta, andata e ritorno. Sarebbero, in totale, una sessantina di treni al giorno», conta l’ex assessore ai Lavori pubblici del Comune di Catania e attuale assessore regionale alle Infrastrutture Luigi Bosco. È l’incremento dei convogli l’ideale completamento della «cura del ferro» immaginata dalla Rete ferroviaria italiana per la Sicilia. «L’impegno verso Sud è aumentato in maniera significativa – conferma Mazzoncini – I cantieri vanno avanti, la nostra idea di intermodalità si sviluppa». E passa dalla più importante delle nuove opere previste: l’interramento dei binari della ferrovia che va da Bicocca ad Acquicella, per permettere l’allungamento della pista dell’aeroporto di Catania, che così potrà accogliere voli di portata sempre superiore. 

All’aeroporto di Fontanarossa guarda anche il protocollo d’intesa firmato stamattina alla presenza, anche, dei vertici di Sac, la società che gestisce lo scalo etneo. Entro il 2019 si devono completare le opere necessarie alla stazione Fontanarossa: una fermata delle ferrovie, servita da bus navetta messi a disposizione da Sac, che arrivi nei pressi del Vincenzo Bellini. «La gente potrà arrivare in 12 minuti alla Stazione centrale di Catania e poi distribuirsi in tutta la Sicilia con i treni – continua l’amministratore delegato di FS – È un’idea di turismo che in tutto il mondo hanno e che qui dobbiamo portare avanti». Ammodernando anche quello che già c’è. E che non è come dovrebbe. «Io sono anche commissario del governo per la nuova linea veloce Palermo-Catania-Messina – spiega Gentile – Collegando il raddoppio di oggi, con i progetti che abbiamo in cantiere realizziamo il nostro progetto sulla Sicilia». Gli obiettivi guardano al futuro in termini di un decennio: nel 2024 dovrebbero volerci un’ora e 45 minuti per arrivare da Catania a Palermo e viceversa. Nel 2027 tra Catania e Messina dovrebbero esserci giusto 45 minuti di treno. «Noi, qui, ci stiamo agganciando all’Europa», conclude Gentile.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]