Catania jazz, che maratona!

Anche quest’anno gli appassionati di musica jazz hanno avuto il piacere di assistere alla maratona musicale che ha visto esibirsi sul palcoscenico del teatro Ambasciatori un nutrito gruppo di musicisti siciliani.

L’evento, che l’associazione Catania jazz organizza in collaborazione con Europe Jazz Network, I-Jazz, Clusone Jazz Festival e Roccella Jonica Jazz Festival, mira soprattutto a far conoscere ed apprezzare la valenza degli artisti made in Sicily.

Per come è stato organizzato, l’evento ha avvicinato culture diverse dando spazio sia a musicisti di vecchia data, già stimati e conosciuti, che hanno fatto la storia del jazz nostrano, sia a giovani promettenti che si stanno affacciando ora al panorama musicale siciliano, da una parte così florido e pieno di nuove proposte e dall’altra così carente di spazi opportuni.

A conferma di ciò le esibizioni di ogni singolo gruppo sono state modulate in quattro o cinque brani alla volta. La serata si apre sulle note del piano suonato da Seby Burgiò che, a dispetto della giovane età, dimostra di avere acquisito una grande maturità musicale, dirigendo il più classico dei jazz trio, con double-bass e drum a fargli da spalla. Si prosegue ascoltando la voce di Stefania Patanè, cantante dei Ninkantu, il cui nome evoca la sicilianità che ritroviamo nel dialetto del cantato, sapientemente mixato con arrangiamenti jazz.

Per pareggiare i conti, ecco presentarsi sul palco il navigato Dino Rubino Trio, dove l’esperienza e la tecnica dei musicisti si mescolano con la finezza e il gusto musicale che esprimono in ogni momento dell’esibizione. Segue Paolo Sorge & The Jazz Waiters, che propone una serie di brani in cui si coglie l’attenzione prestata dai musicisti alla ricerca dell’innovazione di linguaggio musicale e melodia. Chiude la prima parte dell’happening il quartetto di Claudio Quartarone. Anche qui è indubbia la grande maturità e professionalità acquisita dagli esecutori.

Si riapre il sipario con l’omaggio al grande jazzista siculo-americano Joe Pass da parte del chitarrista Antonio Ferlito. Il testimone passa al Giuseppe Finocchiaro Trio, a cui segue il gruppo dei Katania Quintet che esegue brani tratti dal loro ultimo cd, le cui sonorità dolci e pulite riconducono alla sensualità del tango. Chiudono la maratona il Giovanni Semiserio Trio che spicca per il sapore prettamente classico e il Cristiano Giardini Quartet feat Sissy. Quest’ultimo esegue con grande maestria brani Blues e Bee Bop,  lasciandoci con la giovane voce di Sissy, la cui presenza scenica fa pensare alla grande Diana Krall.

Come ultimo atto la serata regala l’apparizione di una Dixieland Brass Band alle spalle del pubblico, che saluta in musica congedandoci definitivamente fino al prossimo appuntamento con la musica della Catania Jazz Marathon.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]