Castellana Sicula, laboratorio di idee per legge su Zfm «Nessuno investe, qui le tasse sono più degli introiti»

È entrato nel vivo il sit-in permanente per sensibilizzare il governo regionale a legiferare a favore di una fiscalità di sviluppo dedicata alle aree interne dell’Isola che si sta svolgendo a Castellana Sicula, in provincia di Palermo.

«Resteremo qui – afferma Vincenzo Lapunzina del comitato regionale per le Zfm – finché non avremo rassicurazioni sull’approvazione della legge obiettivo sulle Zone Franche Montane. Al presidente della Regione Nello Musumeci e al presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana Gianfranco Miccichè, da mesi – aggiunge Lapunzina – chiediamo di essere auditi. Probabilmente vorrebbero incontrarci, ma non sanno come risponderci». Le aree di montagna della Sicilia da oltre 1610 giorni attendono che l’Ars legiferi a favore della fiscalità di sviluppo.

Una giornata ricca di dibattiti e di confronto quella che si è svolta sotto la tenda di piazza Europa. «Il nostro obiettivo – sottolinea il Salvatore Cassisi, presidente del Centro commerciale naturale di Polizzi Generosa – è spronare i parlamentari a comprendere l’importanza di questa legge per il rilancio delle zone interne della Sicilia che, da anni, vivono una forte desertificazione». A tracciare un quadro della situazione attuale nelle Madonie è Pino Cità, vicepresidente di Confesercenti. «I centri storici si stanno svuotando e, nell’arco di 15 anni, le attività commerciali hanno registrato un calo del 60 per cento».

La preoccupazione maggiore del responsabile del Centro commerciale naturale di Petralia, Antonio Polito, è rivolta ai giovani che vorrebbero intraprendere attività commerciali nei territori di alta montagna ma «che si stanno scoraggiando a investire perché qui le tasse sono più degli introiti». Una testimonianza diretta è arrivata da Alberto Virga, presidente del Centro commerciale naturale di Gangi e panificatore. «Non è possibile che io che faccio il pane qui debba pagare l’energia elettrica allo stesso prezzo di un panettiere del Veneto o della Lombardia». Per chi vive e lavora in montagna ci sono degli svantaggi che, in qualche modo, devono essere compensati.

Il rischio, altrimenti, è la totale desertificazione. «Io sono gioielliere da quattro generazioni – racconta Santo Sauro – Un’attività che la mia famiglia porta avanti da 130 anni». Già costretto ad abbandonare la sede storica «perché il quartiere si era spopolato», adesso la sopravvivenza dell’attività è legata alla legge da approvare. «Se il territorio non offre possibilità, anche i miei figli andranno via e non continueranno la tradizione di famiglia». L’approvazione della legge per le Zfm «porterebbe più lavoro per i giovani che, al momento, sono costretti invece ad andare a vivere altrove», ne è convinta anche Lidia D’Angelo, presidente dell’associazione Pro Piano Battaglia e Madonie.

Va oltre Lillo Spitale della Cgil Madonie: «A essere negati oggi nelle aree interne dell’Isola sono i diritti di cittadinanza. La legge sulle Zfm – sottolinea Spitale – sarebbe uno strumento, un incentivo per attirare imprenditori, commercianti e artigiani a investire in questi territori».Territori che, invece, continuano a svuotarsi. «A Nicosia perdiamo 300 abitanti l’anno – denuncia Enzo Spinelli, presidente del locale centro commerciale naturale – Tendenza che potrebbe essere invertita con una legge a favore della fiscalità di sviluppo. Crediamo che l’amministrazione regionale abbia la volontà di portarla a termine – aggiunge – ma non possiamo aspettare altri 1600 giorni».

L’appello alla politica regionale per la legge sulle Zfm diventa sempre più corale. «È un appello alla sopravvivenza dei nostri territori – ribadisce Leonardo Neglia, sindaco di Petralia Sottana – Anche perché nel mio Comune, come in tanti altri, il saldo di natalità è negativo: solo sette nati nel 2019 a fronte di oltre una trentina di morti». È stato poi l’assessore ai Lavori pubblici di Gangi, Giandomenico Lo Pizzo, a ricordare le molte «risorse delle zone di montagna che vengono usate anche da chi vive in quelle costiere. Chi auspica la morte di alcuni territori o non fa niente per – afferma – si deve interrogare anche su questo». Un invito alla speranza è quello lanciato dal sindaco di Polizzi Generosa, Pino Lo Verde. «I deputati regionali devono ricordare che non esiste solo il palazzo di città che porta 400 voti per le elezioni. Io – conclude – ho la speranza che qui non finisca tutto e non muoia tutto, anche perché i partigiani della montagna non ce li siamo inventati noi». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]