Caso Mered, parla la moglie del vero trafficante «L’uomo che hanno arrestato non è mio marito»

«Sebayey aykonen», quest’uomo non è mio marito. È una risposta secca quella di Lidya Tesfu di fronte alla foto del ragazzo che dallo scorso 24 maggio si trova in carcere con l’accusa di essere Medhanie Yehdego Mered, il generale, uno dei più temuti boss della tratta di esseri umani dall’Africa all’Europa. Suo marito. Lei, nell’indagine che ha portato prima all’operazione Glauco 2 e poi all’arresto del 29enne eritreo, che ha sempre sostenuto di chiamarsi Medhanie Tesfamariam Berhe, gioca un ruolo da protagonista. In una chat privata di Facebook racconta a MeridioNews la sua verità. Lo fa dallo stesso account di Facebook che ha permesso agli investigatori di risalire alle immagini del trafficante, trovare i suoi contatti social e i suoi legami familiari. L’account che il 29enne eritreo rinchiuso al Pagliarelli aveva contattato in una occasione, finendo così sotto la lente degli inquirenti.

«Tutto quello che so di Medhanie Tesfamariam è che non è mio marito. L’ho conosciuto solo su Facebook, ma non so nient’altro di lui» dice la donna, che da tempo vive in Svezia con il figlio avuto da Mered. «Non ci siamo mai visti né conosciuti da nessun’altra parte». Le autorità italiane e inglesi sono arrivate al giovane eritreo attualmente sotto processo insospettiti dal nome Medhanie Meda, il suo contatto Facebook, presente tra gli amici di Lidya. «Questo significa che tutti i miei contatti di nome Medhanie sono mio marito? – risponde lei – È un crimine dire una cosa del genere. Ho già detto che Medhanie Tesfamariam non è mio marito».

«Ewe», sì. Anche la risposta che Lidya Tesfu dà di fronte alla foto diffusa dagli inquirenti durante le indagini è secca e senza tentennamenti. Ma stavolta è affermativa. «Questo è mio marito, Medhanie Yehdego Mered». La foto ritrae un uomo molto diverso da quello in carcere, visibilmente più grande – il trafficante ha 36 anni, mentre l’arrestato sostiene di averne 29 –  e anche i tratti del viso sono diversi. Lidya sa che suo marito è ricercato con l’accusa di essere un trafficante di uomini, ma la cosa sembra non turbarla. «E allora?» risponde. Sembrerebbe essere finita qui, ma questa volta è lei che prende la parola e formula una domanda: «Come mai il governo italiano lo cerca così tanto? I viaggi dalla Libia all’Italia sono iniziati molto tempo fa e lui non è l’unico che lavora in questo modo al confine».

Anche se, secondo Lidya, Mered sarebbe uscito dal giro, glielo aveva promesso. «Quando ci vediamo, gli chiedo di lasciare questo lavoro e lui mi dice sempre di averlo fatto. Quello che dicono gli altri sono tutte bugie. Lui ha smesso nel 2015. Perché continuano ad accusarlo per un lavoro fatto da altri?». Le sue parole, in effetti, sono coerenti con quanto sostenuto dagli inquirenti nell’ambito dell’operazione Glauco 2. Nelle carte dell’inchiesta, che risalgono a metà del 2014, quando Lidya era incinta, si legge che «l’indagato ha pianificato per alcuni mesi di cessare l’illecita attività criminale condotta e, soprattutto, di allontanarsi dalla Libia». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]