Carrozza del senato, silenzio al passaggio di Bianco «L’applauso? Lo faccio solo perché è la tradizione»

Applausometro in sordina anche quest’anno per il sindaco Enzo Bianco in occasione della consueta passeggiata in calesse del 3 febbraio, per la sfilata delle Carrozze del Senato che aprono ufficialmente i festeggiamenti agatini. Tra una certa indifferenza generale di cittadini, isolani rimpatriati per l’occasione e più o meno ignari turisti, il passaggio del primo cittadino e di alcuni esponenti della giunta comunale non ha registrato particolari reazioni tra le due ali di folla che si stendevano da piazza Duomo a piazza Stesicoro. L’attesa del sindaco per la tradizionale sfilata delle carrozze del Senato si è forse però protratta più a lungo del solito: Bianco si trovava infatti questa mattina all’inaugurazione di un orto didattico in via Nuovalucello e si è presentato alla corte interna di Palazzo degli elefanti poco prima di mezzogiorno. A fare le spese di quest’attesa, i vincitori morali dell’evento: sei cavalli bianchi, pazientemente fermi nel cortile e imbrigliati alle carrozze già dalle prime ore del mattino. Allo scoppio dei fuochi d’artificio, uno di loro ha mostrato segni d’agitazione ed è stato necessario somministrargli un calmante.

Ma anche i tanti cittadini catanesi presenti in piazza e lungo tutto il percorso delle carrozze sembravano immusoniti o poco interessati al passaggio delle alte cariche istituzionali cittadine. Tra isolati e timidi sberleffi sussurrati a denti stretti e abuliche osservazioni in dialetto catanese – «Talìa, c’è ‘u sinnacu» «Ah… Ma unni?» -, gli astanti non sono sembrati particolarmente inclini ad elargire applausi o fischi. «Io l’applauso al sindaco lo farò perché è tradizione. Si fa ogni anno a tutti i sindaci, tanto sono tutti uguali!», esclama una signora in piazza Duomo. «Io invece no – commenta un signore accanto – perché a me questo sindaco non piace». A qualche metro di distanza, alcuni catanesi doc, completi di cornetto e arancino, si ripromettono di applaudire sonoramente per onorare un momento di festa.

«Non abito più a Catania quindi a me del sindaco non interessa», aggiunge laconicamente un ex cittadino trasferitosi presso altri lidi e tornato per assistere alla festa. Ma durante i
momenti clou della sfilata, all’uscita dal Comune e all’arrivo in piazza Stesicoro, le mani sono rimaste ferme dov’erano: l’applausometro, il tradizionale momento che rivela gradimento o approvazione nei confronti del primo cittadino da parte del popolo catanese, ha registrato quindi un pacato silenzio senza infamia e senza lode, fatta eccezione per un timidissimo accenno d’applauso da parte di pochi al momento dell’uscita del cocchio in piazza Duomo. Silenzio che è poi divenuto totale all’altezza di piazza Stesicoro, dove le carrozze hanno condotto sindaco e giunta alla chiesa di Sant’Agata alla Fornace per la tradizionale offerta della cera.

Ad accompagnare il sindaco erano la
presidente del Consiglio comunale Francesca Raciti, l’assessora all’Istruzione Valentina Scialfa, la segretaria generale Antonina Liotta, il commendatore Maina e il piccolo Patrizio Zocco della classe IV D dell’istituto comprensivo di San Giorgio. A seguirli, a incastro nella carrozza più piccola, l’assessore all’Urbanistica Salvo Di Salvo, l’assessore alla Cultura Orazio Licandro, il vicensindaco Marco Consoli, l’assessore alle Attività produttive Agatino Lombardo e il presidente del comitato dei festeggiamenti Francesco Marano. Dopo la funzione religiosa, il gruppo ha poi sfilato a piedi in processione fino al Duomo. E solo dopo il loro ingresso in chiesa, le mani dei cittadini hanno iniziato a battere, ma solo per rivolgere un applauso ai vigili del fuoco e alla protezione civile, giunti anch’essi in piazza con i loro gonfaloni.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]